Scacchi: quando sacrificare una pedina

Tramite: O2O 18/08/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nel gioco degli scacchi, la scelta di sacrificare una delle proprie pedine va valutata attentamente, per assicurarsi che questo dia un vantaggio importante (per esempio, la possibilità di compiere uno scacco matto). Di seguito saranno elencate alcune delle situazioni che possono portare a questa scelta, tenendo presente che essendo una complicata mossa tattica va valutata tendendo conto della situazione di gioco complessiva.
Bisogna inoltre essere pronti alla scelta dell'avversario di sacrificare pezzi a suo vantaggio, cosa che se non prevista potrebbe mettere in pericolo le nostre posizioni e renderci impossibile proseguire il gioco in maniera efficace.

27

Per tutelare un proprio pezzo di alto valore

In questo caso, la scelta del sacrificio nasce dalla necessità di tutelare un proprio pezzo importante, attualmente in pericolo (es. Scegliere di sacrificare un proprio cavallo per assicurarsi che l'avversario non mangi la regina).
In questo caso bisogna sempre assicurarsi di non scoprire posizioni sensibili, che possano rendere vulnerabili la nostra posizione.

37

Per ottenere una posizione importante a livello tattico

In questo caso il sacrificio è indipendente dal valore dei pezzi in gioco ma si basa sulla necessità di ottenere una posizione importante per la propria strategia.
Bisogna comunque tenere conto delle possibili reazioni dell'avversario ed essere preparati ad ogni eventuale contromossa, tenendo conto che questa scelta porta a conseguenze difficili da prevedere.

Continua la lettura
47

Per giungere allo scacco matto in due mosse

In questo caso si decide di sacrificare un proprio pezzo per avere la certezza di giungere allo scacco matto alla mossa successiva.
Se si compie una scelta di questo tipo è importante tenere conto della reazione dell'avversario, per assicurarsi che non possa compromettere il risultato finale.

57

Per impedire la strategia dell'avversario

Avviene quando, dopo avere intuito in che modo il nostro avversario vuole agire, si cerca di limitare la sua possibilità d'azione privandolo di pezzi importanti. In questo caso bisogna tenere conto del valore dei pezzi sacrificati per assicurarsi di non abbassare troppo le difese, cosa che potrebbe causare la nostra sconfitta.

67

Sacrificio intrinseco alla strategia

In questo caso il sacrificio fa parte della nostra tattica, dobbiamo quindi avere previsto le nostre mosse successive in funzione di ogni possibile replica. Dato che questa mossa viene effettuata sonololo in funzione di un vantaggio futuro e non in presenza di un reale pericolo, dobbiamo assicurarci di essere in grado di continuare la partita in modo efficace nonostante la mancanza del pezzo sacrificato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Scacchi: 5 strategie vincenti

Gli scacchi sono un gioco da tavola antichissimo, che risale al VI secolo e grazie alla cultura Araba si sono diffusi in tutta Europa. È sempre stato un gioco a due avversari, associato ad abilità di concentrazione, mosse studiate e astuzia. Nonostante...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a scacchi

Per arrivare ad avere una totale padronanza del gioco degli scacchi, che è uno fra i più antichi e complessi giochi da tavolo, occorrono senz'altro molti anni di dedizione ed esperienza. Tuttavia, se il nostro obiettivo non è quello di diventare dei...
Giochi da tavolo

Come giocare agli scacchi bizantini

Gli scacchi sono sicuramente uno dei giochi da tavolo più antichi e più conosciuti. Si gioca con delle pedine da muovere su una scacchiera, in particolare: re, regina, alfieri, cavalli, torri e pedoni. Si tratta di un gioco di intelligenza e di strategia,...
Giochi da tavolo

Come fare un Arrocco a scacchi

L'arrocco è una delle mosse tattiche più importanti nel gioco degli scacchi. È l'unica mossa nella quale un giocatore può spostare contemporaneamente due pezzi in un'unica mossa. Prima di fare questa mossa tuttavia, è necessario controllare di avere...
Giochi da tavolo

Come e quando arroccare il re negli scacchi

Gli "scacchi" è un gioco risalente a vari secoli fa. Pedoni, Torri, Alfieri, Cavalli, Re, Regina, tutti pezzi che caratterizzano questo antichissimo gioco di corte. I due avversari dispongono di questi "pezzi" con lo scopo di non permettere al giocatore...
Giochi da tavolo

Scacchi: le migliori aperture

L'apertura, in una partita di scacchi, consiste nelle prime mosse eseguite da un giocatore durante la partita. Si tratta quindi di una fase fondamentale di una partita di scacchi, che determina il controllo della scacchiera e, di conseguenza, fornisce...
Giochi da tavolo

10 tattiche per vincere a scacchi

Nato probabilmente in India nel VI secolo, il gioco degli scacchi ebbe nel mondo arabo e nel continente europeo un successo indescrivibile, tanto che per la sua diffusione in ogni ambiente fu considerato un vizio da cui rifuggire. Ai nostri tempi, al...
Giochi da tavolo

Scacchi: come vincere in tre mosse

Il gioco degli Scacchi è un gioco di strategia bellissimo, ma allo stesso tempo difficilissimo. Il gioco consiste nel muovere i propri pezzi sulla scacchiera, al fine di bloccare il re avversario, precludendogli la possibilità di spostarsi di casella....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.