Come giocare a Bestia a 5 carte

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nella serate invernali, soprattutto nel periodo natalizio, molte famiglie o amici si riuniscono per passare un po' di tempo insieme giocando a qualche gioco da tavola, come ad esempio alla tombola, ma anche a qualche giorno con le carte.
Un gioco molto conosciuto è il cosiddetto gioco a Bestia a 5 carte.
Si tratta di un gioco molto simile al gioco della briscola o al tresette, anche se presenta regole simili al poker. In questa guida vedremo insieme come giocare a Bestia a 5 carte.

26

Occorrente

  • Carte italiane
36

Regole generali

Questo tipo di gioco si può giocare con un numero di giocatori pari a 4 o a 5. Le carte che devono essere utilizzate sono le carte italiane tradizionali, come ad esempio le carte siciliane, che sono composte da 40 carte, 10 per ogni seme, che sono denari, coppe, spada e bastoni. Le carte seguono un ordine gerarchico, ossia hanno valore differente che va dalla carta più alta, ossia il re, che corrisponde al numero 10, poi abbiamo il cavallo, la donna e poi a seguire le carte che vanno dal 7 all'asso. Il gioco prevede 3 fasi differenti, ossia la distribuzione delle carte tra i giocatori, la dichiarazione dei bussanti e il momento in cui si giocano le carte.

46

Regola sulla distribuzione delle carte

La distribuzione delle carte è il primo momento che decreta l'inizio vero e proprio del gioco. Per prima cosa si deve scegliere ill mazziere, ossia colui che distribuisce le carte. Solitamente il mazziere lo si sceglie in modo del tutto casuale, come ad esempio alzando la carta più alta, in quanto, è una scelta importante perché la giocata inizia da colui che siede alla destra del mazziere e poi si segue un giro in senso antiorario. Poi a turno i diversi giocatori saranno chiamati ad essere il mazziere. Il mazziere dopo aver mescolato le carte, procede a distribuire 3 carte a testa, poi gira una carta al centro, il cui seme sarà la cosiddetta briscola e poi completa la distribuzione dando altre 2 carte ai giocatori.

Continua la lettura
56

Regole della dichiarazione

Dopo aver distribuito la carte, il primo giocatore a destra del mazziere deve effettuare la sua dichiarazione. Può posare le carte sul tavolp e quindi uscire dal gioco e non può più rientrare, oppure bussare e passare alla seconda fase del gioco. È chiaro che una scelta di questo tipo è una conseguenza della visione delle proprie 5 carte. Se si hanno buone carte in mano si sarà propensi a continuare a giocare. Dopo aver concluso il giro delle dichiarazioni, per tutti coloro che hanno bussato, avranno la possibilità di cambiare le proprie carte nel caso in cuo lo vogliano e poi dovranno giocare con quelle nuove.

66

Regole del gioco della carta

Dopo aver completato il momento della dichiarazione, si procede a giocare la prima carta del giocatore che si trova a destra del mazziere. La regola fondamentale è che il primo giocatore sceglie la propria carta da giocare e gli altri devono rispettare il seme giocato.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

PC

Come Giocare A Bestia

In questi giorni di festa, si intrattengono gli ospiti con giochi da tavolo e carte. Rappresentano una tradizione irrinunciabile oltre alla classica tombola. Il Sette e mezzo, il Piatto, il Gioco dell'asino o Ciuccio, l'Assassino, la Scopa, la Briscola,...
Giochi da tavolo

Le regole del bridge

Il bridge è un gioco di carte in cui quattro giocatori, i quali formano due coppie contrapposte, si sfidano per raggiungere un punteggio variabile, a seconda che la modalità della partita sia "libera" o "in competizione". Ogni partita è distinta in...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
PC

Come giocare a briscola in quattro

Fra i giochi di carte più popolari del nostro paese ricordiamo la briscola. Si presume che la briscola sia nata nei Paesi Bassi e portata in Italia dai Francesi. Successivamente ha subito profonde variazioni da parte degli Italiani, tanto che è diventato...
PC

Come giocare a Misere

Se si sta pensando di organizzare una serata divertente a casa ed invitare qualche amico, non c'è niente di meglio di una bella partita a carte, che mette d'accordo tutti soprattutto durante le festività natalizie. Invece di fare i soliti giochi tradizionali,...
Giochi da tavolo

Come giocare a Cinquecento

Cinquecento è un gioco di carte molto popolare in Sicilia e in Lombardia (chiamato anche Marianna), esso si può giocare in due, tre (rimuovendo un Due dal mazzo) o quattro persone (giocando a squadre a X). Cinquecento si basa molto sul famoso gioco...
Giochi da tavolo

Come giocare e vincere a briscola

Il gioco delle carte è uno dei costumi più importanti del nostro paese. Potete viaggiare per ogni regione del nostro paese e avrete sempre a che fare con carte magari molto caratterizzate dalla zona in cui vengono usate, ma sempre riferenti agli stessi...
Giochi da tavolo

Come giocare a Piquet

Avete presente il gioco Piquet? No? Allora dovete assolutamente conoscerlo! In questo articolo vedremo proprio di cosa si tratta.Piquet, chiamato anche Picchetto, è un gioco di 32 carte e i giocatori sono massimo due. Rientra nella categoria di giochi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.