Come fare scacco matto

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Alcune partite di scacchi possono prolungarsi per ore, addirittura per giorni. Questo avviene quando nessuno dei due avversari sa come fare scacco matto. Cosa significa fare scacco matto? Significa impedire al re dell'avversario di proteggersi e quindi porre definitivamente fine alla partita. Per fare scacco matto alcuni pezzi sono fondamentali, mentre altri sono semplicemente d'intralcio. In generale, per effettuare uno scacco matto semplice è importante non perdere durante la partita questi pezzi: la regina, la torre, gli alfieri e il re ovviamente. In alcuni casi anche qualche pedone può essere d'aiuto.

26

Occorrente

  • Scacchiera
  • Scacchi
  • 2 Giocatori
36

Utilizziamo Torre e Re: uno scacco matto semplice

Ognuno di questi pezzi singolarmente può fare scacco matto al re dell'avversario, con l'aiuto del vostro re. Facciamo un esempio. Posizionate il re ad una casella di distanza dal re dell'avversario e di fronte ad esso, mettendoli faccia a faccia. In seguito ponete la torre sulla riga dove si trova il re avversario. La riga deve essere una delle due sul bordo, così il re avrà una direzione totalmente bloccata. Il re avversario sarà dunque sotto scacco e nel momento in cui si sposterà sulla casella libera, verrà bloccato dal vostro re. Questo tipo di scacco matto si può fare anche con la regina, se la si utilizza come fosse una torre.

46

Utilizziamo ancora il Re: scacco matto con Re ed Alfieri

È molto difficile far arrivare i due alfieri fino alla fine della partita, perché essi hanno una funzione di primo piano nel gioco. Non metteteli a rischio per eliminare qualche pezzo avversario che non sia il re. Come nel caso dello scacco matto fatto dalla torre, è fondamentale che il re avversario si trovi sulla riga al bordo, in particolare all'angolo (consideriamo quello in alto a sinistra) della scacchiera. Posizionate il vostro re su una casella più a destra e due caselle più indietro del re avversario. Un alfiere farà lo scacco al re avversario posizionandosi accanto al vostro re. Il secondo alfiere dovrà essere posto una casella sopra all'altro, in modo da impedire al re avversario di proteggersi spostandosi a destra. Se il re avversario si sposterà avanti invece, il vostro lo eliminerà.

Continua la lettura
56

Uno scacco matto complesso: NON utilizziamo il Re

A volte è meglio lasciare il re al suo posto per non metterlo a rischio. In questo caso la soluzione più semplice è quella di utilizzare due torri. La condizione fondamentale, come sempre, è che il re avversario si trovi sul bordo. A questo punto si deve porre una torre sulla riga sulla quale si trova il re e l'altra sulla riga adiacente. Il re, costretto a spostarsi solo di una casella, non avrà scampo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Concentratevi solo sui pezzi più utili, gli altri possono solo intralciarvi, non importa se li perdete durante la partita.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Le principali difficoltà in una partita di scacchi

Il gioco degli scacchi è uno dei giochi da tavolo più antichi e più famosi al mondo. Questo gioco, anche se viene chiamato gioco, è molto serio e anche molto strategico. È il protagonista di molti tornei, e anche della nascita e della rottura di...
Giochi da tavolo

Scacchi: quando sacrificare una pedina

Nel gioco degli scacchi, la scelta di sacrificare una delle proprie pedine va valutata attentamente, per assicurarsi che questo dia un vantaggio importante (per esempio, la possibilità di compiere uno scacco matto). Di seguito saranno elencate alcune...
Giochi da tavolo

Scacchi: come vincere in tre mosse

Il gioco degli Scacchi è un gioco di strategia bellissimo, ma allo stesso tempo difficilissimo. Il gioco consiste nel muovere i propri pezzi sulla scacchiera, al fine di bloccare il re avversario, precludendogli la possibilità di spostarsi di casella....
Giochi da tavolo

Come giocare a Xiangqi

È un gioco cinese di origine antica, ancor'oggi in uso in Cina, che appartiene alla grande famiglia degli scacchi. Il suo secondo nome è proprio "Gioco degli scacchi cinese" e da sempre viene giocato lungo le strade, nelle osterie, nei punti di ritrovo....
Giochi da tavolo

10 regole per vincere a scacchi

Gli scacchi sono un gioco di strategia, diffuso in tutto il mondo, che prevede due avversari che si sfidano detti "Bianco" e "Nero", per il rispettivo colore delle pedine usato. Questi due giocano su una scacchiera, composta da 64 caselle di due colori...
Giochi da tavolo

10 tattiche per vincere a scacchi

Nato probabilmente in India nel VI secolo, il gioco degli scacchi ebbe nel mondo arabo e nel continente europeo un successo indescrivibile, tanto che per la sua diffusione in ogni ambiente fu considerato un vizio da cui rifuggire. Ai nostri tempi, al...
Giochi da tavolo

Sport: Le regole del gioco degli scacchi

All'interno di questa breve guida, come avrete sicuramente compreso dal titolo della stessa, andremo a dedicarci a uno specifico sport, particolare, in quanto non di movimento, ma di ragionamento: gli scacchi. Andremo a spiegare quali sono le regole del...
Giochi da tavolo

Come giocare a Makruk

Il gioco degli scacchi altro non è che una versione più moderna del makruk. Quest'ultimo, ad oggi molto diffuso nell'area del sud - est asiatico (principalmente in Thailandia e nella vicina Cambogia) consta di regole ben precise che andremo ad esaminare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.