Come Giocare al Quartetto

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Le carte da gioco rappresentano uno tra gli svaghi più diffusi in tutta la popolazione. Infatti, sia grandi che piccini, giocano spesso a carte, soprattutto durante i periodi di vacanza o per passare il tempo in allegria. Esistono diversi tipi di mazzi di carte ad ognuno dei quali sono associati uno o più giochi che possono essere complicati oppure abbastanza semplici. Molti giochi riguardano la memoria, altri le capacità di calcolo, altri ancora entrambi. Ti stai, però, chiedendo come si fa a giocare al "Quartetto"? Questo gioco è perfetto per un pubblico molto giovane ma può essere apprezzato da tutti. Ecco, dunque, quali sono le regole per giocare al "Quartetto" e come si svolge il gioco.

26

Occorrente

  • Carte napoletane
  • Carte francesi
36

Per giocare a "Il Quartetto" dovete munirvi di un mazzo di carte. Il mazzo potrà essere o quello francese da cinquantadue carte senza i Jolly, oppure quello napoletano da quaranta carte. Il numero dei giocatori è quattro. Per prima cosa mischiate le carte per bene. Cominciate, poi, con il distribuire tutte le carte da gioco: ogni giocatore deve avere in mano dieci o tredici carte. Distribuitele dando ad ogni giocatore una singola carta per volta. Il numero di carte da distribuire varierà, ovviamente, a seconda del mazzo di carte che si è scelto di utilizzare.

46

Il gioco consiste nel formare dei poker, ovvero quattro carte uguali ma di seme diverso, allo stesso di come si fa nel poker vero e proprio. Il primo giocatore può richiedere ad un altro una carta: ad esempio, se avete in mano tre sette potreste chiedere il sette del seme mancante ad un altro giocatore a vostra scelta. Se il giocatore a cui chiedete la carta la possiede è obbligato a darvela, voi potete metterla nella vostra mano e chiedere nuovamente un'altra carta. Al contrario, se l'avversario non possiede la carta richiesta, perdete il turno che passa a colui a cui avete richiesto la carta.

Continua la lettura
56

È possibile richiedere una carta solo se ne si possiede nella propria mano una dello stesso valore: ad esempio se non avete alcun sette in mano non vi sarà possibile chiedere il sette di picche o di un qualsiasi altro seme ad un avversario. Lo scopo del gioco è finire tutte le carte. Vince la partita, infatti, il giocatore che per primo è rimasto senza alcuna carta in mano. Una regola importante di questo gioco è che ogni qual volta un avversario vi consegna la carta richiesta dovete "ringraziarlo". È molto importante tenere a mente questa regola: se infatti vi dimenticate di ringraziare l'avversario non solo perdete la carta richiesta ma anche il turno, che passerà al giocatore a cui avete chiesto la carta.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Contate sempre le carte prima di iniziare
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a centocinque

Centocinque, oppure 105, è un gioco di carte che si avvicina molto alla tipologia di Uno, in quanto il giocatore che totalizza più punti (massimo 105) perde. Per giocare a Centocinque occorre un mazzetto di carte napoletane e il suo scopo è quello...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai bambini

I giochi di carte hanno un'origine molto antica. Pare, infatti, che alcuni storici leghino la nascita delle carte da gioco a quelle della cartamoneta e sostengano che si siano diffuse a partire dal continente asiatico. Queste prime, rudimentali, carte...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Pinnacolo

Pinnacolo è un gioco di carte diffusosi negli anni '30 in Italia, prima della Grande Guerra. Il nome del gioco viene dall'inglese "pinochle" e si riferisce alla carta del due di picche. Per giocare una partita servono due mazzi di carte da poker e almeno...
Giochi da tavolo

Briscola: regole di gioco e strategie per vincere

La briscola è un gioco popolare di origini antichissime, giocato in tutta Italia e di grande intrattenimento: basta avere con sé un mazzo e si può giocare con qualsiasi altra persona conosca le regole base. La sua semplicità ne ha fatto la sua fortuna...
Giochi da tavolo

Come giocare a Cockroach Poker

Cockroach Poker, nonostante il nome possa facilmente ingannare, è un gioco che non ha niente a che vedere con il poker tradizionale. Diciamo che è comunque un gioco di carte, basato, come quello tradizionale, sul bluff; soltanto che, a differenza del...
PC

Come giocare a Drin con le carte da poker

All'interno della guida che seguirà, andremo a concentrarci su un gioco di carte, il cosiddetto Drin. Infatti, come avete avuto occasione di scoprire già attraverso la semplice lettura del titolo della stessa, ci occuperemo di spiegarvi come giocare...
Giochi da tavolo

Come calcolare le odds nel poker

Il texas hold'em o poker alla texana è una delle varianti del poker. A differenza del poker all'italiana, dove ogni giocatore dispone di 5 carte coperte, scambiabili in un secondo momento con un numero compreso da uno a cinque carte coperte, quello alla...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.