Come giocare a Sorry

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il gioco da tavolo Sorry è molto noto negli Stati Uniti ed inoltre ha preso piede anche nel nostro paese. Il gioco in questione, che prevede l'utilizzo di apposite carte, entusiasma non poco ed è molto divertente, nonché adatto a giocatori di un po' tutte le età. In questa guida, passo dopo passo, spiegherò come giocare a Sorry, il tutto è veramente molto semplice.

24

Preparazione del gioco

La prima cosa da fare sarà quella di mischiare le carte per far sì che il gioco Sorry sia un po' casuale ed al tempo stesso corretto nei confronti di tutti i partecipanti. Le carte andranno mischiate nel miglior modo possibile, evitando così di bleffare, perché in quest'ultimo caso si rischierebbe l'eliminazione immediata dal gioco. È bene poi consultare attentamente le regole riportate sulla scatola del gioco, visto e considerato che l'obiettivo dello stesso è quello di portare nella sezione apposita i pedoni che sono di un determinato colore. Prepare dunque i pedoni e fare in modo di portarli nella sezione prima degli altri giocatori. Il senso di rotazione del piano di gioco è orario.

34

Svolgimento del gioco

Il gioco si svolge attraverso determinate azioni, come ad esempio saltare e colpire. In ambedue i casi, sarà possibile saltare sui pedoni che si incontrano per strada. Nel caso in cui si capiti nella medesima casella occupata da un pedone, lo si potrà colpire mandandolo direttamente alla casella di partenza. Un'altra azione importante è il muoversi all'indietro, tenuto conto del fatto che le carte 4 e 10 possono far retrocedere. Se si è mosso un pedone due caselle indietro rispetto al punto iniziale, al turno successivo sarà possibile arrivare nell'area di sicurezza senza dover attraversare tutto il piano di gioco. Se si dovesse arrivare alla casella "scivola", il pedone potrà scivolare sino alla fine colpendo quelli che incontra lungo la strada, ma se tale casella fosse di colore diverso, tale funzione non potrà essere utilizzata.

Continua la lettura
44

I tipi di carte

Il gioco da tavolo Sorry prevede l'utilizzo di diverse tipologie di carte. Con la carta 1 si muove il pedone avanti di una casella, con la 2 di altrettante caselle, con la 3 di tre caselle, mentre con la 4 lo si fa retrocedere di ben quattro caselle. Le carte arrivano sino al numero 12, con la 10 si potrà far avanzare il pedone di altrettante caselle oppure farlo retrocedere di una sola casella. Esiste poi una carta speciale, chiamata Sorry!, proprio quella che dà il nome a questo gioco. La funzione della stessa è quella di colpire un pedone avversario e rimandarlo così al punto di partenza. La carta Sorry! La si può conservare per utilizzarla in seguito.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Scacchi: come vincere in tre mosse

Il gioco degli Scacchi è un gioco di strategia bellissimo, ma allo stesso tempo difficilissimo. Il gioco consiste nel muovere i propri pezzi sulla scacchiera, al fine di bloccare il re avversario, precludendogli la possibilità di spostarsi di casella....
Giochi da tavolo

Il gioco del Filetto calamitato

Il filetto è un gioco da tavolo piuttosto semplice nelle regole ma impegnativo. Conosciuto anche come tris, filetto, mulinello e sotto svariati altri nomi, differenti persino da regione e regione, si tratta di un passatempo diffuso in tutto il mondo,...
Giochi da tavolo

10 tattiche per vincere a scacchi

Nato probabilmente in India nel VI secolo, il gioco degli scacchi ebbe nel mondo arabo e nel continente europeo un successo indescrivibile, tanto che per la sua diffusione in ogni ambiente fu considerato un vizio da cui rifuggire. Ai nostri tempi, al...
Giochi da tavolo

Come giocare a Makruk

Il gioco degli scacchi altro non è che una versione più moderna del makruk. Quest'ultimo, ad oggi molto diffuso nell'area del sud - est asiatico (principalmente in Thailandia e nella vicina Cambogia) consta di regole ben precise che andremo ad esaminare...
Giochi da tavolo

Come giocare a Hengist

Hengist è un gioco creato dal pluripremiato Uwe Rosenberg che racconta dei fratelli Sassoni Hengist e Horsa che sono impegnati nella razzia dei villaggi della costa britannica. Il gioco tratta dei guerrieri che verranno spostati man mano sulla mappa...
Giochi da tavolo

Come Muovere I Pezzi Degli Scacchi

Il gioco degli scacchi è uno dei più diffusi al mondo, dove a far da padrona è l'intelligenza, assieme alla capacità della mente di intuire quale sarà la prossima mossa dell'avversario. Gli scacchi non sono un gioco facilissimo ed alla portata di...
Giochi da tavolo

Scacchi: come sviluppare un gioco difensivo

Gli scacchi sono uno dei giochi da tavolo per eccellenza. Implicano una buona dose di ragionamento, per questo si dovrebbe giocare a scacchi con molta calma e pazienza, dando il tempo all'avversario e studiando una strategia. Avendo una buona strategia...
Giochi da tavolo

Come giocare a Camelot

Camelot è un gioco che prevede l'utilizzo di una tavola con centosessanta caselle, bianche e nere. Una tavola simile a quella che si utilizza per giocare a scacchi o a dama. Anche lo scopo e lo svolgimento delle partite sono molto simili a quello di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.