Come giocare a The Mansion of Happiness

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

The Mansion of Happiness è un gioco da tavolo storico poco conosciuto nel nostro Paese, ma che presenta diversi aspetti interessanti, che lo rendono un prodotto adatto tanto ai giocatori con una certa esperienza quanto ai soli collezionisti. Il prezzo non è dei più economici e la lingua inglese è presente anche nelle varie edizioni italiane, sebbene sia preferibile acquistare la versione originale completamente in inglese, nonostante il costo. Forse per questi due motivi (costo e lingua) il gioco si è diffuso poco in Italia e non molti sanno come giocare a The Mansion of Happiness senza una guida tradotta. Andiamo dunque a vedere le basi per sperimentare con profitto questo prodotto, che nella versione storica è stato pubblico in ben tredici edizioni, l'ultima delle quali uscita nel 1926, con all'attivo ben centoventisei anni di pubblicazione continua.

26

Le origini del gioco e le sue versioni

Le premesse che seguono sono imprescindibili per comprendere il funzionamento del gioco e lo spirito che portò alla sua creazione e al successivo sviluppo. Il titolo completo del gioco è il seguente: "The Mansion of Happiness: An Instructive Moral and Entertaining Amusement". Esso nacque al principio del XIX secolo, ma si diffuse negli Stati Uniti a partire dal 1843, ispirandosi in parte ad altri prodotti simili come il classico "gioco dell'oca". Si può dire che The Mansion fu il risultato delle aspirazioni della classe media americana, che in piena crescita economica e demografica consegnò alle nuove generazioni un gioco che trattasse l'etica cristiana (in particolare puritana) e la proponesse come esempio di virtù e di morale. Tanto fu il successo di questo prodotto, che si può considerare a buon diritto il progenitore dei giochi da tavolo americani. Passarono circa trent'anni e The Mansion apparve in nuove versioni, in cui ai valori cristiani si sostituirono o affiancarono i valori propri della società capitalista, basata sulla competizione, un inarrestabile ottimismo e la percezione che ogni bene fosse un dono divino.

36

La struttura e l'obiettivo del gioco

Ideato da George Fox per i bambini, in realtà The Mansion of Happiness è fruibile anche da parte degli adulti o dei semplici collezionisti. I giocatori si muovono su un percorso reale e simbolico al contempo, costituito da sessantasei caselle, che raffigurano i vizi e le virtù. L'obiettivo del gioco è di raggiungere la fine del percorso, dove è situato il Palazzo della Felicità. Come per il gioco dell'oca, sulle varie caselle sono indicate diverse azioni: in generale, chi cade sulle caselle dei vizi è costretto a indietreggiare, mentre chi finisce sulle caselle delle virtù può proseguire.

Continua la lettura
46

Le azioni e i movimenti possibili

Ovviamente, per vincere bisogna raggiungere per primi il centro della mappa, che rappresenta simbolicamente il paradiso. In quella casella si trovano uomini e donne felici, che suonano e danzano dinanzi ad un palazzo con giardino. I giocatori attraversano quindi un teetotum, una struttura a spirale, nota in Europa almeno dai tempi dei Romani, e che presenta un forte valore simbolico, a partire dall'immagine del labirinto, per non parlare del significato del numero 66 e di altri simboli. La regola generale del gioco si basa sugli opposti: se un giocatore finisce nella casella di un vizio è inviato alla "Casa della Correzione", o prigione, allontanandosi così dalla vittoria. Per esempio, chi cade nell'Orgoglio è spedito indietro nella casella dell'Umiltà; chi finisce nell'Ozio è rispedito nella Povertà.

56

Le regole speciali in base ai vizi e alle virtù

Seguendo l'antico regolamento, sono presenti anche importanti istruzioni. Chiunque possieda Pietà, Onestà, Temperanza, Gratitudine, Prudenza, Verità, Castità e Sincerità ha il diritto di avanzare di sei caselle verso la dimora della felicità. Al contrario, chi è ammaliato da una passione deve essere condotto nelle acque presenti sulla mappa per la purificazione. Infine, chiunque possieda Audacia, Crudeltà, Immodestia o Ingratitudine è costretto a tornare alla sua precedente situazione, fino a quando non sarà di nuovo il suo turno.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'intenzione di The Mansion of Happiness è di trasmettere un messaggio morale, attraverso uno strumento ludico. Se non si considera questo aspetto, adattandolo di conseguenza al periodo storico in cui il gioco fu proposto, si rischia di banalizzare il gioco stesso.
  • Se l'intento è quello di sperimentare questo gioco da tavolo per pura curiosità, allora è sufficiente crearne una riproduzione, per evitare inutili sprechi di soldi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Escape: The Curse of the Temple

Escape: The Curse of the Temple è un gioco estremamente rapido e collettivo. Una partita a questo gioco da tavolo dura solamente 10 minuti, dato che il tempo è proprio uno dei 'nemici' che dovrete superare. La trama di base è immediata e ricalca uno...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Lord of the Ice Garden

The Lord of the Ice Garden è un gioco da tavolo ispirato ai racconti di Jaroslaw Grzedowicz, un bravo scrittore polacco che affronta i temi di fantascienza e fantasy. Il gioco è uscito l'anno scorso grazie all'editore Giochix e anche se in Italia non...
Giochi da tavolo

Come giocare a The End of the World - Zombie Apocalypse

The End of the World è un gioco di ruolo ambientato in un periodo post-apocalittico. L'umanità è costretta a combattere se vuole sopravvivere in un mondo diverso, spaventoso e irriconoscibile. The End of the World prevede quattro ambientazioni diverse...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a The Castle of the Devil

The Castle of the Devil (Il Castello del Diavolo nella traduzione italiana) è un gioco di società da 4 a 8 giocatori. In questa guida spiegheremo le regole essenziali e tutto ciò che bisogna sapere per iniziare a giocare. L'idea di base prevede lo...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Checkered Game of Life

Il "Gioco della Vita" ideato nel 1860 da Milton Bradley, brillante imprenditore americano versato nel settore dei giochi da tavolo, è stato elaborato con finalità non solo ricreative ma anche etiche. Esso trasmette, infatti, un insegnamento fondamentale:...
Giochi da tavolo

Come giocare a 1812 - The Invasion of Canada

Nel 1812 in Europa gli Stati stavano scrivendo pagine importantissime per la storia militare, mentre in America si stava dando il via a una guerra dimenticata dalla Storia: il tentativo di invasione del Canada da parte degli Stati Uniti. Napoleone scorrazzava...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Castles of Burgundy

The Castles of Burgundy ovvero i Castelli della Borgogna. La regione della Borgogna si trova in Francia ed è conosciuta in tutto il mondo per la ricchezza dei suoi paesaggi, per la raffinatezza della sua arte e soprattutto per la qualità dei suoi vini....
Giochi da tavolo

Come giocare a Leader 1 Hell of the North

Leader 1 Hell of the North è un gioco da tavolo di ciclismo, per ragazzi dai 14 anni in su. Il gioco consiste in un circuito articolato che le pedine, ossia i ciclisti, devono attraversare per tagliare il traguardo e vincere la partita. Le ambientazioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.