Regole per giocare a Crocevia del Carbone

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Crocevia_del_Carbone è un da tavolo di posizionamento lavoratori, sebbene sia composto esclusivamente da carte. Con poche semplici regole, gli autori sono riusciti a realizzare un gioco che richiede molta strategia, come pochi nel suo genere. I giocatori previsti variano dai 2 ai 4 e il tempo di gioco è mediamente un'ora, con qualche eccedenza in quattro giocatori. La grafica è soddisfacente e il gioco è reso indipendente dalla lingua (istruzioni a parte) per via della semplice simbologia sulle carte che descrive le azioni consentite, il che permette di giocare con giocatori di tutte le età. I partecipanti gestiranno una loro personale industria del carbone, avendo cura di soddisfare gli ordini, migliorando le proprie capacità e gestendo i lavoratori a disposizione.

26

Impostare il setup del gioco

Il gioco prevede una serie di mazzi di carte, riconoscibili dal dorso, ben organizzati nella scatola; in aggiunta vi sono quattro plance di cartone resistente dalla forma particolare e un taccuino segnapunti. I singoli mazzi dovranno essere posizionati tutti sul tavolo a faccia in su, ad eccezione di quello dei lavoratori che invece andrà nelle mani dei giocatori, dove ognuno prenderà i lavoratori del colore scelto, insieme ad una delle plance. I mazzi rappresentano: carrelli di carbone, vagoni, locomotive, richieste da soddisfare (ordinazioni), innovazioni, quote azionarie e obbiettivi. Completano il tutto 4-5 carte azione (dipende dal numero di giocatori), da posizionare al fianco dei mazzi, che rappresentano le azioni a disposizione. Sulla carta azione che permette il movimento di un singolo carrello di carbone verranno posti dei segnalini similari ad un misuratore di pressione. Il setup è così completo e il gioco può ora cominciare.

36

Posizionare i lavoratori

Ogni giocatore avrà a disposizione 10 carte rappresentanti i lavoratori. In particolar modo, ve ne sono quattro da 1 lavoratore, due da 2 lavoratori, una da 3, una da 4 e una da 5. Il motivo di tale scala numerica risiede nel fatto che ogni lavoratore deve essere posizionato (a turno) vicino al mazzo dal quale si intende prelevare una carta (o eseguire l'azione nel caso delle 4-5 carte singole "azione"). La regola impone però che se non vi è alcun lavoratore vicino ad un mazzo, il giocatore dovrà utilizzare la carta lavoratori 1. Se un giocatore volesse posizionare lavoratori vicino ad un mazzo dove questi sono già presenti, dovrà posizionare un numero di carte lavoratore pari esattamente ad uno in più di quelli presenti, anche utilizzando più carte lavoratori se necessario. È possibile quindi prelevare una carta dal mazzo scelto (sempre la prima in cima al mazzo) solo posizionando lavoratori. Lo stesso modo è usato per eseguire ciò che la carta "azione" scelta permette.

Continua la lettura
46

Prelevare le carte dai vari mazzi

Sullo spazio a sinistra della plancia vi è un'incavo della dimensione più lunga delle carte; qui saranno posizionati le carte dei carrelli di carbone, in fila l'una dietro l'altra. Sulla parte a destra della plancia vi sono 3 coppie di simboli (in alto, al centro e in basso): le carte vagoni dovranno essere prelevate e posizionate in fila su questo lato della plancia, avendo cura di rispettare la corrispondenza dei simboli (su di esse rappresentati) con quelli della plancia. Dal mazzo locomotive è possibile prendere una carta da aggiungere alle file di vagoni. Dal mazzo delle ordinazioni è possibile prelevare carte che richiederanno di soddisfare requisiti: generalmente un certo quantitativo di carrelli di carbone, oltre ad offrire la possibilità di fare più punti se accoppiati alle carte con gli stessi simboli in basso (come ad esempio le carte quota azionaria). Le carte obiettivo invece richiederanno di soddisfare certi criteri per guadagnare punti. Le carte innovazione serviranno per aggiungere migliorie nella propria fabbrica (come ad esempio vagoni in più rispetto al normale). Le carte singole "azione", che a differenza dei vari mazzi non vengono prelevate o sostituite, serviranno per compiere azioni. Il giocatore che non può o non vuole giocare lavoratori dalla sua mano, passerà il turno. Quando tutti i giocatori passeranno, si concluderà il turno; colui che ha messo più lavoratori sotto la carta azione singola con i segnalini su di essa, ne prenderà uno, diventando il nuovo primo giocatore (se nessuno ha piazzato lavoratori sotto questa carta, il segnalino va a chi era il primo lavoratore nel round precedente). Dopo che ogni giocatore abbia ripreso i rispettivi lavoratori, si procede con un nuovo turno.

56

Eseguire le azioni singole

Piazzando un lavoratore accanto ad una delle carte azione (carte singole), si deve subito svolgere l'azione indicata. Le carte azione "scavo" permettono di muovere i carrelli di carbone dalla parte sinistra della plancia fino dentro i vagoni (ossia posizionando queste carte in verticale sotto quelle dei vagoni che sono invece orizzontali, mostrando il carico di carbone che trasportano), rispettando sempre i simboli; ogni vagone può contenere una sola carta. La carta singola "partenza del treno" permette di far partire i treni, a condiziona che abbiano una locomotiva e che soddisfino una delle carte ordine che abbiamo in mano, che di fatto andranno messe da parte; possono partire tutti i treni con la stessa locomotiva (se si hanno abbastanza carte ordine che si possono soddisfare). C'è poi una carta azione che consente di guardare le prime quattro carte di un qualsiasi mazzo, sceglierne una e rimettere le altre 3 sul fondo; questa particolare carta però parte già con un lavoratore, quindi un giocatore dovrà posizionare inizialmente almeno due lavoratori se volesse usufruirne.

66

Terminare la partita

Quando viene preso il settimo e ultimo segnalino, si decreta l'ultimo round. Alla fine si contano i punti accumulati con le carte ordine spedite, le carte quote azionarie e le carte obiettivo raggiunte, oltre ai segnalini. Chi ha più punti è il vincitore.
Viene da sé che il gioco è strategico, occorre pianificare le azioni e scegliere il momento opportuno per posizionare i lavoratori prima che degli altri, così da averne in più per dopo. Inoltre conviene sempre avere locomotive uguali, così da riuscire a spedirle tutte insieme. Le carte dei carrelli di carbone rappresentano un singolo carrello o una coppia; sebbene con la coppia si soddisfano gli ordini più facilmente (ogni vagone può avere una sola carta di carrelli di carbone, quindi quella con un doppio carrello permette di avere meno vagoni e di conseguenza risparmiare lavoratori e tempo), la carta con il carrello singolo cenferirà ulteriori punti in caso di ordine soddisfatto; quindi, di volta in volta, occorre valutare se vale la pena di spedire più ordini (quindi con carrelli doppi), o spedirne meno (quindi con carrelli singoli), in funzione del maggior punteggio che in quel momento della partita si riesce a guadagnare. Il gioco ha regole semplici, ma non è banale e richiede una buona dose di pianificazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a PeaceBowl

PeaceBowl , l'Arena della Pace, è un gioco da tavolo del 2003 ideato da Angelo Porazzi. Questo gioco tattico e dinamico può essere giocato dai 2 ai 4 giocatori. Ognuno ha dalla sua parte un team composto dai 3 ai 5 guerrieri. PeaceBowl si basa sul giocare...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a l'Allegro Chirurgo

L'Allegro Chirurgo è sicuramente uno dei giochi da tavola più apprezzati a livello globale. Anche in Italia, questo titolo è un vero e proprio classico che non sente il peso degli anni. Commercializzato in tutto il mondo, si caratterizza per una serie...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Forza Quattro

Sia gli adulti che i più piccoli adorano cimentarsi con Forza Quattro. Si tratta di un gioco che ci fa divertire da numerose generazioni e che continua a riscuotere un grande successo di pubblico. Realizzato dall'azienda MB (Milton-Bradley) nell'ormai...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Oh my goods!

“Oh my Goods! Le mie merci! ” è un gioco di carte nato nel 2015 dal genio creativo di Alexander Pfister e adatto a giocatori al di sopra dei 10 anni (da 2 a 4). Lo scenario è quello di un villaggio medievale all'interno del quale i partecipanti...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a 13 indizi

13 indizi è un fantastico gioco di logica da tavoli che appassiona sia grandi per piccini. In questo gioco bisognerà immedesimarsi nei panni del più grande detective di tutti i tempi: il leggendario Sherlock Holmes. Prima di divertirsi con questo sfizioso...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Machiavelli

Machiavelli è un gioco di carte piuttosto semplice da imparare date le poche regole, ma consente partite anche molto lunghe, permettendo ai giocatori di sfoggiare le proprie capacità logiche attraverso manovre, per l'appunto, "machiavelliche" che permetteranno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.