Come giocare a La torre stregata

Tramite: O2O 21/09/2017
Difficoltà: facile
16

Introduzione

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno o in cucina. Se si vuole giocare in gruppo ci si può alternare a muovere i personaggi o a fare il tifo per uno dei due protagonisti. Vediamo come giocare a La torre stregata e divertirci.

26

Occorrente

  • un tavoli o un tappeto, la scatola del gioco La torre stregata
36

I protagonisti

I personaggi, protagonisti di questo divertente gioco, sono due figure realizzate in legno che hanno alla base una calamita di piccole dimensioni ma molto potente. I due fantastici personaggi sono Robin ed il mago, quest'ultimo è a conoscenza della posizione della chiave che si trova nascosta in una delle sedici buche. Le buche che si trovano nella scatola, adeguatamente profonda, sono coperte da sedici tessere. Per capire come giocare a La torre stregata bisogna conoscere l'obiettivo del gioco che è quello di riuscire a trovare la chiave celata nel bosco, sotto una delle tessere e liberare la bella principessa tenuta rinchiusa dal mago. Il giocatore che muove il mago, dal nome Nido di corvo, inizia due turni dopo il giocatore che muove l'eroe Robin. In questo modo non viene avvantaggiato il perfido mago che già conosce dove si trova la chiave.

46

La chiave trovata

Continuiamo a vedere come giocare a La torre stregata e a fare divertire i bimbi. I giocatori muovono i personaggi sulla scatola in base al numero che viene indicato dal lancio del dado. Quando uno dei due si trova sulla tessera dove sotto è posizionata la chiave, la calamita al fondo del personaggio stilizzato attrae a sé la chiave facendo rumore. Bisogna che l'eroe faccia bene le mosse perché l'avversario cercherà di arrivare prima. Il più delle volte questo avviene già dopo dieci minuti di gioco.

Continua la lettura
56

Liberare la principessa

Una volta trovata la chiave che serve per liberare la principessa, il giocatore non ha ancora vinto la partita ed il gioco non è finito. Per salvare la principessa la chiave deve essere infilata in una delle sei serrature della torre e solo una è quella giusta. Se si sbaglia serratura si ricomincia a giocare e bisogna ricordare di volta in volta la serratura sbagliata per non fare lo stesso errore. Quasi sempre, al quinto tentativo Robin riesce ad aprire il lucchetto della porta della torre e a liberare la piccola principessa rinchiusa dal mago malvagio. Abbiamo visto come giocare a La torre stregata, un gioco sempre bello ed ingenuo che fa sognare i bambini e divertire insieme i genitori. Come tutti i giochi da tavola anche questo stimola la fantasia e la socialità tra i più piccoli.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • adatto ai bambini dai sei anni in su
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Jenga

Jenga è un gioco da tavolo davvero divertente a cui tutti noi abbiamo preso parte almeno una volta. Si tratta di formare una torre con una serie di mattoncini estraibili, i quali vanno rimossi man mano. Quando si priva la torre di uno o più mattoncini,...
Giochi da tavolo

Come giocare a Jenga Boom

Tra i grandi classici in fatto di giochi da tavolo, sicuramente ci ricorderemo del famoso Jenga. La famigerata torre di mattoncini ci ha sempre tenuto sulle spine perché rischiava di crollare in qualunque momento nel corso della partita. Spesso il crollo...
Giochi da tavolo

Come giocare a Kamisado

Invece della solita dama o partita a scacchi ecco l'alternativa giusta e piuttosto simile: Kamisado. Si gioca in due su di una scacchiera multicolore, dove l'abilità e lo scontro frontale dei partecipanti sarà lo svolgimento del gioco. Come intrattenimento...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Jerusalem

Jerusalem è un gioco da tavolo ideato da Michele Mura ed edito Red Glove. Per giocare a Jerusalem servono dai 2-4 giocatori ed ogni partita dura circa 90 minuti. È ambientato nella Gerusalemme del dodicesimo secolo, l'obiettivo dei giocatori sarà quello...
Giochi da tavolo

Come giocare a Shatar

Shatar è un gioco di scacchi molto antico, nato probabilmente intorno al XIII secolo, in Mongolia. Si gioca in due, su una scacchiera 8x8. I giocatori hanno a disposizione sedici pezzi ciascuno, alcuni molto diversi rispetto a quelli degli scacchi occidentali....
Giochi da tavolo

Come giocare a Betrayal At The House On The Hill

Betrayal At The House On The Hill significa letteralmente "Tradimento nella casa sulla collina". Il gioco consiste nell'esplorazione di una casa stregata di tre piani posta in cima ad una collina. I personaggi/giocatori sono studenti, professori o semplici...
Giochi da tavolo

Come giocare a Nico Senbei Asobi Game

Nico Senbei Asobi Game è un gioco di società derivante dal Giappone, basato sugli elementi tipici della cucina giapponese. È un gioco divertente che può essere svolto in competizione da due giocatori, che potranno mettere alla prova le proprie capacità...
Giochi da tavolo

Come giocare a Shogun

Shogun è un gioco da tavolo basato sulla strategia inventato da Dirk Henn ed è ambientato nel Giappone del periodo di Sengoku (o cosiddetto "periodo degli stati belligeranti" - un periodo di vasta crisi politica che il Giappone dovette attraversare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.