Come si gioca a Game of thrones - Board game

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il Trono di Spade ha avuto un successo incredibile con l'uscita dell'omonima serie TV ispirata ai romanzi di George R. R. Martin, tanto che oltre ai gadget, agli eventi dedicati e quanto altro, il gioco da tavolo - uscito nel 2003 - è andato incontro ad un nuovo successo. Più che la serie tv, per comprendere tutte le sfumature di questo gioco è consigliabile la lettura dei libri. Game of Thrones è fruibile dai tre ai sei giocatori; occorrono circa tre ore per una partita; l'età consigliata è sopra i quattordici anni. Andiamo quindi a vedere come si gioca a Game of thrones - Board game.

25

Le componenti

Le componenti sono poche e basilari: un mazzo di carte; una mappa; i segnalini di vario tipo, in plastica marmorizzata; le schede sui personaggi; le pedine. Il tutto è rappresentato ovviamente in una veste grafica di tipo fantasy, tuttavia, a differenza di altri giochi simili, non manca un certo rigore "realistico", soprattutto nella rappresentazione degli edifici.

35

La struttura del gioco

Il regolamento è chiaro e presenta non pochi esempi, ma occorrono alcune partite prima di comprendere a pieno tutte le meccaniche e le particolarità del gioco. L'ambientazione è tutto sommato fedele alla fonte, concentrandosi però molto di più sugli aspetti bellici e mettendo quindi in secondo piano la diplomazia e gli intrighi di corte. L'obiettivo, ovviamente, è vincere le battaglie e ottenere il dominio di Westeros.

Continua la lettura
45

Lo svolgimento

Ad ogni turno, i giocatori pescano tre carte-Westeros, che producono un certo effetto, come per esempio l'ottenimento di castelli, botti e corone, che garantiscono rispettivamente truppe, rifornimenti e segnalini del potere. In seguito, i partecipanti indicano degli ordini segreti in contemporanea, per poi svelarli. In ordine si eseguono le seguenti azioni: incursioni, marce e consolidamento del territorio. Per vincere le battaglie occorre avere un alto valore del segnalino della marcia, piuttosto che della difesa, oltre a poter giocare una carta-casata. Per determinare il vincitore, si conta il totale più alto ottenuto da tutti questi elementi. Il primo che conquista i sette territori con un castello vince.

55

Gli altri particolari

Nella prima edizione del gioco si può giocare in sei, ma solamente con l'espansione (Storm of Swords, il cui costo è elevato), mentre con la seconda si può giocare fino a sei giocatori, ma il gioco risulta essere poco bilanciato. Con l'espansione A Feast for Crows, però, è possibile giocare in quattro, con un'esperienza tutto sommato equilibrata e differente rispetto alla base. In prospettiva, il gioco da tavolo di Game of Thrones non delude nemmeno nella longevità, poiché le variabili sono molte e tattica e strategia possono rendere il tutto molto appassionante.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Game of Thrones

"Game of Thrones", tradotto in Italia come "Il Trono di spade", è il titolo di una serie di romanzi fantasy scritti da George R. R. Martin che in tempi recenti è stata trasformata anche in una serie televisiva di grande successo. Prima però che esordisse...
Giochi da tavolo

Come si gioca a The Game

The Game, in italiano "il gioco", è un gioco nato nel regno unito e che ha l'ambizione di conquistare il mondo. Una volta che si inizia a giocare non si può più tornare indietro. Non serve assolutamente nulla per giocare, anche se è gradita una buona...
Giochi da tavolo

Come giocare a Game of Trains

Game of Trains, in italiano "Gioco di Treni", è costituito da un mazzo di ottantotto carte. Tali carte si distinguono in due tipi: carta locomotiva (ve ne sono quattro in tutto) e carta vagone (ogni carta vagone è caratterizzata da un numero, che va...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Checkered Game of Life

Il "Gioco della Vita" ideato nel 1860 da Milton Bradley, brillante imprenditore americano versato nel settore dei giochi da tavolo, è stato elaborato con finalità non solo ricreative ma anche etiche. Esso trasmette, infatti, un insegnamento fondamentale:...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Game Of Life

Si tratta di uno dei giochi di società più antichi della storia, il gioco risale infatti al lontano 1861 ma ancora oggi, nonostante l'avvento della tecnologia che ha un po tolto la gioia dei giochi da tavola, riscuote un notevole successo perché si...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Game Extreme

The Game Extreme è un gioco da tavolo abbastanza semplice da apprendere e che ha riscosso un discreto successo. Come molti sanno, esso rappresenta la nuova versione del precedente e famoso The Game. Pur mantenendo sostanzialmente lo stesso funzionamento...
Giochi da tavolo

Come giocare a Crash! The bankrupt game

Come giocare a Crash! The Bankrupt game? Crash! È un gioco amato da centinaia di fan in tutto il mondo. Questo spassoso gioco da tavolo è un prodotto made in Italy, infatti il gioco è stato ideato da Giacomo Sottocasa nell'anno 2003. L'artista che...
Giochi da tavolo

Come giocare a Nico Senbei Asobi Game

Nico Senbei Asobi Game è un gioco di società derivante dal Giappone, basato sugli elementi tipici della cucina giapponese. È un gioco divertente che può essere svolto in competizione da due giocatori, che potranno mettere alla prova le proprie capacità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.