Come Giocare A Fanorona

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Esistono giochi da tavola che dietro le loro regole nascondono una storia. Tra i tanti troviamo Fanorona. Questo è un gioco molto interessante e ha origini molto antiche. Infatti, Fanorana risale al XVI secolo ed è un simbolo del Madagascar. Il gioco prevede due giocatori ed è molto facile da eseguire. Nella cultura del paese Fanorama ha un enorme rilevanza, a tal punto che i sacerdoti del paese si difesero attraverso una partita al noto gioco. Molti sono anche i miti intorno a questo gioco. Tra i più noti c’è sicuramente la storia del re Ralambo. Anche la realizzazione dei tavolieri per giocare a Fanorona sono delle vere e proprie opere d’arte. Queste di solito vengono realizzati impiegando materiali di pregio e intagliando il legno in maniera attenta. Nella seguente guida spiego come Giocare A Fanorona.

26

Occorrente

  • Tavoliere di 9 caselle X quattro
  • 22 pedine bianche
  • 22 pedine nere
36

La prima cosa da fare è quella di procurarsi il tavoliere. Per poi decidere con chi si vuole affrontare la sfida. Di solito i giochi da tavola non impegnano molto, ma bisogna capire regole e tattiche. Per giocare a Fanorona occorre un tavoliere formato da otto caselle per quattro. I giocatori sono due e ognuno ha a disposizione ventidue pedine, uno bianche e l'altro nere. Ogni giocatore può muovere fra le intersecazioni delle caselle in tutte le direzioni. Per prima cosa bisogna disporre le pedine nelle unioni fra le caselle. Quindi, per iniziare se ne devono sistemare nove nella prima riga. In seguito altre nove nella seconda e quattro nella terza. Lasciando così vuota l'intersecazione centrale. Ovviamente, l'avversario le metterà dal suo lato. Mentre, l'intersecazione centrale dell'intero tavoliere rimane vuota.

46

Nel gioco di Fanorona ogni pedina viene mossa dal punto in cui si trova ad un altro punto intersecante. Inoltre, si può andare in avanti, lateralmente o in diagonale, purché il posto che intende occupare sia libero. La presa è obbligatoria e possono prendersi più di una pedina per volta, essa è di due tipi, per avvicinamento o per allontanamento. L'importante che ognuno dei giocatori segua le regole.

Continua la lettura
56

Nella presa per avvicinamento basta che si avvicina la pedina ad una dell'avversario e quest'ultima viene tolta dal tavoliere. Mentre, se l'avversario si allontana la presa rimane all'altro giocatore. La presa multipla non può avvenire in linea retta ma ogni presa deve avere direzione diversa. Vince il gioco chi riesce a prendere tutte le pedine avversarie. Ecco come giocare a Fanorana. Buon divertimento!

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguire le regole
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Othello

L'Othello è un gioco da tavolo astratto per due giocatori definito a informazione perfetta, dove ovvero ogni partecipante conosce tutte le informazioni possibili nel campo di gioco, incluse le mosse dell'avversario e può di conseguenza intuire ogni...
Giochi da tavolo

Gioco dell'oca fai da te: come realizzarlo

Il gioco dell'oca è uno dei giochi da tavolo per bambini più amati di tutti i tempi. Chi non ha mai fatto partite entusiasmanti con i parenti, sfidando la sorte con i più alti punteggi di dadi? Anche se alcuni tavolieri adottano regole differenti,...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Senet

Il Senet è un gioco da tavolo molto antico, di certo il più antico tra quelli da noi conosciuti e forse il più antico in assoluto. Veniva praticato nell'Antico Egitto e aveva un elevato valore simbolico: infatti indicava il percorso delle anime nell'aldilà....
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Othello

Othello è un gioco da tavolo per due persone inventato nel diciannovesimo secolo, gioco facile da imparare ma difficile da perfezionare, consiste nell'aggirare il vostro avversario e catturare i suoi pezzi. Scopriamo insieme le strategie e i consigli...
Giochi da tavolo

Come giocare a dama internazionale

La dama è forse uno dei giochi più conosciuti al mondo, ne esistono però tante varianti. In questa guida parleremo della dama internazionale, un gioco da tavolo, che per certi versi può sembrare molto simile alla dama italiana, ma in realtà esistono...
Giochi da tavolo

Come giocare a Othello

Othello è un gioco da tavolo inventato come di Reversi nel 1880 da Lewis Waterman e successivamente rivisto e brevettato nel 1971 da Goro Hasegawa. Per giocare servono 32 pedine a testa per ciascuno dei due giocatori fatte a forma di pedina bicolore...
Giochi da tavolo

Come giocare a Stratego

Stratego è un gioco da tavolo, molto popolare anche nella versione digitale giocabile da ogni computer, inventato in Francia e incentrato sullo scontro bellico. Come in una guerra, infatti, si dovrà sovrastare l'avversario e conquistarne l'obiettivo....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Backgammon

Il Backgammon è uno dei più popolari giochi da tavolo ancora giocati in tempi moderni. Anche se non è famoso come la dama o gli scacchi, esattamente come questi ultimi condivide una storia millenaria, risalente a migliaia di anni fa in Asia Minore....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.