Come giocare a Sei...prendi e perdi!

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Semplice e intuitivo, davvero per tutti, è un passatempo particolarmente consigliato per passare una serata divertente in compagnia, con figli o amici. Più si è, meglio è! Bisogna cercare di prendere meno carte possibile (se ne prenderai molte significherà inequivocabilmente che stai perdendo). Insomma, se Uno ti ha sempre appassionato, questo bel gioco creato da Wolfgang Kramer (col nome di 6 Nimmt!), farà decisamente al caso tuo. Consigliato da giocare come filler o per prendersi una pausa dai vari Scala Quaranta, Canasta e Burraco, rappresenta anche un'ottima alternativa ai giochi elettronici. Unisce l'abilità di costruirsi una strategia alla pura imprevedibilità. A dispetto delle regole elementari infatti, la strategia risulterà assai articolata e impegnativa. Un gioco diverso, pieno di colpi di scena, che non può assolutamente mancare in una collezione di giochi di carte!

26

Occorrente

  • Una scatola di Sei
36

Il materiale nella scatola

La scatola contiene un mazzo di qualità, costituito da 104 carte speciali, numerate da 1 a 104. Per ognuna si hanno da 1 a 7 punti di penalità (rappresentate da pallini).
Il regolamento interno è in italiano e ulteriormente scaricabile dal web, in caso di necessità. È vero, dalle istruzioni sembra piuttosto complesso, ma dopo la prima mano risulterà tutto più chiaro...
Coinvolge da 2 a 10 giocatori, dai dieci anni in su, è sufficiente che sappiano far di conto.

46

Le regole di gioco

In apertura, ad ogni giocatore andranno 10 carte, mentre al centro del tavolo ne verranno disposte altre quattro scoperte. A turno, ognuno sceglie una carta, lasciandola coperta davanti a sé, per scoprirla finalmente quando il giro sarà concluso. Cominciando col giocatore che possiede la più bassa, in crescendo, ciascuno disponga la propria carta su una delle quattro file sul tavolo, secondo delle regole ben precise. Per esempio, dovrai sceglierti una fila con l'ultima carta di valore inferiore alla tua. Tra le righe di tale fila, va bene quella dove l'ultima sia prossima alla tua. Se la fila presentasse già 5 carte, dovrai mettere al loro posto la tua, incamerandole tutte quante (saranno la tua somma di penalità). Qualora la tua carta fosse inferiore a ciascuna posta a conclusione di ogni fila, potrai scegliere, optando ovviamente per la fila con minori penalità.

Continua la lettura
56

La conclusione del gioco

A fine turno, tutti scelgono una nuova carta tra le restanti e si va avanti per 10 turni, in modo da terminare quelle ricevute all'inizio. Conclusa ogni mano tutti i giocatori conteggeranno l'ammontare delle penalità prese, annotando il risultato sul foglio. Ciò, finché uno di essi non raggiungerà il totale di 66 penalità. Di contro, vince ovviamente chi ne collezionerà il numero più esiguo. Per conseguire la vittoria non si può procedere a caso, ma bisogna essere svegli e attenti: per riuscire ad avere la meglio sugli avversari, occorreranno infatti logica e astuzia.
Il tutto, come esperienza di gioco risulterà decisamente interessante, mai banale.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si può portare in giro, mettendolo in valigia in modo da appassionare in treno anche eventuali compagni di viaggio

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare ad Ave Caesar

Sei un appassionato della storia di Roma e non perdi occasione per immergerti nella sua cultura con qualche buon gioco da tavolo? Ami in particolare le arene in cui combattono gladiatori, lottano le bestie feroci o gli aurighi si sfidano in una avvincente...
Giochi da tavolo

Consigli per giocare ad Happy Days

Molti non sanno che la mitica ed amata serie americana Happy Days è approdata anche in un gioco da tavolo uscito sul finire degli anni '70. Il gioco Happy Days presenta dinamiche e regole parecchio semplici da apprendere ed infatti è consigliato proprio...
Giochi da tavolo

Regole per giocare ad Archipelago

Archipelago è un gioco gestionale relativamente complesso che ci catapulta alla scoperta del "nuovo mondo". I giocatori dovranno esplorare, per l'appunto, un arcipelago nel quale troveranno indigeni e risorse di ogni tipo. Lo scopo dei giocatori sarà...
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.