Come giocare a Chaturanga

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Chaturanga è un gioco molto antico di origini indiane, considerato il precursore del moderno gioco di scacchi. Le partite si svolgono con quattro giocatori, disposti ad ogni lato della scacchiera. I giocatori che si trovano di fronte sono alleati. Il tavoliere è composto da otto caselle in riga e otto caselle in colonna, proprio come le moderne scacchiere. Ma, a differenza di queste ultime, non vi è l'alternanza di colori tra nero e bianco: le caselle sono tutte dello stesso colore, generalmente bianco o marrone chiarissimo. Essendo un gioco molto antico, è difficile trovare informazioni a riguardo. Per questo motivo, vi invito a leggere la seguente guida, per capire come giocare a Chaturanga.

26

Occorrente

  • Chaturanga
36

I pezzi del tavoliere

I pezzi che possono essere utilizzati nel gioco sono di quattro tipi: fante, cavallo, nave, elefante. A questi si aggiunge ovviamente il re. Ogni giocatore ha a disposizione otto pezzi così composti: quattro fanti, un re, un cavallo, una nave e un elefante. Ogni gruppo ha un colore specifico, che può essere giallo, rosso, verde o nero. Ad inizio partita, i pezzi devono essere collocati ai quattro angoli della scacchiera. Partendo dall'angolo e procedendo verso destra, si posizionano la nave, il cavallo, l'elefante e il re, seguendo questo ordine. Davanti a questa fila, si devono poi disporre i quattro fanti. Questo procedimento va seguito per tutti gli angoli del tavoliere. Avrete così creato il vostro schieramento.

46

Movimenti dei pezzi

Ogni pezzo può compiere determinati movimenti. I fanti sono come le pedine degli scacchi, quindi si muovono di una sola casella, in qualunque direzione desiderate, tranne diagonalmente. La nave, al contrario, ha la possibilità di muoversi solo diagonalmente, di due caselle per volta. L'elefante invece può muoversi in tutte le direzioni, tranne quella diagonale, ma ha una più ampia capacità di movimento rispetto al fante, poiché può muoversi senza limiti di caselle. Il cavallo può compiere lo stesso movimento del cavallo degli scacchi. Ciò vuol dire che bisogna seguire una traiettoria ad L, dal punto di partenza del cavallo, per poterlo spostare. Infine il re, può muoversi di una sola casella in tutte le direzioni, compresa quella diagonale.

Continua la lettura
56

Come si vince

Lo scopo del gioco è quello di eliminare il re, esattamente come negli scacchi. Ma ci sono delle differenze sostanziali. Infatti, se un giocatore riesce a prendere il re delll'avversario, questo rimane sulla scacchiera senza poter fare movimenti. Se l'alleato del giocatore che ha perso il re, riesce a prendere il re di uno degli avversari, i re possono essere scambiati e quindi entrambi liberati. Per cui, possono nuovamente muoversi. Un re che viene preso per due volte, viene eliminato definitivamente. La squadra che ha eliminato i due re della squadra rivale vince la partita.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitatevi molto e riflettete bene sulle vostre mosse, in quanto il gioco richiede pratica, pazienza ed attenzione

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Shatranj

Shatranj è uno dei più antichi "giochi da tavolo" del mondo; questo è il termine con cui i Persiani chiamarono gli scacchi indiani, probabilmente i primi ad essere creati. La parola, derivata dal sanscrito, significa "dai quattro ranghi". Shatranj...
Giochi da tavolo

Come giocare a La torre stregata

La torre stregata è un gioco da tavola molto intuitivo, adatto ai ragazzi ma soprattutto ai bimbi più piccoli che possono giocare con l'aiuto dei genitori. Si può giocare in due ed occorre poco spazio, in cameretta o, perché no, su un tappeto in soggiorno...
Giochi da tavolo

Come giocare a Max Skiacciatutto

Il gioco per i bambini è un'esperienza fondamentale, per crescere e divertirsi. A volte la scelta migliore è un gioco da tavola perché lascia i bambini liberi di giocare autonomamente in sicurezza. Ma è sempre meglio alternare a questo tipo di attività...
Giochi da tavolo

Come giocare al mercante in fiera

Mercante in fiera è un gioco da tavolo, riprodotto dal gioco trasmesso in televisione. Questo gioco non prevede pedine. Per giocare si utilizzano due mazzi identici di carte speciali, da quaranta, l'unico strumento di gioco. Giocare al "mercante in fiera"...
Giochi da tavolo

Come giocare a Imperial 2030

L'estate è la stagione in cui trascorriamo la maggior parte del tempo con gli amici, tra allegria e giochi collettivi. Oggi proviamo a vedere come giocare a Imperial 2030, un gioco divertente, molto coinvolgente ed appassionante. Per giocare a questo...
Giochi da tavolo

Come giocare a rubamazzo

Tutti gli appassionati di carte sanno giocare a rubamazzo. Giocare a rubamazzo è facile. Possono farlo tutti, infatti spesso i bambini ci giocano. Rubamazzo è un gioco semplice e divertente. Permette ai bambini di imparare i valori delle carte. Non...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Memory

Tutti noi da bambini abbiamo giocato a Memory. Memory è un gioco di carte semplice e divertente. Memory stimola lo sviluppo della memoria. Crescendo però capita di dimenticare come si gioca. Non ricordate bene le regole per giocare a Memory? Probabilmente...
Giochi da tavolo

Come giocare a l'Allegro Chirurgo

Come giocare a l'Allegro Chirurgo? L'allegro chirurgo è uno dei più famosi giochi da tavolo della Hasbro. Esso rappresenta la versione italiana del tradizionale gioco americano Operation di Milton Bradley. Divertente e allegro, l'allegro chirurgo prevede...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.