Regole per giocare a King of Tokyo

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Tokyo sta per essere distrutta, prima si è presentato, spargendo il terrore un mostruoso essere cibernetico. In seguito un altro alieno, e molti altri ancora sembra non diano scampo agli abitanti. Tra l'altro i vari mostri si sfidano in atroci combattimenti per avere il primato su Tokyo. Nessuno in città riesce ad arginare la loro furia distruttrice. Solo uno dei mostri cibernetici, però, diverrà il Re e sarà colui che avrà vinto tutti gli altri. King of Tokyo è un gioco abbastanza veloce, divertente e non difficile. I giocatori possono arrivare ad un numero di 45 ed una partita si può risolvere in una manciata di minuti. Vediamo le regole per giocare a King of Tokyo.

28

Numero dei giocatori

Sopra abbiamo detto che si gioca anche in 45 persone, anche se il regolamento prevede un numero di giocatori da 2 a 6, per non avere alcun tipo di problema. Come la maggiore parte dei giochi, anche questo la fortuna la fa d padrona, anche se un minimo di strategia non guasta e, chi gioca spesso diviene a poco a poco esperto. Lancio dei dadi ed il modo di gestire le carte sono alla base del gioco a King of Tokyo.

38

Composizione del gioco

Più di un'immagine cartonata, che serve da pedina e, per questo motivo deve essere di grande misura ed avere una buona resistenza fa parte del gioco. Due rotelline servono a tenere il computo dei punti, ognuna di loro viene mossa se si deve segnalare il crescere o il diminuire dei punti vita e di quelli "vittoria". Il gioco è provvisto poi di 66 carte, che nei formati Magic sono a disposizione dei giocatori. Dei piccoli cubi verdi inoltre, in genere una cinquantina, realizzato in plastica, fungono da punti energia. Altri componenti del gioco a King of Tokyo sono: 8 dadi, 6 neri e 2 verdi, 28 segnalini ad effetto, la board che rappresenta la città di Tokyo.

Continua la lettura
48

Strategia

Il giocatore, e questo vale per tutti i partecipanti, sceglie un mostro, a suo piacere e di conseguenza la carta che lo rappresenta. Quest'ultima sarà la sua pedina. Inoltre si munisce dellaplancia segnapunti. Ogni mostro differisce da un altro solo per il nome ed il suo aspetto. Tutti i giocatori iniziano la partita con 10 Punti vita e nemmeno un punto vittoria. La borda che raffigura Tokyo va posta nella parte centrale del tavolo da gioco. Essa contiene due posizioni in cui ogni giocatore metterà il proprio mostro. Il loro nome è: Tokyo City e Tokyo Bay. Nell'ultimo caso i giocatori dovranno essere 6. Un mosto entra nella città solo se non è presente un suo rivale. Inoltre dal lancio dei dadi deve uscire l'artiglio. Se all'interno di Tokyo c'è già un altro mostro, entrambi possono decidere di affrontarsi o di uscire, dopo avere subito un attacco. Rimarrà a Tokyo chi ha inflitto l'attacco e guadagnerà un punto vittoria. Chi invece inizia la partita già dentro la città, partirà con due punti vittoria. Chi è all'interno di Tokyo cerca di danneggiare i mostri che sono all'esterno e viceversa. Solo le carte curano le ferite dei mostri.

58

Condizioni di vittoria

Una parte di energia data dai dadi viene posizionata nella prossimità della board. Inoltre saranno messe vicine anche le carte e tre avranno la faccia rivolta verso l'alto. Dopo avere scelto chi gioca per primo, esso prenderà i sei dadi neri, mentre quelli verdi verranno usati solo da chi ha carte speciali. Il giocatore effettua il lancio e per vincere si dovranno ottenere, per primi, 20 punti vittoria. Naturalmente se rimarrà vivo o eliminerà tutti gli altri mostri. Questo azzerando i punti vita in loro possesso.

68

Fasi della partita

Le fasi di ogni partita sono tre. All'inizio il primo giocatore lancia i 6 dadi neri in suo possesso. In seguito potrà scegliere di rilanciarli per un massimo di altre due volte. Ogni dado presenta sei facce e da ciò che si ottiene dal lancio si ottengono bonus o si dovranno eseguire delle azioni. Una delle facce dei dadi rappresenta un cuore. Se il giocatore è fuori dalla città ed è ferito, il cuore lo curerà, solo se i suoi punti vita sono minori di 10. All'interno di Tokyo non è possibile alcuna cura.

78

Azioni di gioco

Un'altra faccia dei dadi è il fulmine, che consente al giocatore di acquisire uno dei cubi energia presente nella riserva. Con i cubi si acquistano o si attivano le carte, in alcuni casi, attivare i poteri delle carte. Un altro simbolo è l'artiglio. Simboleggia l'attacco e danneggia l'avversario. Il mostro che si trova dentro Tokyo può attaccare qualsiasi mostro fuori. I mostri fuori di Tokyo possono danneggiare solo quelli che stanno dentro.

88

Acquisto ed eliminazione carte

I punti energia che si accumulano con i tiri effettuati, servono per acquistare una o più carte, tra quelle scoperte e poste sopra il tavolo. Con due cubetti di energia si possono eliminare le carte che si vedono e prenderne altre. I dadi vanno a turno al giocatore di sinistra e quando un mostro arriva a 20 punti vittoria o è l'unico vivo sarà il vincitore e diverrà King of Tokyo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

XBox

The Witcher 2: come funziona il gioco dei dadi

The Witcher 2: Assassins of KIng, uscito nel 2011, è il secondo capitolo della saga di the Witcher, appassionante videogioco tratto dal progetto letterario fantasy dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski. Nel secondo capitolo, ritroviamo il nostro...
PlayStation

Come bannare una persona da Playstation Network

Per PlayStation Network, abbreviato con l'acronimo PSN, si intende quell'utile nonché rivoluzionario, almeno per quanto concerne le consolle, servizio che la Sony Corporation ha sviluppato, commercializzato ed offerto dalla fine del 2006 fino al giorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a The King is Dead

Come giocare a The King is Dead? Si tratta di uno dei giochi da tavolo a tema politico più divertenti e intriganti degli ultimi anni, anche perché le regole sono facili da imparare. Ambientato in Inghilterra, nel periodo immediatamente successivo alla...
Giochi da tavolo

Come giocare a Descent

Descent è un gioco da tavolo, presente oggi nella sua seconda edizione, fruibile dai due ai cinque giocatori, con una durata media di gioco che varia da una a due ore, a seconda del numero di partecipanti e dal coinvolgimento degli stessi. Si tratta...
Giochi da tavolo

Come giocare a King of Hearts

Se si amano i giochi di carte non si può assolutamente non prendere in considerazione Kings of Hearts, gioco in cui i devono sfidare sul tavolo verde ben 3 avversari pilotati dal computer. In questo gioco l'ingegno umano deve cercare di mettere a dura...
Giochi da tavolo

Come giocare a Munchkin

Vi siete appena avvicinati al mondo di Munchkin e vi sentite spaesati? Non temete, siamo qui per aiutarvi! Nonostante le numerose versioni di questo gioco, il regolamento è unico e molto semplice. Che stiate giocando a Munchkin classico, Munchkin Zombie,...
Giochi da tavolo

Come giocare a Dungeon Fighter

Se anche voi siete degli amanti dei giochi da tavolo cooperativi ed innovativi, non potete perdervi Dungeon Fighter, un gioco divertente ed interessante che mescola sapientemente le basi di un gioco d'azione attivo e coinvolgente, con gli elementi dei...
Giochi da tavolo

Come imparare a giocare a King

Giocare con le carte è molto diffuso, soprattutto in Italia ed in particolare nelle occasioni di festa (Natale e vacanze estive tra le altre). Può anche capitare di voler giocare a carte con gli amici, per passare il tempo divertendosi e allenando,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.