Come giocare a Tivitti

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Gioco da carte tipico delle tradizioni del Sud-Italia, Tivitti è un passatempo semplice da imparare e adatto a tutti, sia negli assolati pomeriggi estivi sia, ancora meglio, nel periodo delle feste natalizie per trascorrere allegre serate con amici o parenti. Si tratta infatti di un'ottima alternativa ai classici giochi come la tombola e un modo accattivante per sfoggiare la vostra abilità a giocare con le carte.

25

Inizio del gioco

Per giocare è necessario essere in possesso di uno o più mazzi di carte del tipo "napoletane". Il numero di giocatori può variare da un minimo di due a un massimo di 10. Più si è, più il gioco avrà breve durata. Un mazziere distribuisce a ciascun giocatore, compreso a se stesso, un numero uguale di carte in modo casuale e a seme coperto. Queste carte andranno disposte in un mazzetto alla destra di ciascun giocatore che non può né guardarle né decidere la sequenza.

35

Svolgimento del gioco

Lo scopo del gioco è esaurire il proprio mazzo di carte prima degli altri. A turno, in senso antiorario, ogni giocatore scopre la carta in cima al proprio mazzo. Se può darla, ne scoprirà un'altra. Se non può, la appoggerà a viso scoperto alla sinistra del proprio mazzetto. In che modo il giocatore può dare via le proprie carte? Se è un asso, lo porrà al centro del tavolo e da questi assi potrà essere creata una scala. Ad esempio, se sul tavolo c'è un asso di spade e io pesco un due di spade lo posso appoggiare sopra l'asso, e così via fino al re. Se è un altra carta, ci sono due possibilità, o può proseguire una scala al centro del tavolo oppure può appoggiarla sul mazzetto di carte a viso scoperto di uno degli altri giocatori. Quest'ultima eventualità può verificarsi se la mia carta è di un'unità crescente rispetto a quella su cui deve essere appoggiata. Ad esempio, se io pesco un tre di bastoni e un altro giocatore ha un due scoperto posso appoggiare sopra il suo due il mio tre e così via fino al re, sul quale non può mai essere appoggiato nulla.

Continua la lettura
45

Particolarità

Abbiamo detto che per esaurire il proprio mazzo possiamo usare le nostre carte per fare una scala o dandole ad altri giocatori. Durante questa mossa si può fare "tivitti", che significa semplicemente in dialetto "ti ho visto" e cioè sbagliare. Se si fa tivitti uno degli altri giocatori che se ne sia accorto deve dire "tivitti" e il giocatore che ha sbagliato salta il suo turno riponendo la carta pescata in cima al mazzo. Ci sono tre modi per fare "tivitti". Il primo si verifica quando non si dà priorità alla scala. Se ad esempio sul tavolo c'è la scala di spade con sopra un tre e io pesco un quattro di spade, non accorgendomene lo assegno a un giocatore che sul mazzetto scoperto ha un altro tre, ho fatto "tivitti". Il secondo si verifica quando prima di scoprire la prima carta del mio mazzo coperto non ho controllato se la prima carta del mio mazzo scoperto può o meno essere assegnata ad altri o appoggiata sulla scala. Anche in questo caso ho fatto tivitti. Il controllo del proprio mazzo scoperto e la successiva, se possibile, assegnazione delle carte può e deve essere effettuata tutte le volte che sia possibile e deve avere la priorità rispetto al pescare dal mazzo coperto. Il terzo modo per fare tivitti si verifica invece quando pesco una carta e la ripongo nel mazzetto scoperto senza accorgermi che invece poteva essere messa o su una scala o essere data ad altri. È da sottolineare che mentre le scale devono rispettare il seme, assegnare le carte agli altri giocatori non rispetta questo vincolo ma bisogna semplicemente seguire l'ordine crescente. In questo caso un cinque di denari deve essere posto sopra un quattro di spade a meno che sulla scala di denari non ci sia un quattro. Quando si esaurisce il proprio mazzo coperto basta semplicemente girare il proprio mazzo scoperto. Come già detto, vince chi esaurisce prima le proprie carte.

55

Varianti

Se il numero massimo di giocatori con un mazzo è di 10, è possibile unendo due mazzi anche giocare in 20. In questo caso le scale da formare al centro del tavolo saranno 8. È possibile inoltre mettere una posta in gioco, con ogni giocatore che versa sul banco la propria quota. Il vincitore risulterà assegnatario del totale.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Scopone scientifico: regole di gioco

Lo scopone scientifico è un avvincente gioco italiano che si gioca con un mazzo di quaranta carte napoletane o piacentine, che hanno i semi di bastoni, spade, coppe e denari. Rappresenta la variante della popolare scopa ma presenta regole diverse.Il...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Piripicchio

Nei momenti dove non bisogna fare qualcosa di importante, è sempre meglio impiegare il tempo libero a disposizione con un gioco allegro. Molte persone cercano di trascorrere qualche ora in palestra o facendo dell'attività sportiva all'aperto (come il...
Giochi da tavolo

Come giocare a Scaricabarile

In questa guida, passo dopo passo, spiegherò come giocare a Scaricabarile. Si tratta di un gioco da tavolo piuttosto divertente ed il numero minimo di giocatori previsto è due. Per poter giocare nel miglior modo possibile, ci vogliono sia la velocità...
PC

Come giocare ad asso che fugge

Con tale tutorial, vi spiegheremo nei passaggi seguenti di tale tutorial a come giocare ad "Asso che fugge". Ci sono diversi tipi di carte da gioco, per esempio ci sono quelle napoletane formate da 40 carte caratterizzate da quattro semi differenti, che...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Mambassa

Mambassa è un gioco di carte che deriva il suo nome dal detto "fare man bassa". Viste le regole del gioco, è probabile che questi sia ispirato ai più famosi Trentuno e Pentragola. Manbassa è molto giocato nel litorale marchigiano. In particolare è...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
Giochi da tavolo

I migliori giochi di carte per bambini

Insegnare ai bambini a giocare a carte può rivelarsi una scelta vincente, infatti apre loro la strada a un genere di svago differente rispetto ai tradizionali giocattoli o ai sempre più utilizzati videogiochi, garantendo comunque divertimento e interesse....
Giochi da tavolo

Come giocare al solitario con le carte napoletane

Tra i tanti giochi da tavolo da svolgere in compagnia, quelli con le carte sono i più comuni. Fanno parte delle più antiche tradizioni del nostro paese. Esistono diversi tipi di carte, che permettono di fare dei giochi divertenti e originali. Tra i...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.