Regole per giocare a Oh my goods!

tramite: O2O
Difficoltà: media
110

Introduzione

“Oh my Goods! Le mie merci! ” è un gioco di carte nato nel 2015 dal genio creativo di Alexander Pfister e adatto a giocatori al di sopra dei 10 anni (da 2 a 4). Lo scenario è quello di un villaggio medievale all'interno del quale i partecipanti possono giocare impersonando Lavoratori con il compito di produrre vari tipi di Merci. Lo scopo è quello di produrre molto, ottenendo più Punti Vittoria rispetto agli altri giocatori e vincendo così la partita. Le regole di questo gioco non sono immediate, ma una volta imparate e capite, si può giocare senza più temere di dimenticare qualcosa, per un divertimento assicurato! Oh my Goods! Costringe i giocatori a usare l'astuzia e la capacità di osservazione per far sì che le carte in gioco si trasformino in possibilità di accumulare Punti Vittoria.

210

Occorrente

  • Gioco di carte Oh my Goods! Le mie merci!
310

Preparazione del gioco e distribuzione delle carte

Il primo passo da compiere per giocare a Oh my Goods! È quello di separare dal mazzo principale (110 carte in tutto) altre due diverse tipologie di carte: le carte Lavoratore, dallo sfondo marrone, e le carte Bruciatore di Carbone, caratterizzare da dorso azzurro. Ad ogni giocatore verrà distribuita una carta Lavoratore e un Bruciatore di Carbone, che egli posizionerà di fronte a sé. Di lato vanno poste poi delle carte chiamate Assistenti, a disposizione dei giocatori: 4 carte se i giocatori sono 2, 6 carte se i giocatori sono 3 e 8 carte se i giocatori sono 4. I Lavoratori, i Bruciatori di Carbone e gli Assistenti che restano vanno rimossi dal gioco e le carte dal dorso marrone vengono mescolate, per essere poi disposte a faccia in giù sul tavolo da gioco, pronte per essere pescate. I giocatori ricevono a turno cinque carte provenienti da questo mazzo, mentre altre 7 carte dello stesso tipo saranno poste a faccia in giù sopra il Bruciatore di Carbone di ognuno, coprendone solo una metà. Queste sette carte rappresentano le Merci che l'Edificio su cui sono posizionate può produrre. In questo caso, rappresentano unità di Carbone, ognuna dal valore di 1 Moneta.

410

Le caratteristiche delle carte

Le carte dal dorso marrone, ossia quelle che sono state distribuite e appartenenti al mazzo da cui i giocatori pescano, presentano una serie di icone. Al centro della carta è illustrato l'Edificio di Produzione che quella carta rappresenta. In alto a sinistra si può notare il costo di costruzione dell'Edificio stesso, espresso in Monete, mentre in alto a sinistra sono indicati i Punti Vittoria che quell'Edificio può dare a fine partita. Le Monete per la costruzione degli edifici si ottengono vendendo le merci. Sotto l'icona dell'Edificio, sul lato inferiore della carta, è presentato il funzionamento dell'impianto, ossia le risorse necessarie per metterlo in funzione, la Merce derivata dall'utilizzo di quelle stesse materie, il valore monetario per ogni unità di Merce prodotta, e la Catena Produttiva dell'Edificio.

Continua la lettura
510

Le fasi del gioco. Prima fase: Nuova Mano di Carte

La partita si svolge in un susseguirsi di round. Ogni round è composto da quattro fasi distinte, definite così: Nuova Mano di Carte, Alba, Tramonto, Produzione e Costruzione. I giocatori partono con cinque carte in mano e giocano la prima fase contemporaneamente. Possono scartare le carte che hanno in mano, da un minimo di tre ad un massimo di cinque, e pescare dal mazzo lo stesso numero di carte scartate. Il giocatore di turno, poi, distribuisce ad ogni avversario due carte prese dallo stesso mazzo.

610

Seconda e terza fase: Alba e Tramonto

L'Alba rappresenta la fase in cui ha inizio il Mercato. Il giocatore di turno deve pescare delle carte dal mazzo e posizionarle sul tavolo di gioco a faccia in su, una ad una, finché non otterrà due Mezzi Soli, ossia due carte che sul lato sinistro presentano l'icona di un Mezzo Sole. A questo punto sorge il sole e si apre il Mercato. Le carte sul tavolo rappresentano il Mercato stesso, mentre le icone presenti sulla sinistra di ogni carta del Mercato, rappresentano le risorse disponibili per il funzionamento degli Edifici Produttivi. Se quelle risorse non sono sufficienti per produrre, il giocatore può usufruire delle carte che ha in mano, scartandole ogni volta che vuole utilizzarle. Le carte del Mercato, invece, non vengono scartate, poiché restano disponibili per tutti i giocatori. Ogni volta che il Mercato sarà riaperto, nei round successivi, saranno rese disponibili nuove risorse. Al Mercato si svolge l'attività di Lavorazione. Il giocatore dovrà posizionare la propria carta Lavoratore, sotto un Edificio. Ogni Carta Lavoratore ha, disegnati sui bordi più lunghi, dei simboletti che indicano da un lato il lavoro regolare e dell'altro il lavoro disordinato. Il giocatore deve decidere come lavora il proprio Lavoratore, e voltare il simbolo corrispondente in direzione dell'Edificio. Se il Lavoratore è regolare, per produrre la merce saranno necessarie tutte le risorse indicate dalla carta. In compenso, saranno prodotte due Unità Merce. Se invece il Lavoratore è disordinato, saranno necessarie tutte le risorse meno una, ma verrà prodotta solo un'Unità Merce. Il lavoro disordinato solitamente viene scelto quando il giocatore teme di non avere sul tavolo di gioco e in mano tutte le risorse necessarie alla produzione. A questo punto del gioco, ogni giocatore può scegliere se costruire o no un Edificio Produttivo. Per costruirlo dovrà scegliere una delle carte che ha in mano e posizionarla accanto a sé, coperta. La seconda fase del Mercato, definita Tramonto, è quella definitiva. Il giocatore pesca di nuovo dal mazzo e posiziona ogni carta pescata sul tavolo di gioco, a faccia in su, fino alla comparsa di due Mezzi Soli. Si decreta la chiusura del Mercato.

710

Quarta fase: Produzione e Costruzione

Questa è l'ultima fase del round. Partendo dal giocatore di turno, ognuno controlla le carte in tavola e le carte in mano per vedere se possiede le risorse necessarie a far lavorare il proprio Lavoratore nell'impianto di produzione. Se le risorse presenti tra le carte del Mercato sono sufficienti a produrre, si pesca dal mazzo un numero di carte pari alle Unità Merci prodotte e si posiziona sopra l'Edificio, in questo caso il Bruciatore di Carbone. Se le risorse sul tavolo non bastano, si possono usare quelle in mano. Si scarta la carta relativa a quella risorsa e si producono le Merci. Gli Edifici che in questo turno hanno prodotto qualcosa, hanno la possibilità di utilizzare le Catene Produttive. Se il giocatore ha in mano altre carte con altre risorse, le può posizionare direttamente sul mucchietto che copre l'Edificio, e quelle carte varranno come Unità di Merce. Ora è possibile costruire l'Edificio, rappresentato dalla carta coperta accanto al giocatore. La carta verrà scoperta e verrà pagato il prezzo di costruzione, prelevando delle carte dal mucchietto di Merci prodotte, per un valore pari a quello indicato dall'Edificio in fase di costruzione, e scartandole. Se il giocatore non se lo può permettere, l'Edificio non viene costruito e la carta torna in mano. Una volta che l'Edificio è costruito, durante il turno successivo vi potrà essere assegnato un Lavoratore e avrà inizio una nuova produzione di Merci.

810

Carte Bonus e Assistenti

Alcune carte non rappresentano degli impianti produttivi. Si tratta degli Uffici Commerciali, che hanno la funzione di carte bonus a ogni turno. Permettono per esempio di avere carte aggiuntive o una disponibilità infinita di risorse. Gli Assistenti invece, sono carte che entrano in gioco quando un giocatore non ha costruito l'Edificio. Egli può decidere di acquistare un Assistente, pagando la somma indicata sulla relativa carta, in alto a sinistra. Se ne possono comprare uno a turno, fino a due a partita. Può essere posizionato sotto un qualsiasi Edificio, sotto al quale però non può esserci più di una persona, che sia un Lavoratore o un Assistente. Nella fase due è anche possibile spostare un Assistente da un Edificio all'altro pagando due Monete. L'Assistente lavora sempre in modo ordinato, utilizza tutte le risorse e produce un'Unità Merce. Inoltre può essere utilizzato solamente se sono stati costruiti Edifici rappresentati dai colori indicati dalla sua carta. Alla fine del round, il Mercato viene eliminato, e ha inizio un nuovo turno.

910

Fine della partita

La partita finisce quando un giocatore riesce a costruire otto Edifici. A questo punto viene svolto un turno aggiuntivo, durante il quale si possono attivare le Catene Produttive di tutti gli Edifici. Alla fine di questa ultima fase di gioco, si contano i Punti Vittoria ottenuti grazie agli Edifici e gli Assistenti e si aggiunge un Punto per ogni cinque Monete (Unità di Merci prodotte). Vince chi ottiene più punti.

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate qualche partita di prova per familiarizzare con le regole. Le cose da ricordare sono molte ed è meglio conoscerle bene, prima di fare sul serio

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Rokoko

Rokoko è un fantastico e creativo gioco da tavolo nato nel 2013 e ideato dagli autori Matthias Cramer, Louis Malz e Stefan Malz. Prevede una durata minima di 120 minuti e possono partecipare dai 2 ai 5 giocatori. Il gioco si concentra in modo principale...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Imhotep

Avete sentito parlare del gioco Imhotep: mastri costruttori nell'Antico Egitto e volete sapere come si gioca? Oppure lo possedete, ma non avete il libretto con le istruzioni e le regole? Allora state leggendo l'articolo giusto. Sì, perché in questa...
Giochi da tavolo

Come giocare a Euphoria

Euphoria è un gioco da tavolo creato da Jamey Stegmaier e Alan Stone nell'anno 2013 che prevede giocatori di età superiori ai tredici anni, numero dei giocatori che può oscillare da due a sei e una durata media della partita pari a sessanta minuti....
Giochi da tavolo

Come giocare a Apples to Apples

"Apples to apples" è un gioco di carte adatto a tutte le età da giocare in gruppo. L'obiettivo del gioco è vincere più round possibili giocando una carta "Mela rossa" (normalmente contenenti dei nomi), la quale deve essere il più possibile coerente...
Giochi da tavolo

I segreti per vincere a Magic

Magic the Gathering, meglio conosciuto semplicemente come Magic, è un gioco di carte collezionabili. Nasce nel 1993 e la quantità di carte presente ad oggi è smisurata. Nella maggior parte delle competizioni, due giocatori si contendono la vittoria....
Giochi da tavolo

Come giocare a Grand Austria Hotel

Grand Austria Hotel è un gioco del 2015 ambientato nella splendida cornice di una Vienna asburgica. I famosi caffè viennesi sono in competizione per acquisire più clienti possibili. Artisti, politici e turisti provenienti da tutto il mondo hanno bisogno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Bruges

Bruges è un gioco da tavola intrigante ed istruttivo che sicuramente piacerá a coloro che amano sperimentare le proprie capacitá tattiche e strategiche. Il gioco è ambientato in Belgio, nel XV secolo. La prima borsa apre le contrattazioni e tutta...
Giochi da tavolo

Come giocare a Squillo

"Squillo", gioco di carte ideato da Immanuel Casto dal contenuto molto maturo (di fatto, basato sull'ambiente della prostituzione) è un piacevole modo per passare serate tra amici: se, infatti, conoscete persone con in gusto per il macabro e orrido,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.