Regole per giocare a UNO

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Uno è un gioco di carte che vede i suoi albori negli Stati Uniti, seppur la sua originalità sia incerta in quanto esistono diversi giochi piuttosto antichi che si basano su meccanismi molto simili. Uno è stato creato da Merle Robbins nel 1971. I giocatori possono variare da 2 a 10, ed il gioco è prevalentemente costituito da carte colorate (blu, verde, giallo e rosso) e numerate, con l'aggiunta di alcune carte bonus che consentono di modificare la partita in diversi modi. Nelle pagine seguenti andremo ad approfondire questi aspetti e vedremo, nel dettaglio, quali sono le regole per giocare ad Uno.

26

Preparazione

Innanzitutto, bisogna sapere che lo scopo del gioco è quello di essere il primo giocatore a scartare tutte le proprie carte. Per preparare la partita, ogni partecipante deve pescare una carta a caso dallo 0 al 9, e colui che ottiene la carta con il valore più alto diventa mazziere. Il mazziere ha il compito di mescolare le carte e di distribuirne 7, una alla volta, a ciascun giocatore. Chi siede alla sinistra del mazziere dà inizio alla partita e, al termine della mano, diviene a sua volta mazziere. Il mazzo da cui pescare le nuove carte deve essere sempre posto al centro del tavolo.

36

Carte normali

Il mazziere scopre la prima carta del mazzo da cui si andranno a pescare le seguenti, in modo che sia ben visibile a tutti. Ogni altra carta che successivamente verrà scartata da ogni giocatore dovrà essere posta, scoperta, sopra questa prima carta, andando così a formare il mazzo degli scarti. Nel gioco Uno troviamo sia carte normali che carte speciali. Le prime sono numerate da 0 a 9 e colorate di 4 diversi colori. Qualsiasi carta normale può essere scartata solo se il suo colore o il suo numero corrisponde a quello dell'ultima carta scartata, che si trova appunto sul mazzo degli scarti. In caso non si avessero carte da scartare si sarà costretti a pescare di nuovo, dal mazzo al centro. Se la nuova carta risulta utile la si deve scartare, altrimenti la si tiene in mano con tutte le altre ed il turno passa al prossimo giocatore.

Continua la lettura
46

Carte speciali

Le carte speciali si riconoscono grazie al colore e ad un simbolo che le contraddistinguono. Anch'esse possono essere scartate in caso il loro colore o simbolo corrisponda a quello dell'ultima carta sul mazzo degli scarti. Le carte speciali che troviamo nel gioco sono le seguenti: "Pesca +2", la quale, quando scartata, costringe il prossimo giocatore a pescare altre due carte dal mazzo ed a saltare il proprio turno; "Cambia giro", che inverte l'ordine di gioco, facendo quindi proseguire la partita in senso antiorario, o facendola tornare al senso originale qualora venisse giocata una seconda volta; "Salta il turno", che impone al prossimo giocatore di saltare il proprio turno; "Jolly", che ha la peculiarità di valere il colore dichiarato a piacimento nel momento in cui viene scartata; "Jolly +4", che obbliga il prossimo giocatore a pescare quattro nuove carte ed a saltare il proprio turno (questa carta può però essere giocata solamente se non si ha in mano nessun'altra carta scartabile).

56

Chiusura

Nel momento in cui un giocatore scarta la penultima carta del proprio mazzo, deve dichiarare "Uno" ad alta voce per avvisare tutti gli altri partecipanti che è in procinto di chiudere. In caso non lo facesse e gli altri giocatori non se ne accorgessero, sarà costretto a pescare altre due carte per penalità. Quando, infine, un giocatore scarta l'ultima carta, la partita è conclusa e si procede con il calcolo dei punti. In caso l'ultima carta scartata imponesse al prossimo partecipante di pescarne altre, egli dovrà provvedere a farlo prima di procedere con il calcolo del punteggio. Qualora il mazzo da cui pescare terminasse prima della fine della partita, sarà necessario rimescolare le carte scartate e formare così un nuovo mazzo (lasciando sul tavolo, ovviamente, l'ultima carta scartata). La partita viene vinta dal giocatore che per primo raggiunge i 500 punti, vi è però una variante che vede come vincitore colui che ottiene il punteggio più basso, sempre considerando la partita conclusa quando uno dei partecipanti raggiunge 500 punti. Il punteggio viene calcolato sommando il valore di tutte le carte che si hanno in mano. Le carte speciali valgono 20 punti ciascuna, tranne i Jolly che ne valgono 50.

66

Penalità

Nei casi in cui un giocatore scartasse una carta sbagliata, ne suggerisse una ad un altro partecipante o giocasse un "Jolly +4" possedendo altre carte idonee allo scarto, sarà tenuto a pescarne altre 4 dal mazzo. Quando un giocatore scarta un "Jolly +4", il successivo ha il diritto di chiedere di vedere le altre carte del suo mazzo per verificare che non gli sia possibile scartarne altre. Bisogna tenere presente, però, che nel caso effettivamente il primo giocatore non avesse altre carte da scartare, colui che ha chiesto la verifica dovrà pescare 2 carte in più oltre alle 4 già imposte dal "Jolly +4".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Burraco

Il Burraco è un gioco di carte nato in Italia durante gli anni Quaranta. Vengono usati due mazzi di carte francesi, Jolly inclusi, e vi partecipano solitamente due o quattro giocatori, in quest'ultimo caso vengono divisi in squadre, ma esistono anche...
Giochi da tavolo

Le regole del burraco

Il burraco è uno dei giochi di carte più diffusi e amati. Una volta memorizzate attentamente le regole, il gioco risulta fluido e divertente e si adatta perfettamente a momenti conviviali: chi non si è mai trovato nel bel mezzo di un torneo di burraco...
Giochi da tavolo

Le 5 regole per giocare ad Uno

Uno è un gioco di carte adatto a tutti coloro che vogliono divertirsi senza dover passare troppo tempo a studiare le regole. Giocare a Uno è davvero molto semplice, non a caso è uno dei giochi di carte più apprezzati anche dai giovanissimi. Lo scopo...
Giochi da tavolo

Come giocare a scala 40

Scala 40 è il nome di uno dei giochi di carte più famosi e conosciuti. A livello di giocabilità, è veramente molto semplice una volta apprese le poche regole che bisogna rispettare per una corretta interpretazione del passatempo, si può procedere....
Giochi da tavolo

Come giocare a Hulo!

Hulo! È un gioco di carte edito da Dal Negro nel 2016, colorato e divertente, dal regolamento semplice e adatto a tutta la famiglia. È la modernizzazione di un altro gioco chiamato Dernier e molto simile ai più noti Solo e Uno. Ne è infatti una rivisitazione....
Giochi da tavolo

Come giocare a UNO

UNO è un gioco di carte non collezionabili che da oltre 40 anni fa divertire amici e famiglie. Il numero di giocatori varia da 2 a 10, e i mazzi sono formati da carte numerate colorate (Rosso, Blu, Giallo e Verde) e da altre carte "bonus". Queste ultime...
Giochi da tavolo

Ramino: la strategia del gioco

Il Ramino è un gioco di carte di origini anglosassoni, che va giocato con le carte francesi. Il Ramino è così chiamato per il nome dato al Jolly, ossia appunto "Ramino", o anche "matta". Esso presenta diverse varianti, di cui la più famosa è "Scala...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.