Scacchi: le condizioni per lo stallo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il gioco degli scacchi è un gioco di strategia, dalle origini antichissime e affascinanti, e precisamente dall'origine persiana. Gli scacchi sono un gioco di intelligenza e abilità, che richiede prontezza e precisione, oltre che molta astuzia e allenamento. Nel gioco degli scacchi possono verificarsi diverse situazioni: una di essa è quella dello stallo. Ma in quali situazioni precisamente si verifica lo stallo? E che cosa bisogna fare in una circostanza simile, come comportarsi? Se volete capire meglio le condizioni e le modalità che si riferiscono allo stallo negli scacchi, leggete e seguite i consigli di questa guida.

24

Dal ruolo che viene dato allo stallo dipende il risultato della partita, ecco perché è importante fissare le condizioni nelle quali esso si verifica o meno.
Le conseguenze dello stallo sono mutate molto nel corso dei secoli e a seconda dei paesi. Per esempio, ponendo che vi fosse lo stallo del re nero, in Arabia nel X secolo la vittoria al bianco; in Spagna, fino al XVIII secolo, si considerava che la vittoria del bianco fosse una semi-vittoria; in Russia e Gran Bretagna, la vittoria era del nero, in Italia a partire dal XIV secolo il risultato era la patta, e tale usanza si diffuse in tutta Europa.

34

Col termine scacchistico di stallo si va ad indicare quella situazione nella quale uno dei due giocatori non ha più a disposizione nessuna mossa legale da effettuare, anche se non si trova ancora sotto scacco. In pratica, quando uno dei giocatori è in stallo, la partita automaticamente si conclude, con il risultato di patta, e cioè di parità fra i giocatori. Si tratta quindi di uno dei pochi casi tassativi delle regole del gioco per cui la partita termina senza un vincitore. Capita abbastanza spesso nella pratica che quello fra i due giocatori che si trovi in una posizione prossima alla sconfitta, o molto in svantaggio, tenti di entrare in stallo, per evitare così di essere dichiarato sconfitto. Tuttavia, bisogna fare attenzione: non in tutte le varianti del gioco la situazione di stallo determina la conclusione pari del gioco. Talvolta infatti esso provoca l'automatica vittoria del giocatore con meno materiale oppure del giocatore che si trova in stallo, a seconda della variante presa in considerazione.

Continua la lettura
44

Lo stallo si è verificato anche durante numerose partite celebri, anche campionati mondiali. Prendiamo l'esempio, uno per tutti, della partita fra Viswanathan Anand e Vladimir Kramik, del 2007: durante lo svolgimento di questa partita, campionato del mondo di scacchi, il Nero deve catturare il pedone in f5 e quindi causare lo stallo, poiché ogni altra mossa perde.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare agli scacchi bizantini

Gli scacchi sono sicuramente uno dei giochi da tavolo più antichi e più conosciuti. Si gioca con delle pedine da muovere su una scacchiera, in particolare: re, regina, alfieri, cavalli, torri e pedoni. Si tratta di un gioco di intelligenza e di strategia,...
Giochi da tavolo

Come Giocare Agli Scacchi Di Capablanca

José Raúl Capablanca y Graupera fu un famoso giocatore di scacchi cubano, che detenne il titolo di campione del mondo dal 1921 al 1927. La passione per il gioco lo prese sin da piccino, vedendo giocare il padre ed assistendo ad un incontro fra due famosi...
Giochi da tavolo

Come calcolare il punteggio ELO in un torneo di scacchi

Il gioco degli scacchi è sempre più apprezzato nel mondo, grazie alla sua logica ferrea e alle regole che si perdono nei secoli. Da sempre infatti affascina grazie alle diverse strategie applicabili e alla grande concentrazione richiesta, permettendo...
Giochi da tavolo

Come fare un Arrocco a scacchi

L'arrocco è una delle mosse tattiche più importanti nel gioco degli scacchi. È l'unica mossa nella quale un giocatore può spostare contemporaneamente due pezzi in un'unica mossa. Prima di fare questa mossa tuttavia, è necessario controllare di avere...
Giochi da tavolo

Come Muovere I Pezzi Degli Scacchi

Il gioco degli scacchi è uno dei più diffusi al mondo, dove a far da padrona è l'intelligenza, assieme alla capacità della mente di intuire quale sarà la prossima mossa dell'avversario. Gli scacchi non sono un gioco facilissimo ed alla portata di...
Giochi da tavolo

Come e quando arroccare il re negli scacchi

Gli "scacchi" è un gioco risalente a vari secoli fa. Pedoni, Torri, Alfieri, Cavalli, Re, Regina, tutti pezzi che caratterizzano questo antichissimo gioco di corte. I due avversari dispongono di questi "pezzi" con lo scopo di non permettere al giocatore...
Giochi da tavolo

Scacchi: come sviluppare un gioco difensivo

Gli scacchi sono uno dei giochi da tavolo per eccellenza. Implicano una buona dose di ragionamento, per questo si dovrebbe giocare a scacchi con molta calma e pazienza, dando il tempo all'avversario e studiando una strategia. Avendo una buona strategia...
Giochi da tavolo

Le principali difficoltà in una partita di scacchi

Il gioco degli scacchi è uno dei giochi da tavolo più antichi e più famosi al mondo. Questo gioco, anche se viene chiamato gioco, è molto serio e anche molto strategico. È il protagonista di molti tornei, e anche della nascita e della rottura di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.