Come giocare ad Aladdin's Dragons

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

I giochi da tavolo con ambientazione fantasy, hanno sempre un seguito di appassionati molto vasto. Quando poi si tratta di storie tratte da Mille e una notte, allora la gamma di giocatori si amplia anche a coloro che adorano questo tipo di vicende. Aladdin's Dragons è un gioco da tavolo molto interessante, che può coinvolgere grandi e piccini. Permette di elaborare delle strategie molto complesse, che richiedono un certo ingegno, oppure bluffare in modo molto semplice. Questa guida si propone appunto di spiegarvi come giocare ad Aladdin's Dragons.

25

Occorrente

  • Aladdin's Dragons
35

Capire il gioco

Giocare ad Aladdin's Dragons è fondamentalmente molto semplice: occorre sfruttare il metodo delle aste per ottenere il maggior numero di manufatti. Lo scopo del gioco è quello di conquistare più manufatti rispetto agli avversari entro la fine della partita. Il tabellone è diviso in tre settori: la parte inferiore comprende i draghi ed è il posto dove poter trovare i tesori; la parte centrale è destinata ad aumentare i propri poteri; la parte a nord è invece il luogo dove poter trovare gli artefatti. Nelle caverne dei draghi ci sono 5 caverne, ognuna di un colore diverso. Gli artefatti sono invece 5 per ogni tipo (in tutto 6 tipi).

45

Cominciare la partita

Prima di cominciare la partita si consiglia di utilizzare un tavolo di medie dimensioni, adatto a contenere la plancia di gioco ed il numero di giocatori che si organizzano per la partita. Ad ogni giocatore vengono distribuiti i gettoni asta (un set da otto con un numero variabile da 1 a 9). Si mischiano e si distribuiscono poi i gettoni grigi, nel numero di 10, che sono i gettoni dedicati al corpo di guardia. Gli artefatti vanno poi mischiati ed organizzati in mazzetti da 6. Ogni mazzetto viene posizionato in corrispondenza della cella quadrata in una delle stanze del palazzo. Il gioco si svolge in più round, ognuno dei quali diviso in due parti: posizionamento dei gettoni e valutazione della forza.

Continua la lettura
55

Terminare il gioco e premiare il vincitore

Occorre sapere anzitutto che occorre ottimizzare le proprie risorse, per cui l'utilizzo di un artefatto (che è molto potente) viene limitato dal fatto che è possibile utilizzarlo solo una volta in un turno. Il giocatore più forte ha la possibilità di acquistare l'artefatto, che viene pagato tanti tesori quanti sono i suoi gettoni. Se il giocatore più forte non ha la possibilità di acquistare l'artefatto, la giocata passa al secondo e così via. Il gioco termina quando viene acquistato l'ultimo artefatto. Alla fine si contano gli artefatti ed il giocatore che è riuscito ad acquistare di più, vince la partita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Dungeons and Dragons

Dungeons and Dragons è un famoso gioco di ruolo da tavolo inventato da Gary Gygas e Dave Arneson nel 1974. Sostanzialmente si basa sulle avventure in un mondo fantastico che dovranno intraprendere degli eroi personificati da voi, seguendo una trama creata...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Dungeons and Dragons

Dungeons and Dragons è il capostipite dei giochi di ruolo e parlare di vittoria è improprio. In questo tipo di gioco è previsto che il gruppo dei giocatori, ognuno dei quali interpreta un personaggio definito da caratteristiche, riesca a portare a...
Giochi da tavolo

Come giocare a Sáhkku

Il gioco del sáhkku nasce nell'estremo nord Europa, nelle regioni prevalentemente lapponi. Le regole per giocare sono simili al gioco del Daldos, presentando alcune varianti tali da richiedere strategie ben ragionate. Come nei giochi che presentano un...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Winner's Circle

Winner's Circle è un interessantissimo gioco che ci proietta all'interno del mondo delle corse di cavalli. Come in un vero ippodromo, il nostro obiettivo principale sarà quello di azzeccare il cavallo giusto su cui puntare, portandoci a casa la vittoria....
Giochi da tavolo

Come creare una storia per Dungeons & Dragons

Dungeons & Dragons è forse il gioco di ruolo più famoso di sempre. Creare una storia avvincente non è molto difficile, ma bisogna stare un po' attenti. Non serve una grandissima inventiva, basta saper lavorare con ciò che si ha a disposizione. Un'idea...
Giochi da tavolo

Come giocare a Daldøs

Daldøs (chiamato anche Daldøsa), è un antico gioco nord europeo, per due giocatori, che consiste nel riuscire ad eliminare tutte le pedine avversarie, muovendosi lungo le posizioni delle 3 file parallele presenti sul tavoliere, a seconda del risultato...
Giochi da tavolo

Come giocare a Rubik's Race

Negli anni ottanta, spopolava tra i ragazzi un gioco rompicapo molto avvincente, chiamato il "cubo di Rubik". Come dice la parola stessa è un cubo fatto interamente di quadratini colorati che se girati tra loro danno una combinazione di colori uguali....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Dungeon Bazar

"Dungeon Bazar" è un gioco da tavolo della Cranio Creations che si ispira al mondo dei giochi di ruolo e di Dungeons&Dragons. Il giocatore però in questo caso non è chiamato ad impersonare l'eroe che vuole entrare nel dungeon sotterraneo e uccidere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.