Regole per giocare a Canasta

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La Canasta è un gioco di carte estremamente popolare. La sua diffusione è avvenuta dopo il 1940, quando venne importata dal Sud America, come si evince chiaramente dal suo nome. Il termine 'Canasta', infatti, significa in spagnolo 'cesto' oppure 'paniere'. Visto che ogni gioco di carte prevede un variabile livello di difficoltà, è bene analizzarne a fondo il regolamento. In questa guida approfondiremo esaustivamente le Regole per giocare a Canasta in modo che, quando ci verrà chiesto di cimentarci in questo simpatico passatempo, saremo pronti e ben preparati.

27

Numero di giocatori e materiale

Iniziamo parlando del numero di giocatori e del materiale che chi gioca a Canasta deve avere. Per partecipare a questo gioco si può essere in 2, in 4 oppure in 6. La formula più consolidata è quella con due coppie, ma nulla vieta di giocare anche un classico 1 contro 1, o un 3 contro 3: le regole, qualsiasi sia il numero dei partecipanti, non cambiano. Quale materiale si dovrà utilizzare? Bisognerà giocare con le carte francesi (si usano, ad esempio, anche nel Solitario), ossia quelle con i semi Quadri, Picche, Fiori e Cuori. Serviranno 3 mazzi di 52 carte con 6 jolly in totale.

37

Fase preparatoria

Durante la fase preparatoria chi è alla destra del mazziere taglia le carte, alzandole. Una volta effettuata questa operazione, il mazziere distribuisce a ogni giocatore o a ogni coppia 15 carte. Di queste, bisogna controllare se si hanno o meno 3 carte rosse (cuori o quadri), scartarle e pescarne un egual numero dal mazzo. Fatto questo, il mazziere pesca la prima carta dal mazzo. Se esce il 3 nero, pinelle (ossia i 2) e il jolly, si deve pescare un'altra volta. Se non appartiene a nessuna di queste tre categorie, il mazziere pone sotto di essa un numero di carte equivalente a quello indicato sulla carte stessa. Nello specifico: 11 per il Fante, 12 Donna, 13 Re e 14 Asso.

Continua la lettura
47

Svolgimento e scopo del gioco

Ogni turno della Canasta ha delle precise regole. Ogni giocatore o coppia, può svolgere una singola azione il che significa, all'atto pratico, che una di queste ne esclude necessariamente un'altra. Chi è di turno può pescare due carte e scartarne una, che finirà nel Pozzo. Può 'aprire', 'chiudere' e ovviamente calare. Per 'aprire' si intende quella fase di gioco in cui si combinano una serie di carte fino a quando si raggiunge il valore minimo per l'apertura. La fase di chiusura, invece, avviene quando un giocatore scarta una carta e rimane senza nulla in mano. Qual è lo scopo del gioco della Canasta? Il primo obiettivo è quello di raggiungere la 'Canasta' vera e propria, ossia creare 7 o più combinazioni di carte. Il secondo è quello finale, ossia 'chiudere' rimanendo senza carte in mano.

57

Tipologia di canasta e valore delle carte

Le tipologie di Canasta possono essere essenzialmente di due tipi. La prima è quella che viene comunemente definita 'pura' o 'pulita', ossia costituita da 7 carte del medesimo valore. La seconda, invece, è definita 'sporca' o 'impura' si cala con un numero di 5 o più carte dello stesso valore a cui si aggiungono 2 o 1 Jolly, oppure 1 o 2 Pinelle. Si realizza, inoltre, un 'progetto' quando si hanno sei carte dello stesso numero. Per seguire al meglio le Regole per giocare a Canasta, comunque, è necessario anche conoscere il valore di ogni singola carta. L'Asso vale 20, il Jolly 50, dal 3 Nero al 7 5, dall'8 al Re 10 e le Pinelle 20.

67

Il Pozzo e l'apertura

Il Pozzo equivale al mazzo delle carte che sono state scartate. Se le pinelle o i Jolly vengono pescati all'inizio si dice in gergo tecnico che essi 'congelano' il mazzo. Questo vuol dire che tutti i giocatori potranno prendere il pozzo soltanto con 3 carte uguali invece che con 2. L'apertura è strettamente legata al punteggio, il che significa che ad ogni punteggio corrisponde una determinata apertura. Da 0 a 3000 l'apertura sarà 50, da 3001 a 5000 90, da 5001 a 7000 120, da 7000 a 10.000 160, da 10.000 a 12.000 180 e da 12.001 a 15.000 200.

77

La chiusura e il punteggio dei rossi

La chiusura nella Canasta avviene quando la coppia è riuscita nell'intento di portare a termine due Canaste, una sporca e una pulita. Potrebbe capitare anche, però, che nessuno dei due giocatori o delle due coppie riesca a chiudere. In questo caso la partita termina quando non ci sono più carte nel mazzo. Al fine della conta del punteggio finale è necessario comprendere quali sono i valori delle varie Canaste e dei rossi. Una Canasta pura vale 500, mentre sporca ne vale 300. Una pulita di Assi 1000 e una dello stesso genere ma sporca, 500. La Canasta di Pinelle pulita vale 3000, sporca 2000. In ultimo, la pulita di Jolly (chiamata Toro Seduto) ne vale 5000 e fare 5 Canaste pulite dà diritto a 1000 punti in più. Inoltre, la coppia che chiude ha diritto a 500 punti in più. Infine, i rossi: 3 equivalgono a 100 punti l'uno, 4 800, 5 1000 e 6 1200.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Consigli per vincere a canasta

Canasta è un gioco di carte che viene praticato in due o a coppie di due giocatori. Per giocare servono tre mazzi di carte francesi compresi di due jolly per mazzo e lo scopo è quello di formare delle combinazioni di almeno sette carte. Il gioco, anche...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a l'Allegro Chirurgo

L'Allegro Chirurgo è sicuramente uno dei giochi da tavola più apprezzati a livello globale. Anche in Italia, questo titolo è un vero e proprio classico che non sente il peso degli anni. Commercializzato in tutto il mondo, si caratterizza per una serie...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Domino

Il Domino è gioco da tavolo di origini antichissime. Ideato in Cina nel 1120, arrivò in Europa solo intorno a diciottesimo secolo. Il concetto che anima questo gioco è semplice e si basa interamente su accostamenti di numeri e somme. Le regole non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Forza Quattro

Sia gli adulti che i più piccoli adorano cimentarsi con Forza Quattro. Si tratta di un gioco che ci fa divertire da numerose generazioni e che continua a riscuotere un grande successo di pubblico. Realizzato dall'azienda MB (Milton-Bradley) nell'ormai...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Machiavelli

Machiavelli è un gioco di carte piuttosto semplice da imparare date le poche regole, ma consente partite anche molto lunghe, permettendo ai giocatori di sfoggiare le proprie capacità logiche attraverso manovre, per l'appunto, "machiavelliche" che permetteranno...
Giochi da tavolo

Regole per giocare al Gioco della Vita

Il Gioco della Vita è un gioco da tavolo di società. Si ha a disposizione un tabellone dove ogni giocatore deve intraprendere una serie di scelte che rappresentano il corso della sua vita tra studi, matrimonio, nascita dei figli e imprevisti. Lo scopo...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Strega comanda Colore

"Strega comanda colore" è uno dei più famosi giochi ideati per far divertire i bambini. Esistono due modalità di gioco che si distinguono per il luogo in cui vengono svolte. Infatti, una tipologia si gioca all'aperto, possibilmente in uno spazio ampio,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.