Regole per giocare a Parchise

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il Parchise è un gioco da tavola di origine spagnola più conosciuto in Italia come Ludo, derivato da un antico gioco indiano chiamato Pachisi. È un gioco che potrà essere utili per passare il tempo con amici in casa e per divertirsi in compagnia. Il Parchise si gioca su una plancia di gioco formata da 68 caselle dove muovere le proprie pedine. In questa guida vi illustreremo le regole per giocare a Parchise.

26

Regole principali

Il gioco del Parchise può essere giocato da 2 o da 4 giocatori dove l'obiettivo finale è portare le proprie pedine nella casella centrale mentre gli avversari cercano di impedirlo. L'obiettivo è raggiungere tutte le caselle centrali del proprio colore con le proprie pedine percorrendo il tragitto del tabellone in senso antiorario. Il tabellone è formato da 4 case dei giocatori, dal percorso che tutti i giocatori dovranno percorrere e dal tragitto diritto finale per raggiungere la casella centrale.

36

Il gioco

Inizia il gioco sempre il giocatore rosso. Per muovere le proprie pedine bisogna tirare un dado e a secondo del risultato si potranno verificare varie situazioni: e esce il numero cinque si potrà far uscire dalla propria casa una propria pedina, se non puoi prendere la pedina nuova perché la propria casella di uscita è occupata si potrà muoverne un altra. Se esce il numero sei potrai ritirare il dado ma se esce il numero sei per tre volte di seguito la propria pedina ritornerà in casa. Con qualsiasi altro risultato le pedine si muovono regolarmente.

Continua la lettura
46

Caselle rifugio

Le caselle rifugio hanno una funzione particolare nel gioco, ovvero se due pedine si posizioneranno sulla stessa casella rifugio queste si accosteranno e non succederà nulla. Mentre se ciò dovesse avvenire in una casella non rifugio l'ultima pedina arrivata mangerà la pedina presente e avrà la possibilità di avanzare di venti caselle, mandando la pedina mangiata a casa.

56

Barriere

Se delle pedine dello stesso colore si accostano nella stessa casella formeranno una barriera invalicabile per le altre pedine. Questa barriera potrà essere rotta dal titolare delle pedine in qualsiasi momento ma, se tirando un dado uscirà il numero 6, il possessore di quelle pedine dovrà rompere la barriera obbligatoriamente.

66

Il corridoio finale

Se le proprie pedine riusciranno a raggiungere il corridoio centrale saranno salve e potranno avanzare regolarmente poiché non vale ne la regola del terzo sei, ne le pedine possano formare barriere. Se una delle proprie pedine raggiunge la casella centrale si potrà far avanzare un altra pedina di dieci caselle indovinando il risultato del dado che verrà lanciato. Chi raggiungerà per primo la casella centrale con tutte le pedine vincerà la partita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

7 trucchi per vincere a Dama Internazionale

Il gioco della dama è molto bello e coinvolgente. L'obbiettivo, per raggiungere la vittoria, quando si gioca a Dama è quello di togliere tutte le pedine all'avversario e, nel linguaggio del gioco, viene detto "mangiare". Per mangiare le pedine degli...
Giochi da tavolo

Come giocare a Stratego

Stratego è un gioco da tavolo, molto popolare anche nella versione digitale giocabile da ogni computer, inventato in Francia e incentrato sullo scontro bellico. Come in una guerra, infatti, si dovrà sovrastare l'avversario e conquistarne l'obiettivo....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Othello

L'Othello è un gioco da tavolo astratto per due giocatori definito a informazione perfetta, dove ovvero ogni partecipante conosce tutte le informazioni possibili nel campo di gioco, incluse le mosse dell'avversario e può di conseguenza intuire ogni...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Backgammon

Il Backgammon è uno dei più popolari giochi da tavolo ancora giocati in tempi moderni. Anche se non è famoso come la dama o gli scacchi, esattamente come questi ultimi condivide una storia millenaria, risalente a migliaia di anni fa in Asia Minore....
Giochi da tavolo

Come giocare a Tablut

Tablut è un celebre gioco che ebbe origine in Europa nel XVIII secolo, fu diffuso grazie al celebre biologo Carlo Linneo che ebbe l'opportunità di conoscere il gioco nella Lapponia svedese. Questo celebre gioco ebbe una gran fortuna nei secoli a seguire,...
Giochi da tavolo

Come giocare ad Agon

Agon è un gioco sotto forma di tavoliere, fino ad oggi è il primo piano di gioco costituito da caselle esagonali. Le caselle esagonali sono organizzate in modo da formare complessivamente un grande esagono costituito da sei caselle per lato. Esso è...
Giochi da tavolo

Come giocare a Othello

Othello è un gioco da tavolo inventato come di Reversi nel 1880 da Lewis Waterman e successivamente rivisto e brevettato nel 1971 da Goro Hasegawa. Per giocare servono 32 pedine a testa per ciascuno dei due giocatori fatte a forma di pedina bicolore...
Giochi da tavolo

Come giocare a Backgammon

Che cos'è il backgammon e come si gioca? Il backgammon è un gioco da tavolo per due giocatori. Per giocare viene usata una tavola, sulla quale sono raffigurati ventiquattro triangoli numerati, divisi in quattro differenti quadranti: due tavole esterne...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.