Come Si Gioca A Bestia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Nella seguente guida vi illustrerò come si gioca a bestia. Bestia rappresenta un divertente gioco d'azzardo, ovviamente vietato nei luoghi pubblici. Il gioco, nacque inizialmente intorno al seicento ed aveva specifiche e determinate regole, le quali non risultano essere propriamente fisse, dato che ogni Regione apporta le proprie variazioni alle regole originali. Bestia è un gioco veramente semplice, proprio per questo motivo è diventato piuttosto famoso e diffuso. Basterà possedere un semplice mazzo di carte tradizionali, quali ad esempio quelle siciliane, napoletane, torinesi, eccetera. Dopodiché, potrete iniziare a giocare coinvolgendo da un minimo di cinque giocatori, ad un massimo di dieci giocatori. Come potrete vedere il gioco è molto semplice e adatto a qualsiasi età. È inoltre molto divertente da giocare durante le Feste natalizie. A di fine anno potreste passare veramente una bella serata.

26

Il mazziere

Se rappresentate il mazziere dovrete distribuire cinque carte coperte a ciascun giocatore e quattro a voi stesso, una alla volta e in senso antiorario. Ne scoprirete poi una sul tavolo che sarà la briscola e verrà considerata come la quinta delle vostre. L'asso è la carta di maggior valore, seguono il tre, il re, il cavaliere, il fante e così fino al due. Si gioca con i gettoni e all'apertura ogni giocatore ne versa due sul piatto.

36

Il gioco

Come mazziere chiederete ai giocatori, cominciando da quello che è di mano, se vogliono partecipare al gioco e quante carte vogliono cambiare. Svolgerete quest'operazione anche per voi stesso e comincerà a giocare il partecipante che si trova alla vostra destra: se ha l'asso di "briscola" è obbligato a calarlo subito. Gli altri dovranno giocare una carta dello stesso seme: se non ce l'hanno giocano una briscola e questa operazione si chiama "taglio". Chi fa la presa, sarà primo nella mano successiva. Terminate le carte si contano le prese e chi non ne ha fatta nemmeno una si dice che è andato in bestia e si trova a dover versare nel piatto tanti gettoni quanti ne contiene, mentre gli altri giocatori ne prelevano tanti quanti le loro prese.

Continua la lettura
46

Le regole

Anche chi non rispetta le regole del gioco, ovvero non risponde al seme pur avendo la carta corrispondente o non taglia potendolo fare, deve raddoppiare il piatto. Nel caso in cui tutti i giocatori tranne uno non partecipino a una mano, si aggiudica il piatto l'unico giocatore che ha accettato di giocare. Finita la smazzata ogni giocatore versa un gettone nel piatto e tutto ricomincia come prima.
Quindi ora, non vi resta che iniziare la partita. Buon divertimento e vinca il migliore!

56

Guarda il video

66

Consigli

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

PC

Come Giocare A Bestia

In questi giorni di festa, si intrattengono gli ospiti con giochi da tavolo e carte. Rappresentano una tradizione irrinunciabile oltre alla classica tombola. Il Sette e mezzo, il Piatto, il Gioco dell'asino o Ciuccio, l'Assassino, la Scopa, la Briscola,...
PC

Come Si Gioca A Tresette Alla Disperata

Come risaputo, le varianti del gioco di carte Tresette (o Tressette), sono moltissime e la cosa è facilmente spiegabile, poiché siamo in presenza di quello che con ogni probabilità è il gioco di carte più popolare in assoluto nel nostro paese (oltre...
PC

Come Si Gioca A Whist

Il whist costituisce uno dei tradizionali giochi di carte e nasconde una storia singolare, da cui ha avuto origine: esso è nato in Inghilterra nel sedicesimo secolo e si diffuse divenendo molto popolare, fino ad affermarsi nella prima metà del 1700....
PC

Come Si Gioca A Piattello Con Le Carte

Il tiro al piattello, famosissimo sport olimpico, è un disciplina abbastanza rinomata nel mondo. Non deve essere confusa con il gioco di, carte chiamato il piattello. Il nome di questo gioco di carte deriva da un piattino posizionato nella parte centrale...
PC

Come si gioca a sette e mezzo con le carte napoletane

Quando si è in compagnia di amici o parenti, per riscaldare ancora di più la serata, molto spesso si decide di dedicarsi ad un gioco da tavolo. Il sette e mezzo ne rappresenta uno dei più popolari. Questo gioco ha un suo meccanismo base e delle regole...
PC

Come si gioca lo scopone a due giocatori

Tra i giochi più antichi ma sempre di moda e molto amati da adulti e piccini, si annoverano i giochi con le carte. Alcuni esempi di questi giochi sono: il gioco della briscola, il tresette, la scopa e una sua particolare variante, lo scopone scientifico....
PC

Come giocare a Misere

Se si sta pensando di organizzare una serata divertente a casa ed invitare qualche amico, non c'è niente di meglio di una bella partita a carte, che mette d'accordo tutti soprattutto durante le festività natalizie. Invece di fare i soliti giochi tradizionali,...
PC

Shadow of the Beast: i migliori trucchi

Shadow of the Beast è un fantastico gioco convertito su diverse piattaforme. Esso è stato pubblicato per la prima volta nel 1980 e da allora è stato copiato numerose volte, diventando lo spunto per diversi remake. In questa strepitosa guida vi insegno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.