Regole per giocare a La torre stregata

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Torre Stregata è un gioco da tavolo ideato in Germania; il suo nome originale è "Der Verzauberte Turm" ed è stato ideato da Inka e Markus Brand, mentre la pubblicazione è a cura della Drei Mager Spiele. Questo gioco ha anche ricevuto un premio prestigioso: il "KinderSpiel des Jahres Kritikerpreis 2013", ovvero è stato nominato il miglior gioco per bambini di quell'anno. Il gioco è adatto a bambini dai cinque anni in su; i giocatori che vi possono partecipare sono due, ma si può giocare anche in quattro o in quante persone si desidera. Nella confezione sono incluse le pedine e i dadi da tirare per farle avanzare. Ecco quali sono le regole per giocare a La Torre Stregata.

26

Robin, il mago e la Principessa

Lo spunto di partenza del gioco è uno dei più classici: un Mago cattivo ha rinchiuso la Principessa nella torre e il suo amato, il giovane Robin, deve cercare di liberarla. Il Mago ha nascosto una chiave nel bosco: questa chiave apre la Torre dove la Principessa è rinchiusa. I giocatori impersonano Robin e il Mago: chi arriva prima e libera la Principessa ha vinto il gioco.

36

La chiave

La chiave è nascosta sotto una delle 16 tessere circolari che formano il tabellone di gioco, il quale ha uno spessore rialzato. Ogni pedina ha una base metallica. Ciò vuol dire che quando si passa sopra la casella con la chiave questa resta attaccata al personaggio.

Continua la lettura
46

Le caselle

Le regole per avanzare sono simili alle regole del classico gioco dell'oca: si tirano i dadi e si avanza per tante caselle quanto è il risultato ottenuto. Il Mago, che conosce il luogo in cui si trova la chiave, parte da una posizione arretrata, da qualche casella più indietro di Robin.

56

La torre

Una volta che uno dei due giocatori ha trovato la chiave deve completare il suo percorso per giungere fino alla torre e cercare di liberare la Principessa. Senza la chiave non è possibile salvarla, ma anche quando la si è raccolta si ha un ultimo ostacolo da superare.

66

Le sei serrature

Tutt'attorno alla torre ci sono infatti ben sei serrature: solo una è quella giusta. Il giocatore che ha raggiunto la torre deve dunque provare la sua chiave in ogni serratura fino a quando non individua quella che sblocca il meccanismo della torre rilasciando la Principessa. Il gioco quindi non ha uno svolgimento molto lungo: anche dovendo provare tutte le serrature al massimo ogni sessione dura circa una mezzora. Si tratta di un gioco molto bello esteticamente ma anche molto elementare, che lo rende adatto ai più piccoli e un po' noioso per gli adulti. Si può giocare in quattro se un giocatore impersona il Mago e gli altri, a turno, muovono la pedina di Robin.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Jenga

Jenga è un gioco da tavolo davvero divertente a cui tutti noi abbiamo preso parte almeno una volta. Si tratta di formare una torre con una serie di mattoncini estraibili, i quali vanno rimossi man mano. Quando si priva la torre di uno o più mattoncini,...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a l'Allegro Chirurgo

L'Allegro Chirurgo è sicuramente uno dei giochi da tavola più apprezzati a livello globale. Anche in Italia, questo titolo è un vero e proprio classico che non sente il peso degli anni. Commercializzato in tutto il mondo, si caratterizza per una serie...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Forza Quattro

Sia gli adulti che i più piccoli adorano cimentarsi con Forza Quattro. Si tratta di un gioco che ci fa divertire da numerose generazioni e che continua a riscuotere un grande successo di pubblico. Realizzato dall'azienda MB (Milton-Bradley) nell'ormai...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Machiavelli

Machiavelli è un gioco di carte piuttosto semplice da imparare date le poche regole, ma consente partite anche molto lunghe, permettendo ai giocatori di sfoggiare le proprie capacità logiche attraverso manovre, per l'appunto, "machiavelliche" che permetteranno...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Strega comanda Colore

"Strega comanda colore" è uno dei più famosi giochi ideati per far divertire i bambini. Esistono due modalità di gioco che si distinguono per il luogo in cui vengono svolte. Infatti, una tipologia si gioca all'aperto, possibilmente in uno spazio ampio,...
Giochi da tavolo

Regole per giocare al Gioco della Vita

Il Gioco della Vita è un gioco da tavolo di società. Si ha a disposizione un tabellone dove ogni giocatore deve intraprendere una serie di scelte che rappresentano il corso della sua vita tra studi, matrimonio, nascita dei figli e imprevisti. Lo scopo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.