Come giocare a pinnacolo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Pinnacolo è un gioco di carte molto famoso nel mondo, adatto a tutte le età e che ben si presta a diversi tipi di strategie. Si tratta di un gioco che si diffuse con successo poco prima della Prima Guerra Mondiale e perse poi campo lasciando posto al gioco della Canasta. Il nome "Piannocolo" viene dalla carta che rappresenta il Due Nero, detto anche "Pinnella", da cui appunto il nome del gioco. In questa guida vedremo proprio come giocare a pinnacolo.

24

Quale è lo scopo del gioco

Lo scopo del gioco è vincere sugli altri avversari e per farlo sarà necessario raggiungere per primi un punteggio di 1500 punti o 2000 punti. In ogni caso la partita si conclude nel momento in cui uno dei giocatori coinvolti dovesse rimanere senza alcuna carta in mano e, quindi, le avrà tutte aperte sul tavolo. A questo punto si passerà al conteggio delle carte rimaste in mano agli altri giocatori e si procederà con la classifica. Nel Pinnacolo la chiusura non prevede l'obbligo dello scarto. Lo scopo sarà quello di creare delle combinazioni di almeno tre carte dello stesso valore da mettere sul tavolo; le carte possono essere di semi diversi o in scala. Si può scegliere di posizionare l'Asso dopo il Re o prima del Tre.

34

Come distribuire le carte e come si gioca

In senso orario sarà necessario distribuire 12 carte ad ogni giocatore, si copre una carta e la si pone sul tavolo accanto al mazzo. È possibile pescare una carta dal mazzo oppure prendere la carta scartata dall'ultimo giocatore che ha preceduto il nostro tiro (o, nel caso foste il primissimo giocatore, potete prendere la carta posta sul tavolo accanto al mazzo). A tal fine sarà importante che le carte siano scartate con un certo ordine così da essere ben evidente la successione delle stesse. Quando un giocatore avrà valutato di aver in mano la tipologia e la quantità giusta di carte per poter aprire, potrà riporle sul tavolo scoperte e visibili a tutti. Se un giocatore pone sul tavolo un tris di cui fa parte un Jolly, dovrà subito dichiarare quale carta quel Jolly va a sostituire, così che gli altri giocatori possano eventualmente sostituirla con la carta reale.

Continua la lettura
44

Come calcolare il valore delle Carte

Il Jolly vale 25 punti; il Due Nero vale 20 punti; l'Asso vale 15 punti; dal re all'Otto sono 10 punti per carta; dal Sette al tre sono 7 punti. La chiusura conferisce al giocatore che la ha effettuata ben 100 punti extra di premio. Ed esistono inoltre delle precise combinazioni di carte che ne aumentano il punteggio e il valore. In particolare le combinazioni di 4 carte dello stesso valore, ma di seme diverso, raddoppiano il loro punteggio. La stessa cosa vale anche per una sequenza di 6 carte dello stesso valore e seme. Vince per primo chi raggiunge 1500 2000 punti, lasciando tutti gli altri giocatori indietro. Inoltre se il giocatore chiude in mano, raddoppia di netto il valore delle proprie carte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come studiare una strategia vincente a pinnacolo

Pinnacolo è un gioco di carte che prevede l'uso di due mazzi di carte francesi, di cui si usano solo i nove i dieci e le figure (re, regine, assi e fanti). In questa guida spigheremo in cosa consiste il gioco e soprattutto come studiare una strategia...
Giochi da tavolo

Come giocare a ramino

Durante l'estate è sempre complicato trovare passatempi durante le lunghe pause tra un bagno e l'altro. Certo ci sono i giochi da spiaggia, come il beach volley e il beach soccer. Tuttavia non tutti siamo nati per essere atleti o semplicemente preferiamo...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Canasta

La Canasta è un gioco di carte estremamente popolare. La sua diffusione è avvenuta dopo il 1940, quando venne importata dal Sud America, come si evince chiaramente dal suo nome. Il termine 'Canasta', infatti, significa in spagnolo 'cesto' oppure 'paniere'....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Mambassa

Mambassa è un gioco di carte che deriva il suo nome dal detto "fare man bassa". Viste le regole del gioco, è probabile che questi sia ispirato ai più famosi Trentuno e Pentragola. Manbassa è molto giocato nel litorale marchigiano. In particolare è...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a scala 40

Scala 40 è un gioco di origine ungherese, derivato dal ramino e famoso a livello mondiale, considerato ormai classico, in cui si usano due mazzi da 52 carte più jolly.Si inizia con la distribuzione di 13 carte per giocatore e l'apertura del "pozzo degli...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
Giochi da tavolo

Come giocare a Machiavelli

Il Machiavelli deriva dal Ramino e come avviene per il suo progenitore si gioca con due mazzi di carte francesi da 52, distribuite tra i vari giocatori, che possono variare da 2 a 6, anche se può essere accettato un numero maggiore di partecipanti. Si...
Giochi da tavolo

Come giocare alla variante di Burraco 4 in 2

Il Burraco sta avendo moltissimo successo, sopratutto perché è intuitivo da comprendere, ma allo stesso tempo richiede strategia e ragionamento. Le regole classiche del Burraco richiedono la presenza di 4 giocatori, ma esiste la variante che, invece,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.