Come giocare a Mariglia

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La Mariglia è un gioco di carte molto conosciuto e diffuso in Sardegna, tanto che da alcuni anni si organizzano dei veri e propri tornei regionali. Anche se le origini del gioco non sono sarde, bensì spagnole, questo gioco di carte ha trovato tanti appassionati a partire dalla Maddalena, per arrivare sino al centro Sardegna; la zona di maggior diffusione di questo gioco è la città di Sassari. In Sardegna, la Mariglia è conosciuta anche sotto il nome di Bridge sardo, mentre in Campania e a Genova troviamo un gioco molto simile chiamato Maniglia. Se siete curiosi di sapere qualcosa in più su questo gioco di carte, allora continuate a leggere e scoprirete come giocare a Mariglia.

26

Occorrente

  • carte sarde o genovesi da 40 pezzi
36

Le regole del gioco

Per giocare a Mariglia occorre un mazzo di carte sarde da 40, o se non le avete vanno bene le classiche genovesi. I giocatori devono essere quattro e giocano a coppie contrapposte. Tra i quattro giocatori viene scelto un mazziere; vince la coppia che per primo riesce a raggiungere il punteggio che all'inizio del gioco è stato stabilito dai giocatori e che va da un minimo di 45, fino a 71.

46

Distribuzione delle carte

Il giocatore ch'è stato scelto come mazziere invita il giocatore alla sua sinistra a smazzare; questo smazzerà lasciando sul tavolo il minor numero di carte. Ricomposto il mazzo, il mazziere farà vedere agli altri giocatori l'ultima carta che prende il nome di "Trionfo". Il mazziere inizia a distribuire le carte in senso antiorario iniziando dal suo avversario sulla destra, dando 5 carte ad ognuno. A questo punto invita il giocatore alla sinistra a smazzare in modo da lasciare sul tavolo non più di 5 carte. Ora, chiede al giocatore alla sua destra di girare la prima carta e se questa è dello stesso seme del trionfo, la distribuzione avviene a carte scoperte fino a quando non cambia il seme. Lo stesso procedimento viene seguito per il resto dei giocatori.

Continua la lettura
56

Svolgimento del gioco

Il gioco si svolge a fasi e in ogni fase vengono messe sul tavolo quattro carte. Le carte resteranno scoperte solo tra una fase e l'altra, coprendole successivamente alla prossima fase sino alla fine del gioco. SI procede per fasi fino ad esaurire tutte le carte. L'abilità sta nel ricordare il valore delle carte giocate perché alla fine del gioco vincerà chi per primo raggiunge il punteggio di 45 o 71 punti. I punti delle carte sono i seguenti: i sette prendono il nome di Mariglia e valgono 5 punti; l'asso vale 4 punti; il re 3 punti; il fante 2 punti; la donna 1 punto, mentre le carte da 2 a 6 valgono 1 punto, ma solo durante il conteggio finale, perché durante il gioco valgono 0 punti e prendono il nome di frilli.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordarsi bene il valore delle carte delle varie fasi

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Mambassa

Mambassa è un gioco di carte che deriva il suo nome dal detto "fare man bassa". Viste le regole del gioco, è probabile che questi sia ispirato ai più famosi Trentuno e Pentragola. Manbassa è molto giocato nel litorale marchigiano. In particolare è...
Giochi da tavolo

Regole per giocare ad Asso pigliatutto

Asso pigliatutto è una variante del classico gioco di carte conosciuto come scopa napoletana, ed ha lo stesso obiettivo di raccogliere dal banco il maggior numero di carte per totalizzare più punti dell'avversario. Per giocare si usa lo stesso mazzo...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a UNO

Uno è un gioco di carte che vede i suoi albori negli Stati Uniti, seppur la sua originalità sia incerta in quanto esistono diversi giochi piuttosto antichi che si basano su meccanismi molto simili. Uno è stato creato da Merle Robbins nel 1971. I giocatori...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Sette e mezzo

Per trascorrere una serata in amicizia e in modo spensierato il gioco di carte è l’asso vincente. Tra i più tradizionali giochi italiani, tipico del periodo natalizio, c’è “Sette e mezzo”, un gioco di carte che può coinvolgere da un minimo...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Ramino

Di origine anglosassone, il ramino è un gioco di carte che da quasi un secolo viene praticato in Italia e che conserva una grande carica di intrattenimento. Il ramino presenta diverse varianti e la sua versione più nota è certamente la scala 40. Di...
PC

Come Giocare A Massino

Quasi sicuramente, avrete sentito parlare di un gioco praticato con le carte: il massino. È un tipo di gioco diffuso solo nell'Italia settentrionale caratterizzato dai suoi tratti in comune col tresette. Ci sono però dei tratti differenti da cui si...
Giochi da tavolo

Come giocare a canasta

Canasta è un celebre gioco di carte, molto popolare in Italia, dove è prevista la presenza di un mazziere, che distribuirà le carte, e di altri giocatori (dal numero massimo di 4) che si alternano nelle mosse di gioco. La strategia di gioco deve essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.