Come giocare a Quarto

Tramite: O2O 25/09/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

Quarto è un gioco da tavolo astratto, ideato da un matematico svizzero alla fine dell'Ottocento. Fondamentalmente, è una versione più complicata del classico tris che si gioca sempre sui banchi delle superiori per non ascoltare la spiegazione. La preparazione del gioco è molto semplice e in media una partita dura circa un quarto d'ora. Ciò che occorre sono il tabellone e le pedine, cose che si possono comprare tutte insieme in molti negozi di giochi (si tratta pur sempre di un gioco da tavolo comune, quindi è abbastanza facile da reperire). Vediamo quindi come giocare a Quarto.

27

Occorrente

  • Tabellone 4x4
  • Pedine apposite
37

Pedine e tabellone

Si gioca su un tabellone 4x4 (no, non dovete salire su un fuoristrada) con 16 pedine, caratterizzate da alcune caratteristiche dicotomiche, cioè: alte/basse, bianche/nere, tonde/quadrate, bucate/piene. Ogni pedina presenta quattro di queste otto caratteristiche, in ordine sparso, in modo che ognuna non sia uguale alle altre. Lo scopo del gioco è quello di allineare quattro pedine che presentano una stessa caratteristica lungo una qualsiasi delle linee del tabellone. Le linee possono essere verticali, orizzontali oppure le due diagonali.

47

Svolgimento

Il primo giocatore X passa all'altro una pedina qualsiasi di quelle inutilizzate all'altro giocatore Y che deve posizionare sul tabellone. Quando Y avrà posizionato la pedina, deve passarne a sua volta un'altra a X. E così via, finché uno dei due giocatori non grida "Quarto!", che è il segnale che quattro pedine con una caratteristica uguale sono state posizionate in linea. Non tutte le partite si concludono con la vittoria di un giocatore. È possibile posizionare tutte e sedici le pedine sul tabellone senza che ne risulti una combinazione e questo è il caso del pareggio.

Continua la lettura
57

Varianti del gioco

Il gioco presenta alcune varianti che vanno incontro a tutti i giocatori nuovi, o che hanno meno tempo a disposizione. Per esempio, si può scegliere di giocare limitandosi a tenere conto solo di una caratteristica. Ad esempio, si possono allineare solo pedine bianche e nere. Per inciso, è proprio questa variante che più si avvicina al popolare e più semplice gioco del Tris. Mentre la prima variante serve a rendere le cose più facili ai giocatori, qualcuno che si annoiava particolarmente oppure lo trovava troppo facile è riuscito a creare una versione più difficile del Quarto. Consiste in una modifica de tabellone, in cui per fare il Quarto non ci si allinea solo lungo le linee, ma anche in gruppi quadrati di quattro caselle contigue.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate di ricordare tutte le possibili combinazioni che vanno creandosi sul tavolo
  • Quarto è un gioco che chiede pazienza e riflessione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a No Retreat: The Italian Front

Seguendo il successo della serie di giochi intitolata No retreat, il game designer Carl Paradis ha realizzato il quarto capitolo di questa saga, ossia No Retreat: The Italian Front. Il gioco è ambientato durante la Seconda Guerra Mondiale e presenta...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Trambahn

Trambahn è un simpatico gioco di carte per due giocatori. L’ambientazione è particolare e non particolarmente funzionale al gioco, ma solo piacevole: si tratta di magnati dei trasporti a Monaco, nel 19° secolo, che costruiscono delle reti di tram....
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Misantropia

Misantropia è uno dei tanti giochi da tavolo con le carte creato e pubblicato in Italia. La parola "misantropia" deriva dal greco, e significa, letteralmente, "odio per il genere umano". In effetti, il gioco consiste in una giornata-tipo di un lavoratore...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Ubongo

Ubongo è un simpatico gioco da tavolo che piacerà moltissimo sia ai grandi che ai bambini. Generalmente si ritiene che sia indicato dagli otto anni in su dato che, almeno alle prime partite, risulta particolarmente difficile. La parola 'Ubongo' deriva...
Giochi da tavolo

Come giocare a Tablut

Tablut è un celebre gioco che ebbe origine in Europa nel XVIII secolo, fu diffuso grazie al celebre biologo Carlo Linneo che ebbe l'opportunità di conoscere il gioco nella Lapponia svedese. Questo celebre gioco ebbe una gran fortuna nei secoli a seguire,...
Giochi da tavolo

Come giocare a The Republic of Rome

The Republic of Rome è un gioco da tavolo. Come tutti i giochi da tavolo, anche questo è un gioco di società che unisce gli amici che vogliono stare a casa una sera in compagnia. Come giocare è piuttosto semplice se si seguono le regole del gioco....
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.