Come giocare a Saltacavallo

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Durante le festività, soprattutto natalizie, si è soliti riunirsi con amici e parenti per giocare a carte e visto che si cercano sempre novità per non annoiarsi, vediamo oggi come giocare a Saltacavallo.
Solitamente questo gioco si fa con le carte napoletane in cui è presente appunto il Cavallo ma può essere fatto anche con le carte francesi stabilendo preventivamente quale carta rappresenterà il cavallo.

24

Regole di gioco

Per prima cosa bisogna stabilire chi fa il mazziere. Un metodo molto usato è quello di dare una carta a testa fino a quando non esce il re di denari che determinerà chi darà le carte.
Va preventivamente stabilito anche il numero di puntate/vite a disposizione (a partire da un minimo di due). In seguito si danno le carte in senso antiorario cioè a partire dalla destra del mazziere.
Viene distribuita una carta coperta per ogni giocatore, di regola dai 2 ai 20. Il gioco è più divertente quando si è in molti.
Il giocatore guarderà la sua carta e valuterà se vale la pena tenerla o passarla al giocatore successivo alla sua destra.
La scelta verrà fatta tenendo conto di varie condizioni:

- Il giocatore o i giocatori che rimangono con la carta più bassa in mano perdono una “vita” - Il giocatore che ha in mano un Re, deve dichiararlo e fermerà il passaggio della carta del giocatore alla sua sinistra. Quello alla sua destra potrà continuare il gioco. - Il giocatore che ha in mano un Cavallo, deve dichiararlo e il giocatore alla sua sinistra potrà scambiare la sua carta con il giocatore successivo. Saltando appunto il Cavallo. (da cui il nome del gioco)- Chi ha in mano un asso perde una “vita”
Il mazziere, essendo l’ultimo giocatore, potrà cambiare la sua carta con il mazzo. Per lui valgono le stesse regole: se trova un dieci dovrà tenere la sua carta e se trova un nove dovrà tirare un’altra carta.

34

Regola addizionale facoltativa

Prima di iniziare il gioco si può stabilire se inserire la regola del “morto”. In questo caso i giocatori che perdono tutte le vite, per tentare di rientrare in gioco, dovranno cercare di far parlare un giocatore ancora in vita a cui questo è vietato tassativamente. Qualora il giocatore in vita cadesse nella trappola dovrà cedere una vita al giocatore morto che potrà rientrare in gioco.

Continua la lettura
44

Chi vince il gioco?

Le Vite/Puntate perse vengono messe al centro del tavolo. Terminate le vite si perde l’opportunità di giocare. L’ultimo giocatore rimasto in vita prenderà tutti i soldi.

Nel tempo si sono create delle varianti di gioco con delle regole diverse da regione a regione.
Spesso il Saltacavallo si confonde infatti con il Cucù che ha delle regole molto simili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Come giocare a l'Allegro Chirurgo

Come giocare a l'Allegro Chirurgo? L'allegro chirurgo è uno dei più famosi giochi da tavolo della Hasbro. Esso rappresenta la versione italiana del tradizionale gioco americano Operation di Milton Bradley. Divertente e allegro, l'allegro chirurgo prevede...
Giochi da tavolo

Come imparare a giocare a King

Giocare con le carte è molto diffuso, soprattutto in Italia ed in particolare nelle occasioni di festa (Natale e vacanze estive tra le altre). Può anche capitare di voler giocare a carte con gli amici, per passare il tempo divertendosi e allenando,...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Tris

Tra i giochi da tavolo più comuni e divertenti spicca senza ombra di dubbio il tris, un gioco semplice e simpatico che è possibile praticare in qualsiasi posto e circostanza, data la sua versatilità e semplicità. Il gioco del tris presenta tuttavia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.