Come creare una storia per Dungeons & Dragons

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Dungeons & Dragons è forse il gioco di ruolo più famoso di sempre. Creare una storia avvincente non è molto difficile, ma bisogna stare un po' attenti. Non serve una grandissima inventiva, basta saper lavorare con ciò che si ha a disposizione. Un'idea di fondo, sapere quali sono i personaggi e figurarsi le loro azioni e reazioni, e soprattutto avere delle vie di fuga. Vediamo come costruire una trama.

25

L'idea di fondo per un'avventura di D&D

Il primo passo è l'idea. La trama di un film, non importa che sia fantasy, o di un fumetto possono essere un buono spunto. L'ideale non è ricalcare alla cieca qualcosa di già scritto e definito, ma prendere qua e là le idee per le singole scene. Rifarsi a molte fonti aiuta a non rendere del tutto prevedibile l'andamento delle azioni. Scelta la trama di massima (classiche sono le EUMATE, Entra, Uccidi Mostro, Arraffa Tesoro, Esci) si inizia ad aggiungere le false piste. La cosa migliore da fare è aggiungere elementi che tolgano la sicurezza ai giocatori. SI deve però stare attenti a non lasciarli troppo fantasticare, perché una falsa pista si deve sempre rivelare come fine a se stessa, in modo che i personaggi possano poi focalizzarsi nuovamente sulla trama.

35

Perchè introdurre le false piste?

Una trama di un'avventura di Dungeons & Dragons può essere bella ed interessante, ma anche micidiale per i personaggi. Aggiungere piccole quest, ossia avventure collaterali può permettere ai personaggi di accumulare esperienza ed oggetti necessari per concludere la trama principale. IN pratica si tratta di piccole avventure da aggiungere alla trama per permettere al Dungeon Master di creare le condizioni ottimali per gli eventi principali.

Continua la lettura
45

Come si sceglie la trama principale?

La via migliore per costruire una buona avventura è deciderne solo i punti chiave, quindi buttare giù una sorta di mappa concettuale. Con questo metodo si evita di trovare la trama rovinata per esempio da un tiro fortunato. In sostanza le azioni chiave che per qualche motivo vengono snobbate o rovinate dai giocatori possono essere spostate e modificate, se necessario. Non si rischia cioè di dover buttare via un pacco di fogli pieni di appunti solo perché i giocatori hanno preso un bivio sbagliato. Il meccanismo delle quest è pensato apposta per questo. I giocatori devono potersi muovere liberamente in un mondo complesso, e sta al Dungeon Master fare in modo che le cose accadano.

55

Che cosa non si deve mai fare?

I giocatori devono sentirsi a loro agio nei loro personaggi, quindi il Dungeon Master deve assecondarli in parte. Non si devono mai sentire obbligati a compiere una scelta "per ragioni di trama". Chi gestisce il mondo deve pensare alle sue vie di fuga, ed imbrigliare le azioni dei personaggi con un minimo di astuzia. Farli camminare in un bosco per trovarsi alla fine in una palude li farà poi tornare sulla retta via. Obbligarli ad un incontro nonsense con un oscuro guardiano che dice loro che per magia devono proseguire dritti sarà per lo più un evento malvisto dalla maggior parte dei personaggi, soprattutto se poi il PNG dovesse anche risultare immortale e invulnerabile.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Dungeons and Dragons

Dungeons and Dragons è il capostipite dei giochi di ruolo e parlare di vittoria è improprio. In questo tipo di gioco è previsto che il gruppo dei giocatori, ognuno dei quali interpreta un personaggio definito da caratteristiche, riesca a portare a...
PC

Come interpretare il Dungeon Master

Il Dungeon Master, nei giochi di ruolo, è colui che predispone e gestisce l'avventura che gli altri giocatori vivranno interpretando i propri personaggi. È principalmente sua dunque la responsabilità della riuscita della sessione di gioco. In questa...
PC

Come giocare a Neverwinter

Neverwinter è un MMORPG già disponibile da diverso tempo su PC (uscito nel 2013) e da poco approdato anche su console. Questo titolo è ambientato nel vasto universo del famoso gioco di ruolo Dungeons & Dragons, ma non si tratta del sequel di Dungeons...
PC

Come creare un personaggio di Dungeon and Dragons

Giocare a Dungeon and Dragons è qualcosa di straordinario. È un' esperienza bella a seconda dei casi, in quanto il D. And D. Non è il "normale gioco da tavolo". Infatti nelle sue parti, si rivela come un gioco di ruolo, da tavolo, di ambientazione...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Dungeon Bazar

"Dungeon Bazar" è un gioco da tavolo della Cranio Creations che si ispira al mondo dei giochi di ruolo e di Dungeons&Dragons. Il giocatore però in questo caso non è chiamato ad impersonare l'eroe che vuole entrare nel dungeon sotterraneo e uccidere...
iPhone e iPad

I migliori giochi di ruolo per iPhone

I giochi di ruolo, comunemente noti anche come GDR, sono delle avventure nate inizialmente come giochi da tavolo (basti pensare al capostipite del genere, Dungeons & Dragons), in cui ci si avventura vestendo i panni di un personaggio e facendolo muovere...
PlayStation

Le tipologie di eroi dei giochi di ruolo

I giochi di ruolo, nati come gioco da tavolo e poi sviluppati poi anche come videogiochi, si sono affermati a partire dagli anni Settanta in America. "Dungeons and Dragons" è uno tra i più famosi, e da questo gioco trarranno ispirazione tutte le serie...
Giochi da tavolo

I 5 giochi da tavolo più amati da sempre

Soprattutto durante le giornate d'inverno più fredde, ci si ritrova spesso con gli amici a casa, a bere una buona cioccolata calda davanti ad un bel fuocherello; perché magari fuori piove o fa troppo freddo. Ed ecco i presupposti per cominciare a giocare...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.