Regole per giocare a Ostrakon

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa guida vediamo le regole per giocare a Ostrakon. Il gioco è un po' particolare in quanto ciascun giocatore diventa filosofo e a turno deve fare una domanda o porre un quesito su argomenti di carattere universale. Serve un buon numero di giocatori, che varia da 5 a 12, ed una partita può anche diventare molto lunga. Per quanto riguarda i preparativi è semplice e richiede pochi. Infine una partita è adatta anche per i bambini un po' più grandi.

26

Preparazione del gioco

La preparazione per una partita richiede circa 5 minuti, si tratta di disporre del tabellone ed alcune carte, chiamate carte percorso, fila fino ad arrivare alla carta finale, quella del Tempio della saggezza. Sono presenti dei segnali che vengono disposti all'inizio del percorso, questi vengono disposti sulla prima carta e sono coperti dalla carta del sole. Viene messa da parte la carta calendario e la si usa per segnare i turni. Al di sopra di questa si pone la carta luna e la si posiziona in base al numero dei giocatori.

36

Regole del gioco

Prima di iniziare i turni si mescolano le carte argomento. Al proprio turno ciascun giocatore pone un quesito che deve avere solo due risposte possibili, il mazziere gli consegna una carta per stabilire l'argomento del quesito. Infine il giocatore sceglie una risposta da abbinare al coccio bianco e l'altra a quello nero. Gli altri giocatori rispondono al quesito ponendo un segnalino vicino ad un coccio tra i due. Il filosofo che ha posto la domanda scegliendo in segreto quale risposta ottenga il maggior numero di consensi. Il turno finisce quando tutti i giocatori hanno fatto la propria domanda.

Continua la lettura
46

L'esito della risposta

Nel caso il giocatore filosofo abbia puntato su quella vincente allora avanza verso il tempio della saggezza di un numero di caselle pari alle risposte contrarie a quella che aveva scelto, se non indovinare resta fermo. L'abilità nelle domande consiste nell'ottenere in realtà opinioni discordanti. Infatti in presenza di domande scontate è molto facile che tutti gli altri giocatori forniscano la stessa risposta e che quindi il filosofo in questione rimanga fermo.

56

Il turno successivo

Terminato il primo turno la carta è spostata di una casella e la carta sole viene posta sul filosofo con il maggior punteggio. Questo è il giocatore che inizia il turno successivo ed apre alla cosiddetta nuova giornata. Vince la partita riesce a terminare il percorso per primo.

66

Regole speciali

Per rendere più avvincente la partita è possibile, a scelta del mazziere o su certe carte percorso, l'utilizzo di regole speciali. Queste possono essere utilizzate per obbligare altri giocatori a determinate azioni oppure trarre vantaggio da quelle degli altri.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Kilòro

Il Kilòro è un gioco di carte a cui possono partecipare massimo 17 persone. Tutto ciò di cui si ha bisogno è semplicemente due mazzi di Pinnacola da 52 carte cadauno e, ovviamente, tanti giocatori pronti a divertirsi. Prima di tutto vi è la necessità...
Giochi da tavolo

Regole per giocare ad Asso pigliatutto

Asso pigliatutto è una variante del classico gioco di carte conosciuto come scopa napoletana, ed ha lo stesso obiettivo di raccogliere dal banco il maggior numero di carte per totalizzare più punti dell'avversario. Per giocare si usa lo stesso mazzo...
Giochi da tavolo

Come giocare a UNO

UNO è un gioco di carte non collezionabili che da oltre 40 anni fa divertire amici e famiglie. Il numero di giocatori varia da 2 a 10, e i mazzi sono formati da carte numerate colorate (Rosso, Blu, Giallo e Verde) e da altre carte "bonus". Queste ultime...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Tressette

Tressette è un gioco di carte italiano, che trae le sue origini dall'area romana. Vi sono diverse varianti, che cambiano in base alle conoscenze del gioco da parte dei giocatori. La località ha una parte fondamentale, perché spesso ne determina le...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Burraco

Il Burraco è un gioco di carte nato in Italia durante gli anni Quaranta. Vengono usati due mazzi di carte francesi, Jolly inclusi, e vi partecipano solitamente due o quattro giocatori, in quest'ultimo caso vengono divisi in squadre, ma esistono anche...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a UNO

Uno è un gioco di carte che vede i suoi albori negli Stati Uniti, seppur la sua originalità sia incerta in quanto esistono diversi giochi piuttosto antichi che si basano su meccanismi molto simili. Uno è stato creato da Merle Robbins nel 1971. I giocatori...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Mambassa

Mambassa è un gioco di carte che deriva il suo nome dal detto "fare man bassa". Viste le regole del gioco, è probabile che questi sia ispirato ai più famosi Trentuno e Pentragola. Manbassa è molto giocato nel litorale marchigiano. In particolare è...
Giochi da tavolo

Come imparare a giocare a King

Giocare con le carte è molto diffuso, soprattutto in Italia ed in particolare nelle occasioni di festa (Natale e vacanze estive tra le altre). Può anche capitare di voler giocare a carte con gli amici, per passare il tempo divertendosi e allenando,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.