Regole per giocare a Piripicchio

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Nei momenti dove non bisogna fare qualcosa di importante, è sempre meglio impiegare il tempo libero a disposizione con un gioco allegro. Molte persone cercano di trascorrere qualche ora in palestra o facendo dell'attività sportiva all'aperto (come il jogging o il calcio). Altrettanta gente è invece piuttosto casalinga, dunque preferisce fare una rilassante e divertente partita a carte.  

26

Distribuire le carte ai giocatori di Piripicchio

Una prima regola per giocare a Piripicchio è quella di avere un numero di giocatori che si può dividere per le 40 carte del mazzo. Questo non deve però risultare troppo elevato e dunque è meglio giocarci in due, quattro o cinque. La quantità di carte da distribuire ai concorrenti deve essere la stessa. Ogni carta ripartita tra gli sfidanti non deve venire assolutamente scoperta. In caso contrario, bisogna mischiare nuovamente il mazzo e ridistribuire le carte ai giocatori di Piripicchio.

36

Scoprire le carte avute dal mazziere

Una seconda regola per giocare a Piripicchio è quella di iniziare a scoprire una carta per volta dal proprio mazzo. A cominciare il gioco deve essere il giocatore posizionato alla sinistra del mazziere che ha distribuito le carte. Qualora la carta scoperta fosse un asso, bisogna metterla al centro del tavolo da gioco. Tutte le ulteriori carte vanno invece depositate in prossimità del mazzetto avuto, collocate sopra quelle degli altri sfidanti a Piripicchio o messe tra le carte centrali.

Continua la lettura
46

Non commettere errori, in modo da non prendere schiaffi durante il gioco

Una terza regola per giocare a Piripicchio è "punire" il giocatore che sbaglia con un leggero schiaffo sulla mano. Gli errori che si possono fare riguardano soltanto la nuova carta scoperta ad ogni mano di gioco. L'asso non viene posizionato al centro del tavolo o la carta che si può mettere sopra quella di un avversario non viene attaccata? Una carta da mettere centralmente viene depositata sul mazzetto personale? I sfidanti devono schiaffeggiare lievemente la mano di chi ha fatto lo sbaglio.

56

Terminare le carte per vincere

Una quarta regola per giocare a Piripicchio è quella di finire le carte prima degli avversari. Questo non dipende assolutamente dalla bravura personale, in quanto occorre avere fortuna nel possedere le carte giuste. Essere fortunati non basta per la vittoria. Bisogna stare così attenti da non fare errori di gioco. Commettere sbagli può impedire la vittoria a Piripicchio, anche venendo baciati dalla sorte. Vincere al gioco richiede dunque parecchia attenzione ed una buona dose di fortuna.

66

Scegliere una carta del mazzo, per stabilire quelle da usare come penitenza

Una quinta regola per giocare a Piripicchio riguarda soltanto il giocatore perdente, l'unico che non ha terminato le carte del suo mazzetto. Chi perde al gioco deve scegliere una carta e dire se iniziare dal basso o dall'altro del mazzo. Tutte le carte precedenti a quella indicata devono venir impiegate come castigo al perdente nel gioco del Piripicchio. I bastoni e le spade corrispondono rispettivamente a pugni e spadate. Le coppe e le denari comportano rispettivamente il carro armato ed i pizzicotti.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
PC

Come giocare a pinella

Nei momenti più piacevoli della giornata ci si ritrova in famiglia o circondati dagli amici. Tra una chiacchierata e un aperitivo, spesso si esce il mazzo delle carte da gioco e si inizia a giocare per passare il tempo insieme. Giocare a carte è un...
Giochi da tavolo

Come giocare a centocinque

Centocinque, oppure 105, è un gioco di carte che si avvicina molto alla tipologia di Uno, in quanto il giocatore che totalizza più punti (massimo 105) perde. Per giocare a Centocinque occorre un mazzetto di carte napoletane e il suo scopo è quello...
Giochi da tavolo

Come giocare al solitario con le carte

Per ammazzare il tempo diversamente dal solito un'idea spassosa e originale è quella di giocare al solitario con delle carte da gioco! Basta procurarsi un mazzo di carte e imparare questi semplici passaggi per ammazzare il tempo e giocare anche senza...
PC

Come giocare a cava-camicia

Il cava-camicia, conosciuto anche come "straccia camicia" o "strazza camicia" è un semplicissimo gioco di origine settentrionale in cui vengono utilizzate le comuni carte da gioco regionali.L'obiettivo è quello di appropriarsi di tutte le carte presenti...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai bambini

I giochi di carte hanno un'origine molto antica. Pare, infatti, che alcuni storici leghino la nascita delle carte da gioco a quelle della cartamoneta e sostengano che si siano diffuse a partire dal continente asiatico. Queste prime, rudimentali, carte...
Giochi da tavolo

Come giocare alla variante di Burraco 4 in 2

Il Burraco sta avendo moltissimo successo, sopratutto perché è intuitivo da comprendere, ma allo stesso tempo richiede strategia e ragionamento. Le regole classiche del Burraco richiedono la presenza di 4 giocatori, ma esiste la variante che, invece,...
Giochi da tavolo

Scopone scientifico: regole di gioco

Lo scopone scientifico è un avvincente gioco italiano che si gioca con un mazzo di quaranta carte napoletane o piacentine, che hanno i semi di bastoni, spade, coppe e denari. Rappresenta la variante della popolare scopa ma presenta regole diverse.Il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.