Regole per giocare a La battaglia dei cinque eserciti

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Battaglia dei Cinque eserciti è un gioco basato sugli scenari descritti nel libro di J. R. R. Tolkien Lo Hobbit, ed è derivato dal motore di gioco usato per il gioco postale Le Terre di Mezzo che è la derivazione della trilogia il Signore degli Anelli. Si definisce gioco postale quel gioco che non necessita di una connessione costante, dove i vari partecipanti si scambiano via mail informazioni, suggerimenti, tattiche con gli alleati o magari minacce di ritorsione o di attacchi verso i nemici. Vi sono delle regole ben precise da seguire per poter giocare.

26

I Cinque eserciti

Entrando a far parte del gioco, si andrà al comando di una delle cinque nazioni, facente parte o dei servi dell'oscurità, o dei popoli liberi. Il giocatore ne diventerà il capo incontrastato decidendo le mosse dei vari personaggi e le azioni che la nazione dovrà intraprendere. Genericamente l'assegnazione viene fatta a caso al momento dell'iscrizione, ma a volte lo staff può assegnare la fazione richiesta dal giocatore via mail.

36

I popoli liberi

Fanno parte dei popoli liberi alcune razze diverse. Ogni fazione ha dalla sua parte dei pregi ma anche dei difetti. Primeggerà rispetto alla controparte in alcuni aspetti ma difetterà in altri. Il primo popolo libero sono gli Elfi, i cui pregi sono essenzialmente tre:
1- Gli eserciti non perdono morale a causa delle marce forzate.
2- Tutte le nuove reclute iniziano con addestramento 25.
3 -Reclutano nuovi eserciti senza costi.

Il difetto principale è quello della fragilità dell'economia, per cui per avere risorse è necessario ricorrere ad agenti infiltrati che ruberanno i materiali necessari alla sopravvivenza della loro nazione.

Altro popolo libero sono i Nani, i cui pregi sono:
1- Esplorazione/ricognizione minimo 50 (tutti i personaggi).
2- Gli eserciti non perdono morale a causa delle marce forzate.
3 - Tutte le nuove reclute HI iniziano con addestramento 30.
4 - Reclutano nuovi eserciti senza costi.


Difetto principale è quello che sono troppo sensibili alle variazioni delle tasse, che sono quindi da gestire attentamente.

Ultima razza dei popoli liberi è quella degli Uomini Settentrionali
I pregi sono basicamente:

1- Esplorazione/ricognizione +20 al normale livello dell’abilità.
2- Gli eserciti non perdono morale a causa delle marce forzate.
3- Acquistano merci ad un costo inferiore del 20%.
4- Vendono merci con un guadagno superiore del 20%.
5-Costruiscono fortificazioni a metà del costo in legname.
6- Reclutano nuovi eserciti senza costi.


Di contro non tendono a fortificare le proprie città per cui sono soggetti ad attacchi esterni.

Continua la lettura
46

I Servi dell'Oscurità

I Servi dell'Oscurità sono un popolo scaltro che non perde occasione per dare addosso ai Popoli Liberi.

Ne fanno parte: Gli Orchi, che principalmente eccellono in:
1 - Gli eserciti non perdono morale a causa delle marce forzate.
2 - Tutte le nuove reclute iniziano con addestramento 30.
3 - I nuovi eserciti iniziano con morale 40.
4 - Reclutano nuovi eserciti senza costi.
Difetto principale è quello di poter vincere quasi tutte le sfide tranne quelle contro gli Uomini Settentrionali.

Altro popolo sono i cavalcalupi che eccellono in:
1 - Gli eserciti non perdono morale a causa delle marce forzate.
2 - Gli eserciti perdono meno morale per il movimento senza cibo.
3 - Reclutano nuovi eserciti senza costi.


Nemici giurati degli elfi, puntano solo in quella direzione.

56

Concetti di base del gioco

Alla base del gioco esistono alcuni concetti base da tenere a mente.
Nelle varie battaglie ci sono tre tipi di vittorie, ovvero marginale, significativa e totale a seconda del conflitto in cui sono coinvolte. Se ci sarà semplice sopravvivenza la vittoria sarà marginale, mentre se si distrugge una sola nazione degli avversari sarà significativa. La vittoria totale si ottiene mediante la distruzione completa di tutte le nazioni avversarie.
Si può essere eliminati dalla competizione in due modi, ovvero:
1 - Perdere il controllo di tutte le città della nostra nazione
2 - Tassazione sopra il 100% (automatica ribellione della popolazione).

66

I turni di gioco

Ogni turno di gioco, ciascun giocatore riceve:
1 - Foglio di Risposta: un file PDF contenente tutte le informazioni sulla vostra nazione e gli ordini dati Cartolina Turno.
2 - un file PDF contenente il riassunto degli ID dei personaggi a cui dare gli ordini per il prossimo turno.

Tutte le comunicazioni avvengono tramite mail sia in entrata che in uscita, tutti gli ordini, gli attacchi le difese i commerci vengono gestiti in questo modo.
Mail di riferimento:

Info per le domande e per le iscrizioni: info@gptm. It
Per l’invio delle mosse: bce@gptm. It.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Battaglia Navale

Battaglia navale è un classico gioco da tavolo, che si può giocare anche semplicemente usando carta e penna. L'obiettivo del gioco è molto semplice: affondare la flotta nemica prima che questa affondi la tua. Giocare è facile e divertente e le regole...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Waterloo

Se potessimo scegliere di rivivere, riorganizzare e riscrivere una pagina della storia quale sceglieremmo? La battaglia di Waterloo, combattuta il 18 giugno 1815 sarebbe certamente tra le date da prendere in considerazione per portata storica e per l'indubbia...
Giochi da tavolo

Come giocare a briscola in cinque

Sapevate che la parte più antica della tradizione ludica italiana si basa sulle carte da gioco? Sono innumerevoli le occasioni in cui ci saremo trovati con degli amici intorno ad un tavolo in un pomeriggio qualunque, quando proprio non ci va di uscire,...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Kemet

Kemet è un gioco da tavolo prodotto da Jacques Barlot e Guillame Montiage, contornato poi da diversi altri tecnici che hanno contribuito all'illustrazione.Questo gioco si presenta come una specie di battaglia a turni, in cui i giocatori si ritroveranno...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Battaglia Navale

Battaglia Navale è certamente uno dei giochi più diffusi al mondo. Prima di divenire tutti gli effetti un gioco da tavola, con tanto di modellini delle navi, generazioni di ragazzini hanno saputo passare il tempo con questo particolare gioco di strategia....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Kingsburg

Kingsburg è un gioco da tavolo ideato dagli italiani Andrea Chiervesio e Luca Iennacco. Uscito nel 2007, oggi è disponibile l'espansione del regno. Nel regno di Kingsburg il re Tritus ha inviato i governatori (da 2 a 5 giocatori) nelle province di confine...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Ringmaster

Ringmaster è un gioco da tavolo creato dall'italiano Gioacchino Prestigiacomo. La sua particolarità è che questo gioco non è disponibile nei negozi di giocattoli, bensì sul web. Infatti è scaricabile, a pagamento, da diversi siti. È un gioco che...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Battle Line

Battle Line è un divertente gioco da tavolo di combattimento ambientato nell'antica Grecia, non è un titolo recente ma il peso dei suoi anni se li sta portando bene ed è per questo che tutt'ora rimane ancora un gioco divertente da fare in compagnia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.