Come giocare a Cranium

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Creato da Alexander e Richard Tait nel 1998, Cranium è un gioco di società che permette di svolgere un ampio ventaglio di attività: dal disegno al canto, dal mimo alla manipolazione della plastilina. Ne esistono anche diverse espansioni e spinoff. Proviamo allora a capire come fare per giocare a Cranium e quali regole seguire per divertirsi in compagnia.

24

Composizione delle squadre e inizio del gioco

In questo party game è possibile partecipare formando un numero massimo di quattro squadre, consigliabile se si è un gruppo numeroso di persone. Ogni squadra prevede un numero minimo di due partecipanti per cui si può giocare anche solo in quattro. L'età minima consigliata dall'azienda produttrice è dai 14 anni in su. Completata la formazione delle squadre, si stabilisce il turno iniziale individuando la squadra con il giocatore il cui compleanno è più prossimo. Il lancio del dado da parte della squadra è secondario allo svolgimento con successo di compiti e attività assegnati. Per procedere con lo svolgimento di Cranium, ogni squadra deve selezionare la pedina con cui spostarsi lungo il tabellone e posizionarsi sulla casella viola che presenta l'indicazione di inizio. I quattro mazzi vanno collocati nei rispettivi contenitori indicati con i nomi dei loro ispiratori (Michelangelo, Tutta testa, Starlette e Alfa bruco). Ogni squadra sarà munita di block notes e matita e si disporranno dado, clessidra e pasta da modellare a fianco del tabellone su cui muovere le pedine.

34

Regole e svolgimento del gioco

La casella viola iniziale permette di pescare liberamente dal mazzo di carte l'attività da eseguire. Solo dopo averla completata con successo, si potranno tirare i dadi per avanzare. In alternativa occorrerà attendere il proprio turno. Avanzando, il colore della casella decreterà il mazzo da cui estrarre la carte e quindi il tipo di prova da superare. Una volta estratta, si legge l'attività richiesta e si fa capovolge la clessidra per completare la prova nel tempo previsto. L'estrazione di carte "super-sfida" mette in gioco tutte le squadre contemporaneamente lasciandole sfidare su una particolare attività.

Continua la lettura
44

Scopo

Lo scopo di questo divertente gioco da tavolo è quello di mettere alla prova le proprie abilità e il pensiero logico. La squadra che giunge all'ultima prova, posta nella casella centrale "Encefalum", vince se riesce a superare con successo l'attività finale richiesta. Se ciò avviene, si diventa automaticamente il vincitore del gioco. Questo party game è un modo intelligente per unire grandi e piccoli in un gioco che permette di cimentarsi con rompicapi, scioglilingua, disegni e mimo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Cranium Party

Cranium Party è un divertentissimo gioco da tavola che vi consentirà di trascorrere in allegria delle piacevoli serate, in compagnia dei vostri amici. Si tratta di un gioco di società consigliato da 4 giocatori in su. Se siete troppi non dovrete preoccuparvi,...
Giochi da tavolo

Le regole di Cranium

Cranium rappresenta uno dei giochi di società più divertenti ed irriverenti a cui poter giocare con gli amici. Questo splendido partygame metterà alla prova i partecipanti in tantissime sfide di scultura, disegno, mimo e drammatizzazione. Non mancheranno,...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Cranium

Gioco di società nato nel 1998, Cranium si è differenziato per il gran numero di attività che lo caratterizzano. Il suo successo è rimasto invariato, tanto da generare una serie di estensioni e di spin-off altrettanto divertenti. In questa lista,...
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.