Come giocare a Shatar

Tramite: O2O 08/03/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Shatar è un gioco di scacchi molto antico, nato probabilmente intorno al XIII secolo, in Mongolia. Si gioca in due, su una scacchiera 8x8. I giocatori hanno a disposizione sedici pezzi ciascuno, alcuni molto diversi rispetto a quelli degli scacchi occidentali. L'aspetto di queste pedine è molto affascinante, poiché sono ricche di dettagli e colori. Lo scopo del gioco è sempre quello degli scacchi moderni, ma ci sono alcune differenze. Se volete sperimentare nuovi modi di giocare a scacchi, non perdetevi questo gioco! Vediamo allora come giocare a Shatar.

26

Occorrente

  • Gioco da tavolo "Shatar"
  • 2 giocatori
36

Le pedine

Ogni giocatore disponde di 16 pedine. Il pezzo che corrisponde al nostro re, qui chiamato "Noyon", viene solitamente raffigurato da un principe seduto su un trono. La regina, "Bers" (che significa "pantera della neve"), viene invece raffigurata da un leone mitico, da una tigre o da una pantera. Il pezzo corrispondente al vescovo occidentale è un cammello, "Teme". Mentre il pezzo che corrisponde al nostro cavaliere, è qui un cavallo, "Mori". La torre può invece essere rappresentata in vari modi, per esempio come un carro trainato da cavalli, una tenda portatile, un'automobile e persino un mazzo di fiori. I restanti pezzi costituiscono i pedoni, "Fu", che sono più piccoli rispetto agli altri pezzi e possono rappresentare qualsiasi cosa, come un soldato, un piccolo cavallo, un piccolo leone, e così via.

46

Movimento delle pedine

Vediamo adesso il movimento di ciascuna delle pedine, indispensabile per poter giocare. Il re si muove di una casella, in tutte le direzioni. La torre può muoversi di quanti quadrati vuole, in avanti, indietro, a sinistra e a destra. Ma se trova una pedina sul suo cammino, deve fermarsi. Il cammello può muoversi invece in diagonale, sempre per quante caselle vuole, fino a quando non c'è nessuna pedina ad ostruirgli il cammino. Il cavallo si muove a L e, diversamente dalle altre pedine, non può essere bloccato da nessun pezzo, anche quando si trovano sulla sua strada. Il pedone può muoversi in avanti di una sola casella, ma se deve catturare una pedina, allora può spostarsi anche in diagonale o andare indietro. Se raggiunge il bordo della scacchiera, opposto a quello di partenza, può diventare regina. Infine, la regina può spostarsi come la torre o come il re, quindi ha un'ampia capacità di movimento.

Continua la lettura
56

Svolgimento della partita

Le pedine si dispongono a schiera, su due file, come negli scacchi occidentali. La prima mossa è obbligatoria per entrambi i giocatori, cioè muovere il pedone che si trova davanti alla regina di due caselle. Dopodiché, i giocatori si alternano, muovendo una pedina a turno. La partita viene vinta quando il re del giocatore avversario viene messo in una posizione di minaccia (cioè è circondato dalle pedine avversarie e non può fare nessuna mossa per uscire da questa situazione). Ma per fare scacco matto, il giocatore deve utilizzare la regina, la torre o il cavallo, altrimenti non sarà valido.

66

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a The Republic of Rome

The Republic of Rome è un gioco da tavolo. Come tutti i giochi da tavolo, anche questo è un gioco di società che unisce gli amici che vogliono stare a casa una sera in compagnia. Come giocare è piuttosto semplice se si seguono le regole del gioco....
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Come giocare a l'Allegro Chirurgo

Come giocare a l'Allegro Chirurgo? L'allegro chirurgo è uno dei più famosi giochi da tavolo della Hasbro. Esso rappresenta la versione italiana del tradizionale gioco americano Operation di Milton Bradley. Divertente e allegro, l'allegro chirurgo prevede...
Giochi da tavolo

Come imparare a giocare a King

Giocare con le carte è molto diffuso, soprattutto in Italia ed in particolare nelle occasioni di festa (Natale e vacanze estive tra le altre). Può anche capitare di voler giocare a carte con gli amici, per passare il tempo divertendosi e allenando,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.