Scacchi: 7 tattiche di attacco

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Un gioco che esiste dalla notte dei tempi e che nelle varie epoche si è diffuso fino a diventare uno dei più amati: il gioco degli scacchi. Il fascino dei suoi pezzi e l'iconica scacchiera ha appassionato molte generazioni. Di ogni materiale e con temi diversi, il gioco ha moltissime versioni e resta sempre attuale. Gli strateghi più esperti sono sicuramente a conoscenza delle principali tecniche di gioco: vediamo insieme 7 tattiche di attacco per i meno esperti ma appassionati.

28

L'inchiodatura

L’inchiodatura consiste nell’attaccare un pezzo che difende un altro pezzo di importanza superiore. Questa tattica viene usata per eliminare una difesa e scoprire un pezzo importante, per immobilizzare un pezzo che l’avversario avrebbe giocato nella mossa successiva. Non è adatto il cavallo per questa mossa, poiché “salta i pezzi”.

38

Attacco a raggi X

Altrimenti detto "attacco fasullo" in quanto mette solamente pressione all'avversario. Si tratta di attaccare un pezzo che sicuramente non manterrà quella posizione nella mossa successiva, ma questo comporta un momento di preoccupazione per l'avversario.

Continua la lettura
48

Mulinello

È la mossa più temuta, un attacco al Re, ripetuto più volte. Ciò provoca una inevitabile perdita di pezzi, che vengono sacrificati al fine di salvare il pezzo più importante, il Re. Quando l'attacco al Re è unico, questo attacco viene chiamato "scacco di scoperta".

58

Attacco doppio

Questo attacco avviene contemporaneamente su due pezzi. Viene spesso utilizzato il cavallo, pezzo che non può essere attaccato. Nel momento in cui uno dei pezzi attaccati è il Re, l’avversario si trova in difficoltà perché nel tentativo di difenderlo procura inevitabilmente la perdita del secondo pezzo attaccato.

68

Deviazione

Se uno o più pezzi vengono attaccati da molti pezzi nemici bisogna pensare a una mossa detta "deviazione": bisogna attirare l’attenzione dell’avversario verso altri pezzi, attaccandoli e inducendo pertanto l’avversario a spostare i pezzi difensori.

78

Tempo

Far perdere tempo all'avversario lo confonde e lo indebolisce. La mossa che permette all’avversario di avere una forte difesa è infatti chiamata “tempo”: il sacrificio di un pedone diventa utile, ma anche dare lo scacco al Re, costringendo l’avversario a concentrare le difese su quest’ultimo.

88

Attacco di scoperta

Ci troviamo nel caso in cui un nostro pezzo funga da difesa a quello avversario: rimuovendolo, viene permesso l'attacco. Infatti il pezzo che attacca non è quello rimosso, bensì quello che si trovava precedentemente in una posizione resa inefficace dal pezzo rimosso.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

10 regole per vincere a scacchi

Gli scacchi sono un gioco di strategia, diffuso in tutto il mondo, che prevede due avversari che si sfidano detti "Bianco" e "Nero", per il rispettivo colore delle pedine usato. Questi due giocano su una scacchiera, composta da 64 caselle di due colori...
Giochi da tavolo

Come fare un Arrocco a scacchi

L'arrocco è una delle mosse tattiche più importanti nel gioco degli scacchi. È l'unica mossa nella quale un giocatore può spostare contemporaneamente due pezzi in un'unica mossa. Prima di fare questa mossa tuttavia, è necessario controllare di avere...
Giochi da tavolo

Le principali difficoltà in una partita di scacchi

Il gioco degli scacchi è uno dei giochi da tavolo più antichi e più famosi al mondo. Questo gioco, anche se viene chiamato gioco, è molto serio e anche molto strategico. È il protagonista di molti tornei, e anche della nascita e della rottura di...
Giochi da tavolo

Scacchi: come vincere in tre mosse

Il gioco degli Scacchi è un gioco di strategia bellissimo, ma allo stesso tempo difficilissimo. Il gioco consiste nel muovere i propri pezzi sulla scacchiera, al fine di bloccare il re avversario, precludendogli la possibilità di spostarsi di casella....
Giochi da tavolo

Scacchi: quando sacrificare una pedina

Nel gioco degli scacchi, la scelta di sacrificare una delle proprie pedine va valutata attentamente, per assicurarsi che questo dia un vantaggio importante (per esempio, la possibilità di compiere uno scacco matto). Di seguito saranno elencate alcune...
Giochi da tavolo

Sport: Le regole del gioco degli scacchi

All'interno di questa breve guida, come avrete sicuramente compreso dal titolo della stessa, andremo a dedicarci a uno specifico sport, particolare, in quanto non di movimento, ma di ragionamento: gli scacchi. Andremo a spiegare quali sono le regole del...
Giochi da tavolo

5 errori da evitare in una partita a scacchi

Giocare una partita a scacchi significa isolarsi per un po di tempo dal mondo.Questo gioco, infatti, richiede grandi capacità ma anche tanta concentrazione.Nonostante ciò sono molti gli errori di distrazione o tattica che commettono gli scacchisti e...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a scacchi

Per arrivare ad avere una totale padronanza del gioco degli scacchi, che è uno fra i più antichi e complessi giochi da tavolo, occorrono senz'altro molti anni di dedizione ed esperienza. Tuttavia, se il nostro obiettivo non è quello di diventare dei...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.