Regole per giocare a Burraco

di Francesco Vernaglione tramite: O2O

Il Burraco è un gioco di carte nato in Italia durante gli anni Quaranta. Vengono usati due mazzi di carte francesi, Jolly inclusi, e vi partecipano solitamente due o quattro giocatori, in quest'ultimo caso vengono divisi in squadre, ma esistono anche varianti per tre giocatori o per un solitario. In questa guida vedremo le regole indispensabili per giocare a Burraco.

1 I mazzi Il gioco prevede la presenza sul campo di due mazzetti da 11 carte ciascuno, detti pozzetti, preparati e messi da parte a lato del tavolo da gioco: un giocatore che resta senza carte in mano può prendere un pozzetto, e nel caso non abbia effettuato lo scarto in questo turno può continuare a giocare la propria mano con le 11 carte del pozzetto. Un mazziere distribuisce poi 11 carte a ciascun giocatore in senso orario, ne mette una scoperta al centro del tavolo di fianco ad essa lascia il resto del mazzo.

2 I turni Il gioco si svolge a turni, ed ogni turno è suddiviso in tre fasi. La prima fase è costituita dalla pesca dal mazzo, detto anche tallone, posto al centro del tavolo o, in alternativa, si raccoglie la pila degli scarti al suo fianco, ovvero la serie di carte scoperte che si viene a creare dagli scarti dei giocatori ad ogni turno; nel caso vi sia una sola carta, essa non potrà essere scartata alla fine del turno. La seconda fase è invece facoltativa, ma allo stesso tempo è quella che può richiedere più tempo, in quanto il giocatore può scendere nuove carte sul tavolo, creando nuove scale o estendendo quelle già esistenti. Infine, l'ultima fase prevede lo scarto di una carta dalla propria mano passando così il turno al giocatore successivo.

Continua la lettura

3 I Jolly e le Pinelle Il gioco prevede alcune carte che svolgono una funzione particolare, ovvero i quattro Jolly, che possono sostituire qualsiasi altra carta, e la Pinella, ovvero il 2 di ogni seme per un totale di otto Pinelle, che hanno la stessa funzione dei Jolly ma con un valore a fine partita inferiore.  Ogni sequenza posta sul tavolo non può contenere più di uno tra Jolly o Pinella, i quali una volta scesi sul campo non possono ritornare in mano ma possono comunque essere spostati in altre sequenze.  Approfondimento Come giocare a pinella (clicca qui) Una Pinella può inoltre assumere il valore del semplice 2 del seme a cui corrisponde se è posizionato in una rispettiva sequenza dello stesso seme, ed in questo caso può essere aggiunto uno Jolly nella stessa sequenza di carte.

4 Lo svolgimento del gioco Il fulcro del gioco si fonda sulle azioni di "calare" e "attaccare" carte. Per calare carte si intende la scesa sul campo di almeno tre carte che formano insieme una combinazione di carte dello stesso valore e di qualsiasi seme, o una sequenza di carte dello stesso seme. Nel Burraco le sequenze vanno da Asso ad Asso, ovvero la suddetta carta può essere posizionata sia dopo il 2, che prima del Re, e com'è già stato detto possono essere integrate da Jolly e Pinelle per sostituire le carte mancanti. Attaccare una carta vuol dire posizionarla in una combinazione o sequenza già piazzata sul tavolo. Calare le carte è un'azione opzionale in quanto viene data al giocatore avversario la possibilità di scorgere le sequenze o combinazioni su cui si sta lavorando, e di conseguenza diventano evidenti le carte di cui si ha bisogno; dato che ogni giocatore al termine del proprio turno è tenuto a scartare una carta, e che si può prendere l'intero monte degli scarti per aggiungerlo alla propria mano, si tende a calare le carte il più tardi possibile.

5 La chiusura Lo scopo del gioco è chiudere la partita rimanendo senza carte in mano dopo averne scartata una, avendo preso un pozzetto ed avendo calato almeno un burraco, ma è possibile che il gioco termini senza soddisfare questi requisiti quando nel tallone restano soltanto due carte da pescare. Un burraco è una combinazione o scala di carte che può essere puro (se è formato da almeno sette carte senza Jolly o Pinella), semi-puro (se comprende una Pinella o un Jolly ma è formato da otto carte di cui 6 in sequenza), e impuro (composto da sette o più carte con Jolly o Pinella e con sequenze che contano meno di 6 carte in fila).
Quando la partita è chiusa si sommano i valori delle carte sul campo, sottraendo quelle rimaste in mano, e vince il giocatore o la squadra che raggiunge i 505, 1005 o 2005 punti. La chiusura assicura 100 punti, mentre un pozzetto non preso ne toglie 100; un burraco puro vale 200 punti extra, uno semi-puro ne vale 150 ed uno impuro 100; il Jolly vale 30 punti, la Pinella 20, l'Asso 15, le carte dal Re all'8 valgono 10 punti, mentre quelle dal 7 al 3 ne valgono 5.

Regole per giocare a UNO Uno è un gioco di carte che vede i suoi albori ... continua » Regole per giocare a Canasta La Canasta è un gioco di carte estremamente popolare. La sua ... continua » Consigli per vincere a scala 40 Scala 40 è un gioco di origine ungherese, derivato dal ramino ... continua » Come giocare a domino con le carte Il mazzo di carte non manca mai nella casa degli italiani ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come giocare a UNO

UNO è un gioco di carte non collezionabili che da oltre 40 anni fa divertire amici e famiglie. Il numero di giocatori varia da 2 ... continua »

Come giocare ad asso che fugge

Le carte da gioco sono delle particolari tessere che normalmente hanno una forma rettangolare di cartoncino plastificato, che vengono utilizzate per effettuare moltissimi giochi di ... continua »

Come Giocare al Quartetto

Le carte da gioco rappresentano uno tra gli svaghi più diffusi in tutta la popolazione. Infatti, sia grandi che piccini, giocano spesso a carte, soprattutto ... continua »

Come Si Gioca A Whist

Il whist costituisce uno dei tradizionali giochi di carte e nasconde una storia singolare, da cui ha avuto origine: esso è nato in Inghilterra nel ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.