Come giocare a Machiavelli

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Machiavelli deriva dal Ramino e come avviene per il suo progenitore si gioca con due mazzi di carte francesi da 52, distribuite tra i vari giocatori, che possono variare da 2 a 6, anche se può essere accettato un numero maggiore di partecipanti. Si può giocare sia con 4 Jolly che senza, a seconda delle varianti. A vincere è chi riuscirà "a chiudere", cioè a depositare sul tavolo tutte le carte che ha in mano.

27

Occorrente

  • Due mazzi di carte francesi da 52
37

Come si gioca

Il mazziere, scelto casualmente tra i giocatori, distribuisce 13 carte coperte a testa, una alla volta, in senso orario (o a scelta anti orario) e poi deposita la restante parte del mazzo (coperta) al centro del tavolo. Ad iniziare la partita è il giocatore che si trova sulla sinistra del cartaio e gli altri a seguire. Le possibilità per ciascun partecipante sono due: o prendere una carta dal mazzo o depositare subito una o più combinazioni. Non è mai possibile compiere entrambe le azioni nella stessa mano. Alla fine di ogni mossa, inoltre, è necessario dire "passo" per far capire che il proprio turno è terminato.

47

Combinazioni valide

Nel Machiavelli sono diverse le combinazioni valide:

1) scale dello stesso seme con almeno tre carte consecutive (ad esempio: uno, due e tre di cuori);
2) tre o quattro carte di semi diversi ma dello stesso valore (ad esempio tre o quattro assi);
3) aggiunta di una o più carte alle combinazioni già presenti sul tavolo (ad esempio l'aggiunta di un re a un tris, basta che la figura non sia già presente). Quest'ultima opzione, però, potrà essere messa in atto solo da chi è già "sceso" con qualche combinazione propria e non da chi ha ancora tutte le carte in mano.
4) Cambiare le combinazioni già presenti sul tavolo e utilizzarle per farne di nuove.

Una particolarità riguarda l'asso, che si può combinare sia in Scala bassa, cioè con il due e il tre, che con la Scala alta, cioè con la donna e il re.

Continua la lettura
57

Particolarità del gioco

La parte più divertente del gioco è la possibilità di cambiare le combinazioni già presenti sul tavolo, ad esempio spezzare e raggruppare le scale o attaccare carte ai tris. Il jolly può avere il valore e il seme che desidera il proprietario, ma poi può essere prelevato ed utilizzato da tutti proprio come avviene per le altre carte. Sul tavolo, però, devono sempre rimanere combinazioni valide. Inoltre, non può apportare modifiche chi non è ancora sceso con le proprie carte.

67

Chi vince

Si può giocare a partita o a punti. Nel primo caso vince direttamente chi resta senza carte e chiude, mentre nella seconda versione si contano le carte rimaste in mano a ciascun giocatore. Viene quindi fissato un punteggio massimo (ad esempio 101) e a mano a mano sono eliminati quelli che lo raggiungono per primi.

Infine, ecco come contare i punti: le carte dal 2 al 10 valgono quanto il loro valore, le figurare 10 punti, l'asso 11 e il jolly 25.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prestare attenzione alle combinazioni sul tavolo

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Machiavelli

Machiavelli (o Ramino Machiavellico) è un gioco di carte risalente agli anni cinquanta e derivante dal Ramino. Lo scopo del gioco è quello di riuscire a posizionare sul tavolo tutte le nove carte da gioco che vengono distribuite a ciascun giocatore,...
Giochi da tavolo

I 10 migliori giochi di carte

Da sempre giocare a carte rappresenta un bel modo di trascorrere il tempo e di stimolare la socialità. Tra amici e parenti le carte offrono molte occasioni di divertimento, pure tra quei giocatori meno abili e fortunati. Una volta muniti di carte, regionali...
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.