Come giocare a Dubito

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Dubito, conosciuto anche come Balle, è un gioco di carte, molto facile da giocare e divertente per tutte le età. È consigliabile svolgere partite con tre o più giocatori; il mazzo utilizzato è lo stesso delle carte giocate in scala quaranta (quindi con 52 carte) e lo scopo del gioco è quello di saper cogliere nell'avversario la verità o la menzogna, una finta, in base alla carta che gioca in quel turno. Vediamo dunque in questa guida come giocare: seguitemi!

26

Occorrente

  • Uno o due mazzi di carte da scala quaranta
36

L'apertura della partita

Se i giocatori superano il numero di cinque, è necessario possedere due mazzi di 52 carte. Definito un mazziere, si distribuiscono le carte due a due, procendendo in senso antiorario. Se avanza una carta, questa dovrà essere scartata. Si gioca a carte coperte, tenendole in mano: inizia il giocatore che sta alla sinistra del mazziere, dichiarando il valore della la carta, da una a 36, che andrà a scartare. In caso di scarto multiplo le carte dovranno avere ugual valore. I giocatori dovranno indovinare se chi sta scartando la carta sta dicendo la verità o meno: se il giudizio sarà positivo, il giocatore posiziona le carte a faccia in giù sul tavolo e si passa al turno successivo.

46

I turni dei giocatori

Nel turno seguente, il giocatore dovrà scartare le carte con un valore che supera quello dell'altro giocatore: se, per esempio, questo aveva dichiarato di avere tre 5, il successivo dovrà avere da tre a sette 6. Il gioco procede in questo modo fin quando un giocatore si troverà senza carte, e in tal caso avrà vinto la partita. E se un giocatore dubita della veridicità delle informazioni di un avversario? In tal caso, al momento della dichiarazione, dovrà dire: "Dubito!". Se ottiene la ragione, e quindi indovina che il giocatore sta dichiarando il falso, questo dovrà prendere tutte le carte "scartate" sul tavolo come penalità. In caso contrario, quindi se chi dichiara il valore delle carte sta dichiarando il vero, il dubitatore dovrà prendere tutte le carte sul tavolo. Dubitare sta alla base di questo gioco: comprendere l'effettiva verità a partire dalle espressioni e dal tono di voce dell'avversario rende la partita più entusiasmante.

Continua la lettura
56

La fine della partita

Se si finiscono le carte e rimangono solo i quattro re, i giocatori dovranno iniziare nuovamente la partita raccogliendo tutte le carte, mescolandole, distribuendole due a due e dichiarando i valori più bassi. L'asso, per esempio, in questo gioco ha il valore più basso. Esistono diverse varianti di Dubito in base alla zona in cui si gioca: l'utilizzo del mazzo di carte napoletano è infatti previsto nelle zone del Sud. In tal caso, si potranno scartare carte di valore diverso (più basso, più alto o uguale, come per tre = due, tre e quattro).

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Imparate a decifrare bene il tono e la mimica dell'avversario.
  • Se giocherete con persone di vostra conoscenza sarà più facile capire se stanno dicendo la verità.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Giochi da tavolo

Come giocare a UNO

UNO è un gioco di carte non collezionabili che da oltre 40 anni fa divertire amici e famiglie. Il numero di giocatori varia da 2 a 10, e i mazzi sono formati da carte numerate colorate (Rosso, Blu, Giallo e Verde) e da altre carte "bonus". Queste ultime...
Android

Pokemon GO: come trovare i Pokestop più vicini

Pokemon Go, il videogioco basato sulla realtà aumentata sviluppato dalla Niantic, in collaborazione con la Nintendo e i Game Freak, è una delle app più scaricate da un paio di mesi a livello mondiale.Il gioco ci permette di catturare tutti i 151 Pokemon...
Giochi da tavolo

I 5 giochi di carte da insegnare ai tuoi figli

In un'era governata dalla TV, dal PC e da videogiochi che permettono all'utente di calarsi in una realtà sempre più interattiva, è facile perdere di vista il fascino dell'interazione sociale e dei tradizionali giochi che garantiscono divertimento gratuito...
Giochi da tavolo

Come giocare alla variante di Burraco 4 in 2

Il Burraco sta avendo moltissimo successo, sopratutto perché è intuitivo da comprendere, ma allo stesso tempo richiede strategia e ragionamento. Le regole classiche del Burraco richiedono la presenza di 4 giocatori, ma esiste la variante che, invece,...
Giochi da tavolo

Regole per giocare a UNO

Uno è un gioco di carte che vede i suoi albori negli Stati Uniti, seppur la sua originalità sia incerta in quanto esistono diversi giochi piuttosto antichi che si basano su meccanismi molto simili. Uno è stato creato da Merle Robbins nel 1971. I giocatori...
Giochi da tavolo

Come giocare a Hulo!

Hulo! È un gioco di carte edito da Dal Negro nel 2016, colorato e divertente, dal regolamento semplice e adatto a tutta la famiglia. È la modernizzazione di un altro gioco chiamato Dernier e molto simile ai più noti Solo e Uno. Ne è infatti una rivisitazione....
Giochi da tavolo

Regole per giocare a Solo

Solo è un gioco di carte piuttosto popolare, molto simile ad Uno nelle regole ma caratterizzato da un diverso mazzo di carte, di cui alcune simili a quelle di Uno ed alcune nuove. Le regole per giocare a Solo sono piuttosto semplici e il numero dei giocatori...
Giochi da tavolo

Come giocare a ramino

Durante l'estate è sempre complicato trovare passatempi durante le lunghe pause tra un bagno e l'altro. Certo ci sono i giochi da spiaggia, come il beach volley e il beach soccer. Tuttavia non tutti siamo nati per essere atleti o semplicemente preferiamo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.