Regole per giocare ad Amyitis

Tramite: O2O 13/09/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Amyitis è un gioco da tavolo ambientato in tempi antichi, in Babilonia, più precisamente nel 590 d.C. Il re di Babilonia, Nabucodonosor, sposa la bellissima principessa Amyitis. Dopo il matrimonio, il re decide di voler costruire dei magnifici giardini pensili da dedicare alla sua amata. I giocatori dovranno quindi impersonare dei nobili babilonesi che collaboreranno alla creazione di questi splendidi giardini, ottenendo maggiore prestigio in città e agli occhi del re. Le partite richiedono un minimo di due a un massimo di quattro giocatori e durano in media un'ora. Vediamo dunque quali sono le regole e i passi fondamentali per giocare ad Amyitis!

26

Predisporre i pezzi

Per poter svolgere correttamente la partita, è fondamentale predisporre i pezzi di gioco. Per prima cosa, bisogna posizionare i gettoni che rappresentano i cammelli sulla piazza Babilonia, presente sul tabellone di gioco. Cammelli, monete (chiamate talenti), cubi e prodotti neutrali rappresentano il magazzino generale e vanno tenuti a portata di mano. Le carte Pianta devono essere posizionate casualmente in corrispondenza delle città. Le altre carte vanno invece mescolate e disposte vicino al tabellone, in gruppi di tre. Le tessere giardino, importanti per ottenere PV (Punti Vittoria), vanno disposte in varie aree del giardino. Dopodiché, ogni giocatore sceglie un colore e, di conseguenza, prende i cammelli, i cubi e i talenti di quel colore. Infine, i giocatori posizionano il proprio segnalino sul numero 0 della scoring track (il percorso disegnato lungo i bordi del tabellone).

36

Svolgere le azioni

Ogni giocatore, durante il proprio turno, può svolgere tre tipi principali di azioni: passare, reclutare, muovere una carovana. Passare è l'azione più semplice, con cui il giocatore sposta il suo segnalino sulla casella "Passa" (lungo la scoring track), rinunciando a compiere qualunque azione. In questo modo, otterrà un talento aggiuntivo. Reclutare permette invece di assumere dei lavoratori, scegliendo una carta Mestiere, tra quelle disposte in gruppi di tre, e pagando la relativa somma di denaro. In base al mestiere scelto, si possono svolgere altre azioni. Infine, muovere una carovana consente di spostarsi in diverse città e acquistare piante per migliorare il giardino, oppure di ottenere dei vantaggi come soldi o PV. Tuttavia, per muovere la carovana è necessario pagare dei cammelli.

Continua la lettura
46

Conoscere i mestieri

I mestieri tra cui scegliere sono di vario genere e ognuno di essi ha delle caratteristiche ben precise, che è bene conoscere nel dettaglio. Come abbiamo detto, essi permettono di svolgere altre azioni, importanti per ottenere PV, risorse o denaro. Per esempio, scegliendo il contadino, si può collocare un cubo in un campo e, in questo modo, si può ottenere una risorsa Vino. Tale risorsa è molto utile, infatti può sostituire qualunque altro tipo di risorsa. Con il prete, invece, il giocatore può posizionare un cubo in un tempio. Questo gli darà il diritto di ricevere alcuni bonus, come denaro, tessere giardino e risorse. Con l'ingegnere sarà possibile irrigare i campi, azione che fa guadagnare dei PV. Infine, il mercante consente di ottenere un cammello, che, come sappiamo, è indispensabile per muovere la carovana.

56

Giocare il turno finale

Quando tutti i giocatori hanno terminato il proprio turno, prima di ricominciare il nuovo giro, c'è il cosiddetto "turno finale". In questo passaggio, bisogna contare quanti cubi ogni giocatore ha piazzato nei templi. Colui che ha un numero maggiore di cubi rispetto agli altri, riceverà delle ricompense. Esse cambiano in base al tempio: se il tempio in questione è quello di Ishtar, allora il giocatore riceverà un cammello o un certo numero di talenti; se si tratta del tempio di Marduk, riceverà dei PV; se si tratta del tempio di Tammouz, potrà piazzare automaticamente un cubo in un campo e ottenere la risorsa Vino. Inoltre, se il giocatore è da solo in un tempio, cioè non ci sono altri cubi appartenenti ad altri giocatori, otterrà una ricompensa maggiore.

66

Calcolare il punteggio

Il gioco termina quando il numero delle tessere giardino è sceso a tre. A questo punto, bisogna calcolare il punteggio ottenuto. Le tessere giardino valgono molti punti: se se ne possiedono cinque o sei, si ottengono 5 PV; se invece se ne possiedono più di sei, si ha diritto a ben 10 PV! Inoltre, ogni pianta acquistata nelle altre città vale 1 PV. Ma il loro valore può aumentare in base a come le abbiamo curate nel corso della partita (è sufficiente innaffiarle per farle crescere bene). In più, per ogni elemento del magazzino generale che non è stato usato, si riceve 1 PV. Tra le azioni che si possono svolgere tramite i lavoratori, quelle che sicuramente ci faranno guadagnare di più sono irrigare il giardino e piazzare i cubi al tempio di Marduk; tali azioni valgono infatti ben 2 PV. Le altre invece ci faranno acquisire 1 PV. Chi ha il numero maggiore di PV, vince la partita!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a l'Allegro Chirurgo

L'Allegro Chirurgo è sicuramente uno dei giochi da tavola più apprezzati a livello globale. Anche in Italia, questo titolo è un vero e proprio classico che non sente il peso degli anni. Commercializzato in tutto il mondo, si caratterizza per una serie...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Forza Quattro

Sia gli adulti che i più piccoli adorano cimentarsi con Forza Quattro. Si tratta di un gioco che ci fa divertire da numerose generazioni e che continua a riscuotere un grande successo di pubblico. Realizzato dall'azienda MB (Milton-Bradley) nell'ormai...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a 13 indizi

13 indizi è un fantastico gioco di logica da tavoli che appassiona sia grandi per piccini. In questo gioco bisognerà immedesimarsi nei panni del più grande detective di tutti i tempi: il leggendario Sherlock Holmes. Prima di divertirsi con questo sfizioso...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Machiavelli

Machiavelli è un gioco di carte piuttosto semplice da imparare date le poche regole, ma consente partite anche molto lunghe, permettendo ai giocatori di sfoggiare le proprie capacità logiche attraverso manovre, per l'appunto, "machiavelliche" che permetteranno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Sbarazzo: regole e consigli

Il gioco delle carte, come molti altri, è apprezzato e usato da tante persone spaziando dai più giovani ai più maturi. Ci sono molto giochi che si posso fare ed ora vorrei prendere in considerazione quelli fatti con le carte, cosiddette, da briscola....
Giochi da tavolo

Regole per giocare al Gioco della Vita

Il Gioco della Vita è un gioco da tavolo di società. Si ha a disposizione un tabellone dove ogni giocatore deve intraprendere una serie di scelte che rappresentano il corso della sua vita tra studi, matrimonio, nascita dei figli e imprevisti. Lo scopo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.