Come giocare a Costruttori del Medioevo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Siete alla ricerca di un bel gioco da tavolo, abbastanza rapido da non annoiarvi, ma complesso a sufficienza da stimolare le vostre menti? Costruttori del Medioevo, ideato da Frédéric Henry ed edito da Asterion Press è il titolo che risponde perfettamente alle vostre esigenze. Si tratta di un gioco da tavolo dalle componenti semplici e dal regolamento comprensibile, ma davvero appassionante. Dal design accattivante e la fascinosa ambientazione medievale, questo gioco di carte ha il pregio di poter essere giocato anche in due, fino a un massimo di quattro giocatori sopra i 10 anni. Nello scenario creato da Costruttori del Medioevo diventerete dei veri e propri imprenditori antichi e sarà vostro compito acquistare risorse e manovalanza per costruire edifici, accumulare punti e vincere. Scopriamo insieme come giocare a Costruttori del Medioevo!

26

Occorrente

  • Il gioco Costruttori del Medioevo
36

Le componenti

Sono pochi gli elementi che compongono questo gioco. Nella bellissima scatola in metallo possiamo trovare un mazzo di 42 carte raffiguranti gli edifici o i macchinari da costruire. Sul retro sono illustrati i progetti terminati. Ognuna di queste carte, nel bordo superiore e di lato, ha indicato il denaro che si può guadagnare a progetto finito, i punti che permette di ottenere e la quantità di risorse necessaria alla costruzione. Un altro mazzo di 42 carte raffigura gli operai necessari alla realizzazione dei progetti. Ogni operaio ha un costo, indicato in alto a destra, e fornisce una serie di risorse utili alla costruzione degli edifici, indicata di lato. In dotazione ci sono inoltre delle monete di plastica di diverso valore: una moneta d'argento vale 1, mentre una moneta d'oro vale 5. Infine, la scatola include una Carta primo giocatore, da dare al vincitore.

46

La preparazione del gioco

All'inizio del gioco si mescolano i due mazzi di carte separatamente. Ogni giocatore riceve cinque monete d'argento e una d'oro, per un valore complessivo di dieci monete, e pesca dal mazzo una carta Operaio a caso. I due mazzi vengono poi posti sul tavolo, coperte. Si pescano cinque carte per ciascun mazzo e si posizionano in fila, visibili a tutti, sul piano di gioco. Le file di carte che si sono create rappresentano gli edifici che i giocatori sceglieranno di costruire e gli operai che vorranno assumere.

Continua la lettura
56

Lo svolgimento

Ogni giocatore, al suo turno, può svolgere tre mosse a scelta: prendere una carta edificio, per poi costruirlo, prendere una carta apprendista per ingaggiarlo, oppure iniziare a lavorare ad una costruzione. Non è necessario che faccia tutte e tre le scelte, può anche fare più scelte dello stesso tipo, oppure rinunciare alle proprie mosse per del denaro, una moneta per azione. Un giocatore può anche rinunciare a tutte le proprie azioni e passare così il turno al giocatore successivo. Ogni volta che una carta viene scelta, dev'essere rimpiazzata pescando dagli appositi mazzi e posando le carte nello spazio mancante all'interno della fila. Se il giocatore sceglie di mettere al lavoro uno dei suoi operai, dovrà pagare il prezzo di quel manovale e sprecherà un'azione, mentre ingaggiare un secondo operaio nella costruzione dello stesso edificio, costa ben due azioni. In pratica, se decide di mettere al lavoro due operai su uno stesso edificio, utilizzerà tre azioni. Utilizzare più operai durante la costruzione dello stesso edificio non è obbligatorio, ma è spesso necessario perché il lavoro di due manovali permette di accumulare risorse necessarie alla realizzazione del progetto, poiché non sempre gli operai possiedono risorse sufficienti. L'unico vincolo da ricordare è che uno stesso operaio non può lavorare a due edifici contemporaneamente, potrà essere utilizzato per un altro edificio, solo quando il precedente è stato completato. Quando la costruzione è terminata, otterremo il denaro indicato sulla carta relativa all'edificio e alcuni punti vittoria. Se i giocatori desiderano avere qualche azione in più durante il proprio turno, è possibile acquistarla per 5 monete l'una. È però saggio conservare le monete, se possibile, perché anch'esse fruttano punti vittoria, un punto per ogni dieci monete. Il gioco termina quando un giocatore arriva a 17 punti vittoria, sommando sia i punti dati dalla costruzione degli edifici e dei macchinari, sia quelli forniti dalla conservazione delle monete.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Fate attenzione alle vostre mosse e alle risorse da acquistare per le costruzioni. In questo giorno è necessario arrivare a 17 Punti Vittoria prima dei propri avversari, dunque è consigliabile fare le scelte imprenditoriali più azzeccate per costruire in poco tempo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare ad Ascension: Deckbuilding Game

Originariamente rilasciato come Ascension: Chronicle of the Godslayer. Deckbuilding Game è un gioco da palcoscenico dal ritmo incalzante progettato da Magic: The Gathering Pro Tour. Ovvero dai campioni Justin Gary, Rob Dougherty e Brian Kibler, con artwork...
Giochi da tavolo

Come giocare a I Principi di Firenze

I "Principi di Firenze" è un gioco da tavolo che vede la luce nel 2000 e riscuote subito un notevole successo. Il tempo medio di durata di ogni partita è calcolato intorno ai 90 minuti e i giocatori coinvolti variano dai 2 ai 4. Data la sua diffusione...
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Indago

Indago è un gioco di carte interamente made in Italy, ideato da Gianluigi Giorgetti con la grafica di Alan D'Amico. Ambientato nel Medioevo, epoca nota per intrighi, complotti e tradimenti, è molto semplice da apprendere ed adatto ai neofiti dagli 8...
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.