Come giocare a Stone Age

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Oggi, vi parlerò di un gioco da tavolo considerato uno dei classici ma, in realtà, nato soltanto di recente (nel 2008) e ideato da Michael Tummelhofer: Stone Age. Adatto a un target molto vasto, Stone Age è un gioco di strategia, molto leggero e semplice da capire. Si può giocare da un minimo di due ad un massimo di quattro giocatori ed ogni partita ha una durata media complessiva di 120 minuti. L'ambientazione del gioco è un villaggio non molto evoluto, in cui, lo scopo dei giocatori è proprio quello di far sviluppare questo piccolo villaggio e civilizzandolo, mediante dei componenti importanti che di seguito andremo a spiegare. Se, il gioco vi ha incuriositi e volete saperne di più, continuate nella lettura di questa guida su come giocare a Stone Age.

27

Occorrente

  • Gioco da tavolo Stone Age
37

Posizionate i lavoratori

All'interno della scatola del gioco troveremo componenti di ottima fattura: dalle plance ai dadi in legno contenuti nel portadadi in pelle, con segnalini colorati e capanne e attrezzi in cartoncino, insieme ad un mazzo di carte di grosso spessore. Per iniziare il gioco, innanzitutto, bisogna piazzare i lavoratori. Inizia il giro chi ha il segnalino del capovillaggio e poi ogni giocatore in senso orario, fin quando non si finiscono tutti i lavoratori. Bisogna ricordare le sezioni in cui si possono piazzare massimo sette lavoratori anche di giocatori diversi e le aree in cui il piazzamento è infinito (ad esempio, l'area del cibo).

47

Completate le missioni

Nel secondo passaggio vanno svolte tutte le missioni contenute nelle carte: raccolta di materie prime, costruzione di edifici, acquisto di carte. Queste ultime vanno acquistate mediante le risorse: ciascuna carta ha un valore preciso di risorse che può variare da uno a quattro risorse. Le carte si distinguono di due tipi: quelle verdi sono carte civilizzazione riguardanti la musica la scrittura l'arte ecc. Le carte color sabbia, invece, sono moltiplicatori che raddoppiano i punti a fine partita. Per conoscere quanti lavoratori bisogna impiegare, è necessario lanciare un numero di dadi, basato sul numero delle vostre risorse. Questo stesso metodo è utilizzato anche per gli edifici e il resto.

Continua la lettura
57

Nutrite il villaggio

In questa parte del gioco, l'obiettivo principale è quello di sfamare i componenti del villaggio con il cibo accumulato durante il gioco. Se non si riesce a sfamare tutti, vengono sottratti dieci punti. Il gioco termina quando non si ha più carte da posizionare nel tabellone o gli edifici sono finiti. È un gioco abbastanza semplice, ma impegnativo. Buon divertimento con Stone Age!

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non bisogna accumulare troppo cibo, perché non è fondamentale come le risorse a fine partita nel conteggio dei punti.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Stone Age

Se amate il periodo della preistoria e il primo sorgere delle civiltà, il gioco che fa per voi è senza dubbio Stone Age ideato da Michael Tummelhofer e prodotto da Hans im Glück, dove i diversi giocatori manovrano diverse tribù che devono pian piano...
Giochi da tavolo

Come giocare ad Empires: Age of Discovery

Il terzo esempio della saga di videogiochi strategici di Age of Empires è rappresentato da Age of Discovery. Dopo i primi due videogiochi che erano ambientati nell'età del ferro e nel successivo Medioevo, l'azione di gioco si svolge ora nell'epoca...
Giochi da tavolo

Regole per giocare ad Age of Thieves

Age of thieves è un gioco basato su concetti famosissimi di pedine, mappa e punti di azione. Consigliato per 2 o 4 giocatori dai 14 anni in su per la durata che va dai 60 ai 120 minuti. Questo gioco punta a mettere i giocatori nei panni di ladri pronti...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Checkered Game of Life

Il "Gioco della Vita" ideato nel 1860 da Milton Bradley, brillante imprenditore americano versato nel settore dei giochi da tavolo, è stato elaborato con finalità non solo ricreative ma anche etiche. Esso trasmette, infatti, un insegnamento fondamentale:...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Steam

“Rails to Riche” nella versione americana, noto a noi come “Steam”, è uno dei giochi da tavolo più conosciuti degli ultimi anni. Preceduto da "Age of Steam" e "Railroad Tycoon" ha un'ambientazione affascinante. Da un'idea del famoso Martin...
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.