Come giocare a We the People

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

We the People è un gioco da tavolo di guerra, realizzato da Mark Herman, ambientato durante la Rivoluzione Americana. È stato il primo gioco di guerra ad utilizzare le carte come metodo principale per svolgere la partita e ciò ha dato vita ad un nuovo genere di giochi da tavolo basati sulla competizione e un'intensa narrativa storica. I giocatori dovranno guidare due eserciti contrapposti e cercare di prevalere sull'altro, con astuzia e tattiche militari. Non solo è un gioco molto emozionante e divertente, ma può essere anche utile per conoscere in modo approfondito la storia americana! Si può giocare fino a due giocatori e le partite durano in media due ore. Non ci resta che scoprire come giocare a We the People!

25

Occorrente

  • Gioco da tavolo "We the People"
  • 2 giocatori
35

Contenuto della scatola

I materiali contenuti nella scatola sono i seguenti:
- Un tabellone di gioco, in cui sono presenti le 13 colonie americane e canadesi, che furono coinvolte nella Rivoluzione Americana;
- Carte strategiche e carte di battaglia;
- Carte veto;
- Segnalini di controllo politico;
- Pedine di diversi colori e di diverse forme: rettangolari, quadrate, rotonde ed esagonali;
- Un dado a sei facce;
- Un libretto delle regole;
- Un libretto contenente il commento storico.

45

Set up e scopo del gioco

Prima di avviare la partita, è necessario un set up molto veloce. I giocatori devono decidere chi guiderà l'esercito inglese e chi invece rappresenterà l'esercito americano. Dopo questa decisione, si mescolano le carte strategiche e le carte di battaglia e si dividono in due mazzi separati. Ogni giocatore riceve un certo numero di carte da entrambi i mazzi e anche dei segnalini di controllo politico. L'obiettivo dei giocatori è quello di ottenere il controllo della maggior parte delle colonie, occupando gli spazi che rappresentano le città con i segnalini di controllo politico.

Continua la lettura
55

Svolgimento della partita

Durante il proprio turno, il giocatore può compiere diverse azioni: può decidere di far avanzare una pedina del proprio esercito; può attaccare un nemico dell'altro esercito; infine, può attivare una carta strategica. Gli eserciti possono muoversi tramite le linee che collegano le varie città presenti sulla mappa. Per attaccare un avversario, bisogna usare le carte di battaglia, ognuna delle quali presenta una manovra militare tattica. Il danno inferto dipende dal numero ottenuto dal lancio del dado, ma anche dalle statistiche di quella specifica pedina. Ogni esercito è guidato da un generale storico: tali pedine hanno statistiche più alte rispetto alle altre. In ogni caso, se chi viene attaccato riesce a sopravvivere, ha diritto ad attaccare a sua volta. Le carte strategiche servono invece ad attivare degli eventi speciali e possono influenzare le situazioni militari e politiche. Chi conquista più colonie, vince la partita!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a The Lord of the Ice Garden

The Lord of the Ice Garden è un gioco da tavolo ispirato ai racconti di Jaroslaw Grzedowicz, un bravo scrittore polacco che affronta i temi di fantascienza e fantasy. Il gioco è uscito l'anno scorso grazie all'editore Giochix e anche se in Italia non...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Republic of Rome

The Republic of Rome è un gioco da tavolo. Come tutti i giochi da tavolo, anche questo è un gioco di società che unisce gli amici che vogliono stare a casa una sera in compagnia. Come giocare è piuttosto semplice se si seguono le regole del gioco....
Giochi da tavolo

Come giocare a Betrayal At The House On The Hill

Betrayal At The House On The Hill significa letteralmente "Tradimento nella casa sulla collina". Il gioco consiste nell'esplorazione di una casa stregata di tre piani posta in cima ad una collina. I personaggi/giocatori sono studenti, professori o semplici...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a The Castle of the Devil

The Castle of the Devil (Il Castello del Diavolo nella traduzione italiana) è un gioco di società da 4 a 8 giocatori. In questa guida spiegheremo le regole essenziali e tutto ciò che bisogna sapere per iniziare a giocare. L'idea di base prevede lo...
Giochi da tavolo

Come giocare a The End of the World - Zombie Apocalypse

The End of the World è un gioco di ruolo ambientato in un periodo post-apocalittico. L'umanità è costretta a combattere se vuole sopravvivere in un mondo diverso, spaventoso e irriconoscibile. The End of the World prevede quattro ambientazioni diverse...
Giochi da tavolo

Come giocare a I'm the Boss!

I'm the Boss! È un gioco di carte sviluppato da Sid Sackson, in cui lo scopo dei giocatori è quello di guadagnare più soldi di tutti gli altri per vincere la partita. È un gioco di negoziazione, in cui i giocatori devono competere, ma anche collaborare...
Giochi da tavolo

Come giocare a Crash! The bankrupt game

Come giocare a Crash! The Bankrupt game? Crash! È un gioco amato da centinaia di fan in tutto il mondo. Questo spassoso gioco da tavolo è un prodotto made in Italy, infatti il gioco è stato ideato da Giacomo Sottocasa nell'anno 2003. L'artista che...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Game Extreme

The Game Extreme è un gioco da tavolo abbastanza semplice da apprendere e che ha riscosso un discreto successo. Come molti sanno, esso rappresenta la nuova versione del precedente e famoso The Game. Pur mantenendo sostanzialmente lo stesso funzionamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.