Scacchi: le condizioni per lo stallo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il gioco degli scacchi è un gioco di strategia, dalle origini antichissime e affascinanti, e precisamente dall'origine persiana. Gli scacchi sono un gioco di intelligenza e abilità, che richiede prontezza e precisione, oltre che molta astuzia e allenamento. Nel gioco degli scacchi possono verificarsi diverse situazioni: una di essa è quella dello stallo. Ma in quali situazioni precisamente si verifica lo stallo? E che cosa bisogna fare in una circostanza simile, come comportarsi? Se volete capire meglio le condizioni e le modalità che si riferiscono allo stallo negli scacchi, leggete e seguite i consigli di questa guida.

24

Dal ruolo che viene dato allo stallo dipende il risultato della partita, ecco perché è importante fissare le condizioni nelle quali esso si verifica o meno.
Le conseguenze dello stallo sono mutate molto nel corso dei secoli e a seconda dei paesi. Per esempio, ponendo che vi fosse lo stallo del re nero, in Arabia nel X secolo la vittoria al bianco; in Spagna, fino al XVIII secolo, si considerava che la vittoria del bianco fosse una semi-vittoria; in Russia e Gran Bretagna, la vittoria era del nero, in Italia a partire dal XIV secolo il risultato era la patta, e tale usanza si diffuse in tutta Europa.

34

Col termine scacchistico di stallo si va ad indicare quella situazione nella quale uno dei due giocatori non ha più a disposizione nessuna mossa legale da effettuare, anche se non si trova ancora sotto scacco. In pratica, quando uno dei giocatori è in stallo, la partita automaticamente si conclude, con il risultato di patta, e cioè di parità fra i giocatori. Si tratta quindi di uno dei pochi casi tassativi delle regole del gioco per cui la partita termina senza un vincitore. Capita abbastanza spesso nella pratica che quello fra i due giocatori che si trovi in una posizione prossima alla sconfitta, o molto in svantaggio, tenti di entrare in stallo, per evitare così di essere dichiarato sconfitto. Tuttavia, bisogna fare attenzione: non in tutte le varianti del gioco la situazione di stallo determina la conclusione pari del gioco. Talvolta infatti esso provoca l'automatica vittoria del giocatore con meno materiale oppure del giocatore che si trova in stallo, a seconda della variante presa in considerazione.

Continua la lettura
44

Lo stallo si è verificato anche durante numerose partite celebri, anche campionati mondiali. Prendiamo l'esempio, uno per tutti, della partita fra Viswanathan Anand e Vladimir Kramik, del 2007: durante lo svolgimento di questa partita, campionato del mondo di scacchi, il Nero deve catturare il pedone in f5 e quindi causare lo stallo, poiché ogni altra mossa perde.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Mancala

Il Mancala è un gioco da tavolo diffuso principalmente in Africa e Medio Oriente, in Europa quasi sconosciuto ma simile al gioco degli scacchi. Nonostante non sia facile giocare, è considerato come una fonte di informazioni importante dagli antropologi....
Giochi da tavolo

Consigli per comporre velocemente un puzzle

I ritmi di vita oggigiorno sono sempre più frenetici e stressanti, ritagliarsi un attimo di tempo per potersi rilassare è diventato sempre più difficile. Ma cosa fare in quei brevi momenti che siamo riusciti a dedicare a noi stessi?Un’attività semplice...
Giochi da tavolo

Come giocare a Circus Train

Circus Train è un gioco da tavolo. Sicuramente non è famoso come altri titoli della sua categoria, ma il suo obiettivo di gioco lo rende interessante e particolare. L'ambientazione dello scenario di gioco è immersa negli anni '20 e '30 del Novecento....
Giochi da tavolo

Scacchi: come vincere in tre mosse

Il gioco degli Scacchi è un gioco di strategia bellissimo, ma allo stesso tempo difficilissimo. Il gioco consiste nel muovere i propri pezzi sulla scacchiera, al fine di bloccare il re avversario, precludendogli la possibilità di spostarsi di casella....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Sport: Le regole del gioco degli scacchi

All'interno di questa breve guida, come avrete sicuramente compreso dal titolo della stessa, andremo a dedicarci a uno specifico sport, particolare, in quanto non di movimento, ma di ragionamento: gli scacchi. Andremo a spiegare quali sono le regole del...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Subbuteo

Subbuteo, sostanzialmente uguale all'americano Scrubble, è una buona fonte di intattenimento per passare una serata tranquilla (non proprio) con gli amici.Ecco le linee guida per permettere anche a chi non ha mai giocato a questo famosissimo gioco da...
Giochi da tavolo

Come e quando arroccare il re negli scacchi

Gli "scacchi" è un gioco risalente a vari secoli fa. Pedoni, Torri, Alfieri, Cavalli, Re, Regina, tutti pezzi che caratterizzano questo antichissimo gioco di corte. I due avversari dispongono di questi "pezzi" con lo scopo di non permettere al giocatore...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.