Come giocare a Mangia Ippo

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Chi non conosce Mangia Ippo?
Il coloratissimo gioco da tavolo pensato per un gioco cooperativo e spensierato per i più piccoli, ma che inevitabilmente finisce per coinvolgere anche i grandi... Sopratutto nelle serate in famiglia!
È un gioco immesso sul mercato dalla Hasbro e facilmente reperibile nei negozi di giocattoli come anche nei grandi siti di vendita online. È il famoso Ippopotamo-Mangia-Palline che dovrà ingoliare quante più palline possibile per vincere sugli avversari! Vediamo quindi come giocare a Mangia Ippo.

24

Struttura del gioco

Mangia Ippo si presenta confezionato in una scatola molto colorata e in stile cartone animato, pensata proprio per attirre l'attenzione dei bambini e nutrire l'idea di divertimento spicciolo e non troppo impegnativo. Al suo interno troverete un gioco in plastica già completo e strutturato, che dovrà solo essere estratto e posizionato sul tavolo da gioco. Si tratta di un quadrato di gioco al centro dei cui lati sono posizionati degli ippopotami di colori diversi, con le fauci spalancate all'interno del quadrato stesso e il resto del corpo che rimane all'esterno. Il gioco è ovviamente fornito anche di palline che saranno il goloso pasto degli ippopotami. Sul dorso di ogni ippopotamo è presente una levetta che sarà necessario sollevare per spalancare la bocca dei bestioni colorati e permettergli così di ingurgitare più palline possibile!

34

Dinamiche del gioco

La dinamica del gioco è ovviamente molto semplice. Il primo step sarà scegliere il proprio Ippopotamo. I nomi dei golosoni sono: Mangia Ippo, Verdurippo, Pappapotamo e Golosippo. Da lì tutto quello che dovrete fare sarà mangiare più degli altri giocatore e ritrovarvi così, a fine partita, con il maggior numero di palline possibile nella vostra vaschetta. Vince, ovviamente, l'ippopotamo che mangia più degli altri. Per quanto basilare possa sembrare la dinamica del gioco e, del resto, tale è, si entra nel vivo del divertimento quanto tutte le palline vengono gettate contemporaneamente nello stagno blu che è il terreno di gioco ed ogni ippopotamo si scatena per procacciarsi il pranzo più lauto.

Continua la lettura
44

Considerazioni sul gioco

Divertente, veloce, semplice, adatto ad un pubblico di bambini e a leggere serate in famiglia, meglio se con figli e nipoti, Mangia Ippo è uno dei giochi più conosciuti sul mercato. Nulla da dire, quindi, sulla sua efficacia.

Un po' meno positivi sono invece il prezzo di vendita, non eccessivo ma comunque neppure economico e la durata di Mangia Ippo: sembra, infatti, che la struttura del gioco sia relativamente debole e che dopo qualche partita tenda a rompersi. Un vero peccato!

In ogni caso vi consigliamo di giocare a Mangia Ippo e di divertirvi in compagnia!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a dama internazionale

La dama è forse uno dei giochi più conosciuti al mondo, ne esistono però tante varianti. In questa guida parleremo della dama internazionale, un gioco da tavolo, che per certi versi può sembrare molto simile alla dama italiana, ma in realtà esistono...
Giochi da tavolo

Come giocare a Non t'arrabbiare

"Non t’arrabbiare" è un gioco di percorso venduto dalla Editrice Giochi. L’età consigliata per poter giocare è di almeno 6 anni e il numero di giocatori deve andare da un minimo di 2 e arrivare a un massimo di 4/6. Il nostro obiettivo è quello...
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.