Regole per giocare a Condottiere

Tramite: O2O 05/05/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Condottiere è un ottimo gioco da tavolo per 2-6 giocatori particolarmente adatto a chi vuole rivivere un?importate epoca storica dell?Italia, il Rinascimento. In quest?epoca le città-stato erano forse le forme di governo più evolute; Milano, Firenze, Genova e Venezia, rappresentavano poli di attrazione e modelli di vita capaci di calamitare ogni genere di persone. Tra queste c?erano sicuramente i condottieri che a capo delle loro milizie mercenarie fornivano i propri servigi ai governanti in cambio di soldi.
Condottiere vi mette proprio nei panni di uno di questi avventurieri, il vostro scopo sarà quello di conquistare il maggior numero possibile di città. Per farlo però dovrete vincere la concorrenza spietata di altri condottieri e quindi di altre milizie addestrate nell?arte della guerra.
Se il contesto storico che fa da cornice a questo gioco vi affascina, se volete provare l?ebbrezza di stare al comando di un manipolo di soldati prezzolati, se volete mettere alla prova le vostre doti di stratega allora non vi resta che seguire le regole messe insieme in questa lista per capire come giocare.

26

Inizio e scopo del gioco

Lo scopo del gioco è di conquistare il maggior numero possibile di città per poi unirle e creare un unico, potente, regno. Si arriva più velocemente alla vittoria se i domini sono fra loro adiacenti. All?inizio del gioco piazzate il tabellone al centro del tavolo. Ciascun giocatore sceglie un colore e prende i corrispettivi segnalini utili a indicare le regioni conquistate. Il giocatore più giovane assume il ruolo di Condottiere e prende il corrispondente segnalino. Sempre il più giovane mescola le carte e ne distribuisce 10 a ogni giocatore, poi piazza il segnalino Condottiere in una ragione a sua scelta indicando così la zona della prima battaglia.

36

Come si svolgono le battaglie

Inizia il gioco il giocatore in possesso del segnalino Condottiere poi si procede in senso orario. Le opzioni a disposizione per la battaglia sono due: giocare una carta, passare.
Per giocare una carta il giocatore di turno la posiziona scoperta davanti a sé. La somma delle carte giocate fino a quel momento costituisce la forza del suo battaglione (la forza è data dalla somma dei valori di ciascuna carta più eventuali carte modificatore). È possibile giocare qualsiasi carta senza limitazioni.
Anziché giocare una carta si può decidere di passare. Si può passare in qualsiasi momento con la limitazione che dopo aver passato una volta, nei turni successivi della battaglia non si posso più giocare carte. Chi passa si ferma, mentre gli altri continuano ad aggiungere carte fino a quando tutti i giocatori non avranno passato.

Continua la lettura
46

Conclusione delle battaglie

Al termine della battaglia ogni giocatore calcola la forza del proprio battaglione. Quello con il numero più alto è il vincitore e si aggiudica quella regione. Spetta a lui anche il segnalino Condottiere da piazzare dove crede (comunque in una regione libera) per il prossimo turno di gioco. In caso di parità la regione non viene assegnata a nessuno e il segnalino Condottiere passa al giocatore che siede alla sinistra dell?ultimo giocatore in possesso del segnalino Condottiere (eccezione va fatta per chi possiede il maggior numero di carte ?cortigiana?, in questo caso il segnalino va a lui).
Al termine della battaglia tutte le carte che formano un battaglione (carte giocate) devono essere ritirate.

56

Fine di un round

Un round ha termine quando tutti i giocatori, tranne uno, hanno terminato le proprie carte. In un round ci possono quindi essere anche più battaglie per diverse regioni. Il giocatore che ha ancora carte in mano ne deve scegliere due da tenere e scartare le restanti. A questo punto il Condottiere mescola le carte rimaste nel mazzo dopo la distribuzione e quelle scartate (non quelle giocate in tavola) e ne ridistribuisce 10 a ogni giocatore, aggiungendo una carta per ogni regione conquistata al giocatore che le possiede. Se ad esempio ho tre regioni conquistate, allora riceverò 13 carte. Adesso può iniziare un altro Round. Se al termine di una battaglia un giocatore rimane senza carte, non potrà partecipare alla prossima battaglia, ma dovrà attendere la fine del round per averne di nuove.
Ricordate che in qualsiasi momento del gioco è possibile prendere accordi con altri giocatori, eventualmente anche mostrandogli le proprie carte (non è però possibile scambiarle). Attenzione però, non è detto che gli accordi debbano poi essere mantenuti.

66

Fine del gioco e calcolo punteggio

Se si gioca in 4, 5 o 6 vince il primo che controlla 5 regioni in totale o 3 regioni adiacenti. Se si gioca in 2 o 3 vince il primo che controlla 6 regioni in totale o 4 regioni adiacenti. È comunque possibile che si arrivi alla fine del gioco senza soddisfare le succitate condizioni di vittoria, in questo caso vince chi ha il maggior numero di regioni conquistate. Se anche il numero di regioni conquistate è in parità fra più giocatori, allora tra i giocatori in pareggio si deve svolgere una battaglia supplementare. L?ultimo Condottiere distribuisce nuovamente 10 carte a testa più il numero di regioni conquistate. Nello spareggio gioca la prima carta chi è più vicino in senso orario al condottiere (oppure il condottiere se presente nello spareggio).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a l'Allegro Chirurgo

L'Allegro Chirurgo è sicuramente uno dei giochi da tavola più apprezzati a livello globale. Anche in Italia, questo titolo è un vero e proprio classico che non sente il peso degli anni. Commercializzato in tutto il mondo, si caratterizza per una serie...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Forza Quattro

Sia gli adulti che i più piccoli adorano cimentarsi con Forza Quattro. Si tratta di un gioco che ci fa divertire da numerose generazioni e che continua a riscuotere un grande successo di pubblico. Realizzato dall'azienda MB (Milton-Bradley) nell'ormai...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a 13 indizi

13 indizi è un fantastico gioco di logica da tavoli che appassiona sia grandi per piccini. In questo gioco bisognerà immedesimarsi nei panni del più grande detective di tutti i tempi: il leggendario Sherlock Holmes. Prima di divertirsi con questo sfizioso...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Machiavelli

Machiavelli è un gioco di carte piuttosto semplice da imparare date le poche regole, ma consente partite anche molto lunghe, permettendo ai giocatori di sfoggiare le proprie capacità logiche attraverso manovre, per l'appunto, "machiavelliche" che permetteranno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Sbarazzo: regole e consigli

Il gioco delle carte, come molti altri, è apprezzato e usato da tante persone spaziando dai più giovani ai più maturi. Ci sono molto giochi che si posso fare ed ora vorrei prendere in considerazione quelli fatti con le carte, cosiddette, da briscola....
Giochi da tavolo

Regole per giocare al Gioco della Vita

Il Gioco della Vita è un gioco da tavolo di società. Si ha a disposizione un tabellone dove ogni giocatore deve intraprendere una serie di scelte che rappresentano il corso della sua vita tra studi, matrimonio, nascita dei figli e imprevisti. Lo scopo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.