Consigli per vincere a Dungeons and Dragons

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Dungeons and Dragons è il capostipite dei giochi di ruolo e parlare di vittoria è improprio. In questo tipo di gioco è previsto che il gruppo dei giocatori, ognuno dei quali interpreta un personaggio definito da caratteristiche, riesca a portare a termine una missione. Contrapposto ai giocatori c’è il master che gestisce le regole. In pratica in Dungeons and Dragons non vince il singolo ma il gruppo. Per fare in modo che ciò accada, servono alcuni consigli.

26

Creare un gruppo

In Dungeons and Dragons i giocatori interpreta un personaggio che ha caratteristiche ben precise e limitate. Ognuno di essi contribuisce all'azione e al buon esito della partita. Si deve creare un gruppo quanto più vario possibile per evitare che il gioco diventi monotono e che le situazioni debbano sempre essere risolte alla stessa maniera. All'inizio non è facilissimo destreggiarsi nelle situazioni, ma quando ci si immerge a pieno viene tutto naturale.

36

Scegliere le classi e le razze

Ognuno dei personaggi ha un campo di azione relativamente ristretto, ci sono guerrieri, chierici, ladri, maghi, nani, elfi e molte altre classi, con punti di forza e di debolezza differenti che possono rendersi utili sia in azioni singole che coordinate. Ovviamente una azione di gruppo sarà quasi sempre più divertente e piena di risvolti interessanti. Ciò non vieta ad ognuno dei personaggi di avere il proprio momento di gloria.

Continua la lettura
46

Coordinare le azioni

Scegliere un gruppo vario, all'inizio può essere difficile, perché alcune classi di personaggi sono molto penalizzate agli esordi, ma accumulando esperienza le possibilità tendono a livellarsi. Quando i personaggi salgono di livello, diventano sempre più indispensabili gli uni per gli altri, e le azioni coordinate più divertenti. I punti di forza degli uni compensano le debolezze degli altri.

56

Salire di livello

All'interno di un gruppo di personaggi di Dungeons and Dragons è importante evitare la creazione dei così detti "power players". Può capitare di voler potenziare a dismisura il nostro personaggio, ma questo comportamento lo metterà al centro dell'azione sempre, impedendo agli altri di giocare. A nessuno piace fare solo la spalla. È sempre opportuno che il master limiti questi comportamenti, anche evitando elargizioni di punti ed oggetti in grado di sbilanciare troppo il gioco.

66

Evitare i power players

In definitiva per vincere a Dungeons and Dragons occorre avere un gruppo equilibrato. Se tutti i personaggi crescono in maniera omogenea, il gioco diventa entusiasmante e davvero molto interessante. È anche molto importante curare il carattere e il comportamento del personaggio, rendendolo il più realistico possibile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come creare una storia per Dungeons & Dragons

Dungeons & Dragons è forse il gioco di ruolo più famoso di sempre. Creare una storia avvincente non è molto difficile, ma bisogna stare un po' attenti. Non serve una grandissima inventiva, basta saper lavorare con ciò che si ha a disposizione. Un'idea...
PC

Come giocare a Neverwinter

Neverwinter è un MMORPG già disponibile da diverso tempo su PC (uscito nel 2013) e da poco approdato anche su console. Questo titolo è ambientato nel vasto universo del famoso gioco di ruolo Dungeons & Dragons, ma non si tratta del sequel di Dungeons...
Giochi da tavolo

I 5 giochi da tavolo più amati da sempre

Soprattutto durante le giornate d'inverno più fredde, ci si ritrova spesso con gli amici a casa, a bere una buona cioccolata calda davanti ad un bel fuocherello; perché magari fuori piove o fa troppo freddo. Ed ecco i presupposti per cominciare a giocare...
PlayStation

Le tipologie di eroi dei giochi di ruolo

I giochi di ruolo, nati come gioco da tavolo e poi sviluppati poi anche come videogiochi, si sono affermati a partire dagli anni Settanta in America. "Dungeons and Dragons" è uno tra i più famosi, e da questo gioco trarranno ispirazione tutte le serie...
PC

Come interpretare il Dungeon Master

Il Dungeon Master, nei giochi di ruolo, è colui che predispone e gestisce l'avventura che gli altri giocatori vivranno interpretando i propri personaggi. È principalmente sua dunque la responsabilità della riuscita della sessione di gioco. In questa...
Android

Consigli per giocare a Merge Dragons

Disponibile sia per IOS che per Android, Merge Dragons ti permette di immergerti in un universo fantastico dove si avrà l'opportunità di scoprire draghi mitologici, riti magici, e i segreti di una terra misteriosa. La particolarità del gioco è che...
PC

Come creare un personaggio di Dungeon and Dragons

Giocare a Dungeon and Dragons è qualcosa di straordinario. È un' esperienza bella a seconda dei casi, in quanto il D. And D. Non è il "normale gioco da tavolo". Infatti nelle sue parti, si rivela come un gioco di ruolo, da tavolo, di ambientazione...
PC

I 10 migliori MMORPG gratis

MMORPG (Massive Multiplayer Online Role-Playing Game) è l'acronimo con il quale vengono soprannominati i giochi online, che si svolgono in un mondo virtuale e vengono vissuti in prima persona dal giocatore, interpretando un ruolo. Un altro aspetto fondamentale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.