Strategie per il poker Texas Hold'em

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il poker non è un gioco di sola fortuna ma richiede grande capacità di calcolo, abilità di saper leggere le situazioni, un giusto dosaggio di audacia e pazienza. Dalla statistica alla psicologia, dalla posizione alla gestione del denaro a disposizione, le strategie per ottenere le migliori prestazioni possibili a Texas Hold'em.

26

Fortuna o abilità

Molte persone tendono a considerare il poker Texas Hold'em come un gioco in cui l'elemento fortuna sia preponderante. In realtà, studi specifici hanno confutato questo convincimento. Tra questi, la Cigital Inc., società specializzata nella sicurezza e sviluppo di software, attribuisce alla fortuna una percentuale del solo 12%, mentre tutto il resto è abilità. Nel Texas Hold'em, il calcolo delle probabilità rappresenta un fattore decisivo per determinare stategie vincenti. Come, per esempio, provare a contare e a conoscere il numero di outs, le carte ancora nel mazzo che possono migliorare la nostra mano.

36

Una questione di statistica

Nel poker Texas Hold'em ogni giocata va ponderata statisticamente. Esistono, per esempio, 169 combinazioni di carte possibili di partenza, con un'eventualità piuttosto rara che tra le nostre mani compaia una coppia d'assi: 0,45%, statisticamente una volta ogni 200. È necessario adeguare il nostro stile di gioco, sviluppando una sempre maggiore capacità di lettura statistica, contenuta nelle carte a disposizione. David Skiansky, grande giocatore di poker statunitense, grazie alle sue capacità di matematico, ha messo a punto una tabella in cui elenca le percentuali di vittoria in ogni mano, in un tavolo da 2 a 9 giocatori. La tabella di Skiansky, pur formalizzando un'applicazione statistica al gioco del poker, va intesa come suggerimento, non potendo, ovviamente, permettere vincite assicurate.

Continua la lettura
46

Strategie psicologiche

Non basta saper far di conto. Un modo per giocare bene a Texas Hold'em, accrescendo le possibilità di vittoria, consiste nello sviluppo delle proprie attitudini psicologiche. Qualità da utilizzare per controllare se stessi e per capire lo stato d'animo degli altri giocatori. Molte ricerche evidenziano come il rapporto tra poker e psicologia sia molto stretto. Non è raro che alcuni campioni siano anche psicologici a tutti gli effetti. Il caso più clamoroso è quello del loatiano naturalizzato statunitense Jerry Yang, campione del mondo nel 2007, psicologo e assistente sociale. Una delle principali strategie psicologiche da adottare sul tavolo verde del poker Texas Hold'em è il controllo delle proprie emozioni, da non evidenziare attraverso continui cambiamenti di posture e comportamenti. Buona regola è agire sempre come un giocatore vincente, senza lasciare trasparire i propri tormenti e paure. Importante è anche osservare attentamente gli altri per individuare un qualche gesto o tic, che renda esplicito il loro stato d'animo. L'attenzione va posta soprattutto sulle mani, che spesso rivelano indizi importanti sulla condizione psicologica dei nostri avversari. In certi frangenti, una delle miglori strategie da utilizzare può essere l'invio di falsi segnali, trasmettendo messaggi che disorientano gli avversari: una sorta di "bluff" psicologico.

56

Occhio alla posizione

Uno dei fattori principali e determinanti nelle strategie di gioco del Texas Hold'em è la posizione, cioè l'ordine con cui il giocatore ha la possibilità di attuare la propria mossa. Essere l'ultimo o tra gli ultimi a parlare implica molti vantaggi. Amplia notevolmente il raggio delle nostre scelte, che hanno la possibilità di essere più flessibili, grazie alla conoscenza dei comportamenti degli avversari. Con il quadro della situazione più chiaro, si possono attuare le strategie che riteniamo più adeguate, puntare a una vincita o, al contrario, non rischiare giocate pericolose. Sfruttare, quindi, una posizione vantaggiosa, rappresenta un elemento da tenere in grande considerazione durante una partita di poker. Invece, quando si è fuori posizione è meglio mettere in atto strategie più attendiste. Ovviamente, si può derogare a questa regola, se si ha la certezza di avere in mano carte con alte probabilità di successo. Una delle leggi fondamentali del Texas Hold'em consiste nel non innamorarsi delle proprie carte. Meglio lasciare la mano, quando si capisce che tira aria di sconfitta quasi certa.

66

Come gestire il bankroll

Il bankroll, cioè l'ammontare dei soldi che abbiamo a disposizione, è la condizione necessaria per poter restare in una partita di Texas Hold'em. Il saper gestire queste finanze è certamente una delle strategie più importanti. Occorre ricordare che le partite di Texas Hold'em, in genere, si vincono alla distanza e non sempre chi parte in vantaggio si rivela poi vittorioso. Inoltre, capita spesso di non ricevere buone carte per molte mani. È proprio questo il momento in cui non bisogna lasciarsi trascinare da scelte avventate e armarsi, invece, di pazienza, in attesa della mano giusta. La pazienza è infatti una delle strategie più segrete per diventare un abile giocatore di poker Texas Hold'em.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Trucchi per vincere a Poker Texas Hold'em

Texas Hold'em è una variante del classico poker. In questa versione ogni giocatore riceve solo due carte per mano, senza non ha possibilità di cambiarle, e sono inoltre presenti cinque carte sul banco: tre già scoperte e due che si andranno a scoprire...
Giochi da tavolo

Le regole del poker

Il poker, negli ultimi anni, è rapidamente diventato il gioco di carte più diffuso al mondo. Grazie alle sue innumerevoli varianti e alla capacità di creare suspance, il numero di giocatori è in costante aumento. Tuttavia, non tutti conoscono le vere...
Giochi da tavolo

Come studiare una strategia vincente a Poker Omaha

Esistole diverse varianti di Poker, una di questa è sicuramente lo Omaha. Questo si basa sulle conoscenze del Texas Hold'em ma che si differenziano per la loro strategia di gioco. La differenza più evidente è possedere quattro carte incede che due....
Giochi da tavolo

Le regole del poker Omaha

Il poker è un gioco di abilità sempre più diffuso ed apprezzato a livello globale. I migliori giocatori si cimentano in varianti spesso poco conosciute rispetto al popolarissimo Texas Hold'em No Limit ed al Poker Classico a 5 carte, le quali sicuramente...
Giochi da tavolo

Le regole per il poker Heads Up

L' Heads Up nel Poker Texas Hold'em rappresenta il testa a testa finale di un torneo, oppure un formato vero e proprio in cui due giocatori si contendono la vittoria finale. Il fascino dell' Heads Up risiede, soprattutto nei grandi tornei, nella sua componente...
Giochi da tavolo

Le regole dello Stud Poker

Il 7 Card Stud Poker è una variante di poker meno popolare rispetto al celebre Texas Hold'em, ma non per questo meno coinvolgente e divertente. Questa disciplina come anche l' Omaha (alle cui regole rimandiamo nel caso in cui foste interessati alle varianti...
Giochi da tavolo

Come calcolare le odds nel poker

Il texas hold'em o poker alla texana è una delle varianti del poker. A differenza del poker all'italiana, dove ogni giocatore dispone di 5 carte coperte, scambiabili in un secondo momento con un numero compreso da uno a cinque carte coperte, quello alla...
Giochi da tavolo

Come calcolare le odds nel Poker Texano

Il poker non è un gioco di fortuna! Se nella singola partita o torneo anche i neofiti possono raggiungere il successo, alla lunga i giocatori esperti con maggiori conoscenze e skill più affinate avranno di certo la meglio. Le doti fondamentali per essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.