Come giocare a My Village

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Coloro che amano i giochi da tavolo saranno felici di sapere che questa guida [ ideale se vogliono imparare a giocare a My Village. Il gioco è stato ideato nel 2012 da Inka e Markus Brand ed edito da Eggertspiele. L'idea di fondo è davvero accattivante ovvero i personaggi che i giocatori gestiscono, muoiono ma lasciano la memoria di sè e di quello che sono riusciti a fare. Nel 2016, gli stessi autori, hanno rilanciato una nuova versione del gioco introducendo il lancio dei dadi, molto caro a tutti gli amanti dei giochi da tavolo. Ecco come giocare.

25

Occorrente

  • Gioco My Village
35

Materiali e strumenti del gioco

Il gioco può avere da 2 a 4 giocatori e può durare da un'ora a un'ora e mezza. Il livello di difficoltà resta quello originario. Il nome My Village si deve al fatto che bisogna costruire un villaggio e quindi il tabellone del gioco è molto grande e richiede un tavolo capiente. Il gioco prevede l'uso di dadi e poi ci sono gli edifici che i giocatori dovranno acquistare per espandere e arricchire il villaggio. Ci sono poi le strade lungo le quali piazzare gli edifici. Ogni giocatore riceve a inizio gioco una plancia con cinque omini che rappresentano una categoria come il viaggiatore o il monaco e e le carte edificio da comprare durante il gioco.

45

Le regole

Una volta distribuiti gli strumenti di gioco, inizia la partita. Ad ogni turno i giocatori lanciano i dadi che hanno scelto attivando in tal modo le locazioni a disposizione. Le mosse compiute durante il gioco hanno ovviamente un costo e si impiega un certo tempo per compiere le azioni richieste. Il gioco segue un senso orario e durante le attività gli omini possono perdere la vita. Dato che ogni personaggio rappresenta una parte del villaggio, fin quando non arriverà un sostituto, tutto ciò che riguarda quella porzione di terra è bloccata e quindi quel settore di villaggio non è utilizzabile. Ci sono poi gli eventi. Un tipico evento è la peste. Bisogna salvare tutto il possibile prima che la peste distrugga inesorabilmente ciò che è stato raggiunto grazie all'introduzione dei punti temporanei..

Continua la lettura
55

Vincitori e vinti

Chi è il vincitore di My Village? La partita finisce quando sono morti un certo numero di omini. Il numero varia in base a quello dei giocatori e sempre tenendo conto di questo fattore, si calcola il numero di punti ottenuti in tutte le categorie di punteggio a disposizione. È sicuramente un gioco intrigante che tiene la mente impegnata e allo stesso tempo riesce a catturare l'attenzione in modo che i giocatori siano interessati fino alla fine. Un modo perfetto anche per rilassarsi e mettere da parte le preoccupazioni.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Wii

Trucchi e consigli per sposarsi in Fable 3

Il favoloso Fable 3 venne pubblicato nell'ormai lontano 2010 per XBox e poi un anno dopo era disponibile anche per pc. Come nelle precedenti avventure anche Fable 3 è ambientato ad Albion, ma in questo terzo capitolo si giocherà nei panni del Re. Si...
Giochi da tavolo

Come giocare al Gioco dell'Oca

Il Gioco dell'Oca è uno dei giochi da tavolo a percorso più famosi ed amati di sempre. Le sue origini risalgono alla metà del '500 e per volere di Ferdinando De Medici, il quale regalò tale gioco a Filippo secondo re di Spagna. Anche se rivolto maggiormente...
Giochi da tavolo

Come giocare a Stone Age

Oggi, vi parlerò di un gioco da tavolo considerato uno dei classici ma, in realtà, nato soltanto di recente (nel 2008) e ideato da Michael Tummelhofer: Stone Age. Adatto a un target molto vasto, Stone Age è un gioco di strategia, molto leggero e semplice...
Giochi da tavolo

Come giocare a Ghost Stories

Creato da Antoine Bauza, Ghost Stories è un gioco da tavolo di tipo cooperativo, fruibile da uno a quattro giocatori. Wu-Feng, Signore dei Nove Inferni, regnava con il terrore sul mondo, finché - dopo molti sacrifici - fu sconfitto. La sua urna, sepolta...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Fief

Fief è un gioco ambientato nel Medioevo in cui ogni giocatore è a capo di una nobile famiglia del Regno di Francia. Una famiglia è composta da singoli Signori (uomini e donne) che mirano a ottenere i Titoli reali ed ecclesiastici. Questi Titoli conferiscono...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Boss Monster

In questo gioco vestirete i panni dei del cattivo per eccellenza: sarete il boss finale di un dungeon che imita i vecchi videogiochi a 8 bit a scorrimento orizzontale. Ma non fatevi ingannare dalle apparenze, i vostri veri avversari non sono gli eroi...
Wii

I più bei giochi lego per Wii

Nel 2006, la Nintendo ha lanciato la console Wii, che ha scalato tutte le classifiche di vendita, arrivando al primo posto in pochi mesi. Negli anni, sono nati centinaia di giochi che hanno accontentato tutta l'utenza, dai bambini agli adulti, sportivi,...
PC

Come interpretare il Dungeon Master

Il Dungeon Master, nei giochi di ruolo, è colui che predispone e gestisce l'avventura che gli altri giocatori vivranno interpretando i propri personaggi. È principalmente sua dunque la responsabilità della riuscita della sessione di gioco. In questa...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.