Regole per giocare a Stone Age

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Se amate il periodo della preistoria e il primo sorgere delle civiltà, il gioco che fa per voi è senza dubbio Stone Age ideato da Michael Tummelhofer e prodotto da Hans im Glück, dove i diversi giocatori manovrano diverse tribù che devono pian piano portare alla civiltà con le varie scoperte scientifiche, a iniziare dalla ruota, dal fuoco, ferro e così via. Ogni giocatore piazza i propri lavoranti sul tabellone di gioco. Le posizioni dei lavoratori si stabiliscono a turno, iniziando dal primo e così via finché tutte le aree non vengono occupate dai diversi lavoranti. L'inizio del gioco è alquanto strategico, occorre quindi ben posizionare gli uomini per sfruttare al massimo le risorse naturali che la zona mette a disposizione. Vediamo quindi le regole per giocare a Stone Age, in modo che chi desidera comperare questo gioco sappia come muoversi e come ottenere risultati.

26

Migliorare il livello agricolo

Il primo passo da compiere è senza dubbio quello di migliorare il livello agricolo che consente di gettare le basi per la realizzazione di una stabile civiltà. Le attività primarie sono infatti alla base delle civiltà moderne e non devono assolutamente essere trascurate. Se c'è cibo la popolazione cresce e di conseguenza si avranno più lavoratori e possibilmente più cervelli da impiegare nelle scoperte.

36

Raccogliere le materie prime

Strettamente legato allo sviluppo e alle attività primarie sono le materie prime, essenziali per l'industria. Se si vuole sviluppare una proto industria si hanno infatti bisogno delle materie prime che sono alla base del processo di lavorazione e trasformazione industriale. Se l'estrazione e la raccolta funzionano bene, si svilupperà l'artigianato, altrimenti il tutto resterà nell'oblio, attenzione quindi.

Continua la lettura
46

Acquisire gli attrezzi

Sia per l'agricoltura che per l'estrazione si ha bisogno di attrezzi, importante e quindi poter sviluppare delle carte attrezzi per poter usare sempre al meglio le risorse che si hanno, sia per quanto riguarda l'agricoltura, l'allevamento e per il raccogliere materie prime. Spesso chi ha più attrezzi vince il gioco perché può sfruttare meglio el risorse e i lavoratori che mette in gioco.

56

Acquisire le tessere capanna

Che sire delle case e degli edifici? Sono anche questi dei punti focali che si devono necessariamente sviluppare. Più le capanne e gli edifici in genere sono evoluti, più cresce la popolazione e di conseguenza la civiltà, nonché i luoghi dove conservare le risorse, essenziali per poter fare provviste.

66

Acquisire le carte civiltà

Da tenere sempre in considerazione sono poi i punti civiltà, ovvero le scoperte che si possono fare, questo perché come ben si sa le innovazioni tecnologiche aiutano non poco le società a evolversi e a predominare sulle altre.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Stone Age

Stone Age è un gioco di società ambientato durante l'età della pietra. Ogni giocatore (che in totale possono essere da un minimo di due fino ad arrivare a un massimo di quattro) rappresenta una tribù di quell'era e lo scopo del gioco è quello di...
Giochi da tavolo

Regole per giocare ad Age of Thieves

Age of thieves è un gioco basato su concetti famosissimi di pedine, mappa e punti di azione. Consigliato per 2 o 4 giocatori dai 14 anni in su per la durata che va dai 60 ai 120 minuti. Questo gioco punta a mettere i giocatori nei panni di ladri pronti...
Giochi da tavolo

Come giocare ad Empires: Age of Discovery

Il terzo esempio della saga di videogiochi strategici di Age of Empires è rappresentato da Age of Discovery. Dopo i primi due videogiochi che erano ambientati nell'età del ferro e nel successivo Medioevo, l'azione di gioco si svolge ora nell'epoca...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a l'Allegro Chirurgo

L'Allegro Chirurgo è sicuramente uno dei giochi da tavola più apprezzati a livello globale. Anche in Italia, questo titolo è un vero e proprio classico che non sente il peso degli anni. Commercializzato in tutto il mondo, si caratterizza per una serie...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Forza Quattro

Sia gli adulti che i più piccoli adorano cimentarsi con Forza Quattro. Si tratta di un gioco che ci fa divertire da numerose generazioni e che continua a riscuotere un grande successo di pubblico. Realizzato dall'azienda MB (Milton-Bradley) nell'ormai...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Machiavelli

Machiavelli è un gioco di carte piuttosto semplice da imparare date le poche regole, ma consente partite anche molto lunghe, permettendo ai giocatori di sfoggiare le proprie capacità logiche attraverso manovre, per l'appunto, "machiavelliche" che permetteranno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.