Come giocare a Mikado

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Alzi la mano chi non ha mai giocato a questo famosissimo gioco di origine cinese? Nei pomeriggi piovosi, a casa di un'amica o delle compagne di classe, il Mikado o Shangai è semplicemente un must. Irrinunciabile! Il nome corrisponde all'appellativo dato agli imperatori giapponesi. Sarà forse una variante di Jonchets, giocato in Francia già nel '600? Pazienza, attenzione, mani ferme e abilità sono le doti richieste per questo divertente passatempo dalle regole semplicissime. Basterà una superficie piana, eventualmente coperta da un tappeto, su cui far cadere i bastoncini appuntiti. Essi sono divisi in 5 gruppi, segnalati dal colore diverso, a seconda del loro valore come punteggio. La serie, colorata interamente o con una striscia distintiva, è in legno o in plastica. Anche in versione maxi. E come dimenticare poi quelli di cioccolato? Personalmente li adoro, sono davvero la mia passione!

26

Occorrente

  • I bastoncini del Mikado
36

Il funzionamento del gioco

In che modo si prendono? Dall'alto, a ventaglio, tenendoli in verticale con le punte a contatto col tavolo. Il giocatore estratto a sorte dopo averli stretti in mano dovrà allora lasciarli cadere in modo completamente casuale. Ora che i bastoncini sono pronti, si può incominciare davvero la partita. Ed è quando il gioco si fa duro che i duri cominciano a giocare! Si dovrà sfilare dal mucchio un bastoncino alla volta, senza muovere assolutamente quelli vicini. Il primo si prende con le mani, per gli altri invece ci si può giovare di quelli già raccolti. Ogni bastoncino preso farà guadagnare al giocatore il numero di punti ad esso corrispondente. Se si sbaglia, muovendo quelli vicini o facendo rotolare un pezzo della pila, toccherà ad un altro procedere.

46

Il conteggio dei punti

Alla fine di ogni turno si procede alla conta dei punti, per sapere qual è la situazione generale e accrescere così la suspense. Le istruzioni riportano il valore dei pezzi. Indicativamente, il nero corrisponde a 50 punti (c'è un bastoncino solo di questo colore, è dunque il più prezioso), 25 per i tre blu, 10 per il verde, 5 per il rosso e infine due per il giallo. Nel caso invece siano di legno, si avranno come indicatori delle bande colorate: 20 punti sono destinati alla spirale, 2 vanno ai tre anelli blu, rosso, giallo, 3 per la coppia blu e rosso, 5 per la successione di due blu e 3 rossi, 10 per due blu associati al rosso.

Continua la lettura
56

La fine della partita

Il gioco finirà quando tutti gli Shanghai saranno stati presi dal tavolo. La vittoria andrà a chi avrà più punti, a seconda della somma del valore dei vari bastoncini conquistati. Si può anche prolungare la partita, fissando un punteggio massimo da raggiungere. Buon divertimento!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Se ne sconsiglia l'uso per i bambini, per via delle punte; inoltre il bastoncino in legno, plastica o materiale duro potrebbe schizzar via incontrollato
  • Tenere sempre una distanza di sicurezza

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Shangai

Shangai è un gioco semplicissimo ma richiede grande pazienza, concentrazione, e attenzione. Adorato e adatto a grandi e piccini, è un gioco da tavolo che tutti conosciamo, sicuramente originario dalla Cina negli anni settanta, ma le sue radici sono...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Senet

Il Senet è un gioco da tavolo molto antico, di certo il più antico tra quelli da noi conosciuti e forse il più antico in assoluto. Veniva praticato nell'Antico Egitto e aveva un elevato valore simbolico: infatti indicava il percorso delle anime nell'aldilà....
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Shangai

Chi non ha mai giocato a Shangai? Sicuramente oggigiorno sono in molti a non averci mai giocato, ma un tempo si trattava di uno dei giochi più divertenti per passare le lunghe e calde serate estive con gli amici. In apparenza il gioco è semplicissimo,...
Giochi da tavolo

Giochi da tavolo fai da te

Saper costruire giochi da tavolo può salvare lunghi pomeriggi passati con bimbi che non sanno a che cosa giocare. Anche se esiste la tecnologia delle app, far riscoprire alle nuove generazioni i "giochi di una volta" può essere utile anche per sviluppare...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a sette e mezzo

Se siete in cerca di consigli è sicuramente perché conoscete già il gioco del 7 e mezzo, versione italiana del blackjack tradizionale, dove il punteggio da ottenere e non superare è esattamente sette e mezzo. Si gioca con le carte napoletane ed ogni...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Mambassa

Mambassa è un gioco di carte che deriva il suo nome dal detto "fare man bassa". Viste le regole del gioco, è probabile che questi sia ispirato ai più famosi Trentuno e Pentragola. Manbassa è molto giocato nel litorale marchigiano. In particolare è...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Scarabeo

Avete mai giocato a Scarabeo? Scarabeo è la versione italiana del gioco americano Scrabble, inventato negli anni trenta, da cui si differenzia per alcune varianti. In Italia il gioco è arrivato invece nel 1963, distribuito all' epoca da Editrice Giochi....
Giochi da tavolo

Le regole del tressette

Il tressette è un gioco di carte principalmente giocato in Italia in particolare nel Sud e proprio per la sua limitata localizzazione non ha regole universalmente condivise. Si gioca con carte Italiane o meglio conosciute, come carte Napoletane. Esiste...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.