Regole per giocare a Jumanji

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il titolo "Jumanji" non evoca subito l'idea di un gioco da tavolo, quanto più quella di un film del 1995 di cui era protagonista l'indimenticato attore statunitense Robin Wiliams. In seguito, più di recente e più esattamente nel 2017, è stato girato un remake di quella pellicola con protagonista Dwayne Johnson. La particolarità di entrambe le pellicole è che al centro della vicenda narrata vi è, in effetti, un gioco da tavolo che si dice abbia origine africana e che si chiama "Jumanji". Nel film accade che le persone vengano risucchiate al suo interno e lì costrette a rimanere finché qualcuno non termina il gioco. Nella realtà, Jumanji è un avvincente gioco da tavolo in cui non si corre il rischio di venire risucchiati ma solo di perdere la partita! Ecco le regole per giocare a Jumanji.

26

Il tabellone di gioco

Come ricorderà chi ha visto (e amato) il film, il tabellone di gioco di Jumanji era formato da uno schema di pedine con al centro una sfera. Anche se il tabellone del gioco creato dalla MB sulla scia del successo della pellicola cinematografica non è altrettanto accattivante, ne riproduce la grafica in modo piuttosto fedele. Al centro c'è un elemento sferico, e dai quattro angoli del tabellone si dipartono dei percorsi che arrivano fin lì.

36

Il numero dei giocatori

Si può giocare in due, in tre o in quattro, quindi nella scatola si trovano anche quattro pedine. All'interno della confezione ci sono poi 30 carte "pericolo", 5 dadi ad 8 facce (uno per avanzare e quattro per il salvataggio), un rinoceronte e una piccola clessidra che segna il tempo di 8 secondi. .

Continua la lettura
46

La modalità di gioco

All'inizio del gioco ogni concorrente si posiziona ad uno dei quattro angoli del tabellone, e pi si procede come nel più classico dei "giochi dell'oca". Si tira il dado ad otto facce e si avanza di tante caselle quanto è il risultato del dado, procedendo per turni. Jumanji però è un gioco collaborativo: si concorre tutti insieme alla vittoria finale.

56

Le carte Pericolo

Dopo aver mosso la pedina, il giocatore deve prelevare dal mazzo una carta pericolo che viene messa al centro del tabellone, dove si trova il decodificatore. Ogni carta pericolo riporta qualche riga in rima ed un'immagine. Tali immagini si trovano anche sui dadi di salvataggio: ogni giocatore deve tirare i dadi salvataggio finché non esce l'icona riportata sulla carta.

66

La fine del gioco

Il tempo che ogni giocatore ha a disposizione per trovare il simbolo della carta Pericolo è di 8 secondi, quello cioè scandito dalla clessidra. Se non tutti i giocatori riescono a far comparire il simbolo, la carta Pericolo viene messa sulla parte laterale del tabellone che rappresenta la Giungla Nera. Le carte che compongono la Giungla Nera sono 10: se prima che tutte siano posizionate sul lato del tabellone almeno un giocatore ha raggiunto il centro del tabellone, la partita è vinta. Se invece le carte sono tutte posizionate e i giocatori sono ancora in corsa, la partita è persa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Regole per giocare a Backgammon

Il Backgammon è uno dei più popolari giochi da tavolo ancora giocati in tempi moderni. Anche se non è famoso come la dama o gli scacchi, esattamente come questi ultimi condivide una storia millenaria, risalente a migliaia di anni fa in Asia Minore....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Senet

Il Senet è un gioco da tavolo molto antico, di certo il più antico tra quelli da noi conosciuti e forse il più antico in assoluto. Veniva praticato nell'Antico Egitto e aveva un elevato valore simbolico: infatti indicava il percorso delle anime nell'aldilà....
Giochi da tavolo

Come costruire Pictionary

Pictionary è un gioco da tavolo divertente per gruppi di tre o più persone. Vediamo innanzitutto cosa ci serve per costruire a casa questo gioco da tavolo. Le prime cose da realizzare sono un tabellone, alcune pedine, schede delle categorie (mazzo...
Giochi da tavolo

I 5 giochi da tavolo più amati da sempre

Soprattutto durante le giornate d'inverno più fredde, ci si ritrova spesso con gli amici a casa, a bere una buona cioccolata calda davanti ad un bel fuocherello; perché magari fuori piove o fa troppo freddo. Ed ecco i presupposti per cominciare a giocare...
Giochi da tavolo

Come giocare a L'isola di fuoco

L'isola di fuoco è un gioco da tavolo pubblicato nel 1986 dalla società statunitense Milton Bradley Company, ormai acquisita dalla Hasbro.La scatola di gioco è provvista di una plancia di plastica in tre dimensioni, raffigurante appunto l'isola di...
Giochi da tavolo

Come giocare a Trivial Disney

Trivial Disney è una variante del, forse più celebre, trivial pursuit. Come il più tradizionale Trivial pursuit, il trivial Disney, non è altro che un gioco da tavolo in cui i concorrenti sono chiamati a rispondere ad una serie di domande che faranno...
Giochi da tavolo

Come giocare a RisiKo!

Risiko! È un gioco da tavolo strategico. La trama si ispira su una possibile guerra mondiale: infatti, i giocatori (che possono andare per un minimo di 3 ad un massimo di 6) si ritrovano a dover difendere o conquistare gli altri territori mondiali presenti...
Giochi da tavolo

Come giocare a Cranium

Creato da Alexander e Richard Tait nel 1998, Cranium è un gioco di società che permette di svolgere un ampio ventaglio di attività: dal disegno al canto, dal mimo alla manipolazione della plastilina. Ne esistono anche diverse espansioni e spinoff....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.