Come giocare a Labirinto Magico

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il Labirinto Magico è un gioco da tavolo creato nel 1986 e, ancora oggi, molto utilizzato, soprattutto per scacciare la noia. L'età consigliata per questo gioco è dai 7 anni in su e il numero di giocatori può variare tra 1 e 4 persone. In questa guida vedremo come giocare al Labirinto Magico, le regole principali e il suo scopo. Per chi non conoscesse il gioco, potrebbe scoprire un bellissimo modo di passare il tempo e divertirsi. Il gioco è particolarmente indicato per i bambini che, soprattutto in questo periodo estivo, si annoiano spesso e cercano sempre nuove cose da fare.

24

Scopo del gioco

Tutti i giocatori si mettono in viaggio nel labirinto magico e, ognuno di loro, inizia la propria ricerca di tesori, oggetti e creature misteriose attraverso le insidiose vie del percorso. Il primo giocatore che riesce a trovare tutti gli oggetti, ed a tornare dal punto in cui era partito originariamente, viene dichiarato vincitore del gioco.

34

Preparativi

Prima di iniziare mischiate bene le tessere del gioco e disponetele sugli appositi spazi liberi che si trovano sul piano di gioco. Così facendo avrete una disposizione del tutto casuale delle tessere e quindi un percorso del "Labirinto Magico" sempre diversa. Al termine di questo procedimento deve avanzare una tessera di gioco, non vi allarmate quindi, fa parte del gioco. Adesso mischiate anche le 24 tessere incantesimo che sono dotate nella confezione è distribuitele tra i vari giocatori che si addentreranno nel labirinto. Le carte incantesimo ricevute vanno raccolte in un mazzetto e disposte coperte davanti a voi. Infine ogni giocatore sceglie una pedina e la posiziona nell'angolo del tabellone con il colore corrisponde alla pedina scelta.

Continua la lettura
44

Regole e procedimento

I giocatori in gara decidono chi deve iniziare per primo, non importa il metodo utilizzato, scegliete pure quello che vi sembra più consono. Una volta scelto il primo giocatore i turni si svolgeranno in senso orario. Il concorrente che è di turno sceglie la prima carta nel proprio mazzetto che ha di fronte, la guarda senza farla vedere agli altri, e la ripone coperta vicino al mazzetto di carte da cui l'ha precedentemente pescata. La figurina che si è pescata indica il luogo che il concorrente deve raggiungere, rappresenta quindi l'obiettivo del giocatore. Per raggiungere la meta predisposta, il concorrente dovrà provare a crearsi un percorso nel labirinto modificando, turno dopo turno la conformazione del tabellone di gioco e, quindi, del labirinto stesso. Il tabellone si modifica attraverso l'inserimento laterale della tessera che avanza al passo 1. Una volta che la strada sarà libera vi potrà far passare la propria pedina. Non ci sono limiti nei movimenti della stessa, a patto che la strada sia libera. Il primo giocatore che riesce a terminare tutte le carte del proprio mazzetto (e quindi a completare tutti i propri obiettivi) ed a tornare al punto di partenza, è dichiarato vincitore.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a Carrotia

Carrotia è un gioco da tavolo divertente e cooperativo. Demolisce qualsiasi stereotipo del coniglio dolce e mite, a cui si sovrappone un eroe estremamente coraggioso. Per vincere, l'animale deve raccogliere un gran numero di carote. Per farlo, però,...
Giochi da tavolo

Consigli per vincere a Gioco dell'Oca

Il gioco dell'oca è uno dei giochi da tavolo più famosi al mondo. Molto probabilmente il gioco risale all'antica Cina e che avesse regole simili a quelle odierne. Anche all'interno della storia rinascimentale di Firenze è presente questo gioco. Nonostante...
Giochi da tavolo

Come giocare a Labyrinth

Questo gioco per la famiglia è pensato espressamente per i fan del film cult omonimo (che, oltre ad annoverare un favoloso David Bowie tra i protagonisti, ha lanciato la bella Jennifer Connelly) e per tutti i nostalgici degli anni '80. Con la scusa di...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a La Cucaracha

Dei grossi scarafaggi sono determinati a infestare la vostra cucina, siete pronti a scacciarli, mossa dopo mossa, prima dei vostri avversari? Questo divertentissimo gioco, La Cucaracha, edito da Ravensburger, può essere giocato da 2 a 4 giocatori dai...
Giochi da tavolo

Come giocare al Gioco dell'Oca

Il Gioco dell'Oca è uno dei giochi da tavolo a percorso più famosi ed amati di sempre. Le sue origini risalgono alla metà del '500 e per volere di Ferdinando De Medici, il quale regalò tale gioco a Filippo secondo re di Spagna. Anche se rivolto maggiormente...
Giochi da tavolo

Come giocare a Dungeonquest

Dungeonquest è un gioco a tavolo che ha ormai qualche anno di vita. È un gioco fantasy ambientato nel castello di Terrinoth dove vive un drago malefico con manie di potere, che ha ideato una trappola per "avidi". Nel Dangeon è custodito gelosamente...
Giochi da tavolo

5 giochi da tavolo da fare dai 6 ai 12 anni

Il gioco è un potente mezzo di espressione che aiuta a potenziare le proprie abilità cognitive, la fantasia ed allo stesso tempo, essendo un'attività ludica, divertendosi, aiuta ad accrescere la coesione con gli altri, oltre che la motivazione ad arrivare...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Gioco dell'Oca

Il Gioco dell'Oca è uno dei più antichi e comuni giochi da tavolo. Le sue origini sembrano risalire a un gioco tradizionale cinese, poi ripreso da Ferdinando I de' Medici, il quale lo offrì in regalo a Filippo II di Spagna. Il gioco come lo conosciamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.