Come giocare a cava-camicia

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Il cava-camicia, conosciuto anche come "straccia camicia" o "strazza camicia" è un semplicissimo gioco di origine settentrionale in cui vengono utilizzate le comuni carte da gioco regionali.
L'obiettivo è quello di appropriarsi di tutte le carte presenti lasciando agli avversari, come lascia intuire il simpatico titolo, solo la camicia. Si incentra fondamentalmente su poche e semplici regole che lo rendono un gioco semplice da giocare e adatto anche ai più piccoli.

27

Occorrente

  • Un mazzo di carte regionali
37

Innanzitutto è importante essere in possesso di un mazzo di carte regionali, da tradizione sono preferite quelle napoletane o emiliane. Seguendo il senso orario, gli altri giocatori a turno faranno la stessa cosa formando un mazzetto comune al centro del tavolo. Nel momento in cui un giocatore giocherà una delle tre carte vincenti il giocatore successivo sarà obbligato a porre al centro del tavolo tante carte quanto è il valore di quella giocata dall'avversario. Se durante la giocata di un giocatore dovesse venir fuori una delle carte vincenti l'obbligo di scartare si interrompe e il turno passa al giocatore successivo che dovrà, dunque, scartare il numero di carte indicato da quella del giocatore precedente.

47

Nel cava-camicia le uniche carte vincenti sono rappresentate da Asso, due e tre, il resto delle carte sono considerate scartini privi di valore. Il primo giocatore è solitamente quello posto alla sinistra del cartaio e pone la prima carta del proprio mazzo sul tavolo. Se il giocatore non pone una delle carte vincenti sul tavolo il mazzetto ottenuto fino a quel momento viene vinto dal giocatore che ha giocato l'ultima carta vincente.

Continua la lettura
57

Dopo aver mischiato accuratamente le carte si procede alla divisione del mazzo in tanti mucchietti quanti sono i giocatori, l'importante è che ogni giocatore abbia lo stesso numero di carte. È importante non guardare le carte nel mucchietto ma tenerle sempre col dorso rivolto verso l'alto!

67

Esempio: il giocatore A scarta un due, il giocatore B dovrà scartare due carte. Se il giocatore B avrà la fortuna di scartare una carta vincente, ad esempio un asso, il giocatore successivo dovrà scartare una sola carta. Se il giocatore B scarterà solo scartini, ad esempio un sette, il mazzetto centrale formatosi fino a quel momento andrà a sommarsi al mazzo personale dell'ultimo giocatore che avrà scartato una carta vincente. Il gioco termina quando uno dei giocatori avrà tutte le carte nel proprio mazzo personale. Il gioco semplice e divertente rappresenta un ottimo passatempo. Buon divertimento!

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • per 2 o 4 persone

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare alla variante di Burraco 4 in 2

Il Burraco sta avendo moltissimo successo, sopratutto perché è intuitivo da comprendere, ma allo stesso tempo richiede strategia e ragionamento. Le regole classiche del Burraco richiedono la presenza di 4 giocatori, ma esiste la variante che, invece,...
Giochi da tavolo

Ramino: la strategia del gioco

Il Ramino è un gioco di carte di origini anglosassoni, che va giocato con le carte francesi. Il Ramino è così chiamato per il nome dato al Jolly, ossia appunto "Ramino", o anche "matta". Esso presenta diverse varianti, di cui la più famosa è "Scala...
Giochi da tavolo

Come giocare a UNO

UNO è un gioco di carte non collezionabili che da oltre 40 anni fa divertire amici e famiglie. Il numero di giocatori varia da 2 a 10, e i mazzi sono formati da carte numerate colorate (Rosso, Blu, Giallo e Verde) e da altre carte "bonus". Queste ultime...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a UNO

Uno è un gioco di carte che vede i suoi albori negli Stati Uniti, seppur la sua originalità sia incerta in quanto esistono diversi giochi piuttosto antichi che si basano su meccanismi molto simili. Uno è stato creato da Merle Robbins nel 1971. I giocatori...
Giochi da tavolo

Come giocare a Hulo!

Hulo! È un gioco di carte edito da Dal Negro nel 2016, colorato e divertente, dal regolamento semplice e adatto a tutta la famiglia. È la modernizzazione di un altro gioco chiamato Dernier e molto simile ai più noti Solo e Uno. Ne è infatti una rivisitazione....
Giochi da tavolo

Come studiare una strategia vincente a Uno

UNO è un gioco da tavolo con le carte oramai conosciuto da tutti; il gioco è molto semplice ed intuitivo, tanto che anche i bambini più piccoli ci giocano. Le regole sono basilari: al giocatore vengono date sette carte, che raffigurano diversi numeri...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Imhotep

Avete sentito parlare del gioco Imhotep: mastri costruttori nell'Antico Egitto e volete sapere come si gioca? Oppure lo possedete, ma non avete il libretto con le istruzioni e le regole? Allora state leggendo l'articolo giusto. Sì, perché in questa...
Giochi da tavolo

Briscola: regole di gioco e strategie per vincere

La briscola è un gioco popolare di origini antichissime, giocato in tutta Italia e di grande intrattenimento: basta avere con sé un mazzo e si può giocare con qualsiasi altra persona conosca le regole base. La sua semplicità ne ha fatto la sua fortuna...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.